I benefici dello zucchero e sciroppo di malva

zucchero e lo sciroppo alla malva
Commenti: 0 - Stampa

I benefici dello zucchero e sciroppo di malva- La malva è una pianta che fa parte della famiglia delle Malvacee. La sua qualità mucillaginosa la rende ideale come rimedio per diversi problemi interni ed esterni. Vediamo prima di tutto i benefici, gli usi e nel dettaglio lo zucchero e lo sciroppo preparati con questa pianta.

Le sue foglie sono emollienti, significa cioè che contengono proprietà utili contro dolori leggeri e formano uno strato protettivo sulle ferite, punture d’insetti e lividi. Il modo più comune di usare queste proprietà guaritrici è fare una poltiglia con le foglie o i fiori.

Per le ferite o la pelle danneggiata, basta mettere 6 cucchiaini di malva essiccata in 946 ml d’acqua, filtrare e applicare un panno con la soluzione gelatinosa sulla parte interessata. Oppure potete lasciare in infusione le foglie o le radici e utilizzare questo gel come shampoo se avete i capelli rovinati o come crema per le mani secche e le scottature. Un’altra idea è bollire le foglie per fare una maschera idratante e riposante per gli occhi.

E’ molto utile in caso di tosse secca e bronchite per via della caratteristica gelatinosa. Infatti viene usata in molti prodotti per la tosse. Le foglie, le radici e i fiori hanno poi degli elementi che rendono la malva un ottimo espettorante. Un altro rimedio popolare è l’infuso con un leggero effetto lassativo. Per problemi respiratori o digestivi, bollite 3 cucchiaini di malva essiccata in 170 ml d’acqua per 10 minuti, filtrate e bevete.

Anche se di solito non si presentano effetti collaterali, chiedete consiglio al medico prima di usare la malva per trattare la tosse o come lassativo.. Ed eccovi le ricette per preparare lo zucchero e lo sciroppo alla malva

Zucchero alla malva

Prepariamo lo zucchero di malva

E’ una ricetta molto delicata, però potete aumentare la dose di malva e non modificare quella dello zucchero se volete farlo più forte. Potete usarlo ad esempio per metterlo nella cioccolata o per fare dei biscotti.

Ingredienti:

  • 2 cucchiai pieni di malva essiccata,
  • 100 g di zucchero semolato.

Preparazione

Frullate con il mixer lo zucchero e la malva. Tutto qui: un gioco da ragazzi!

Passiamo allo sciroppo di malva

Scroppo alla malva

Abbiamo già visto le proprietà emollienti e mucillaginose della malva, quindi è facile capire quanto sia benefica anche in caso di mal di gola. Vediamo come preparare uno sciroppo apposito. Prendetene 1-2 cucchiaini ogni volta che ne avete bisogno. Se preferite, potete diluirlo in una bevanda calda.

Ingredienti per 600 ml

  • 100 gr. radice di malva,
  • 1 litro acqua fredda,
  • 300 gr. sciroppo di agave o miele

Preparazione

Fate macerare la radice nell’acqua per una giornata intera. Bollite poi il composto a fiamma bassa per 20 minuti e fatelo raffreddare per 20 minuti.

Filtrate, aggiungete 500 g di sciroppo o miele e fatelo sciogliere. Versatelo dove volete: in una bottiglia o in un barattolo.

In conclusione, la malva ha molti vantaggi e potete fare infusi, zucchero e sciroppo.

Provatela per godere appieno dei suoi benefici se ne avete la necessità. Potete anche usare lo zucchero per dolcificare le vostre bevande preferite e provare così un gusto nuovo.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Zucchero alla lavanda

Zucchero alla lavanda, per dolcificare con gusto

Zucchero alla lavanda, un dolcificante perfetto. Lo zucchero alla lavanda è uno zucchero aromatizzato. Il procedimento è semplice e la resa soddisfacente sotto tutti i punti di vista: aspetto,...

Miele di ulmo

Miele di ulmo, il dolce nettare del Cile

Un focus su un miele davvero particolare Il miele di ulmo non è un miele come tutti gli altri. In primis perché è legato strettamente a una specifica cultura agroalimentare, ossia quella cilena....

zucchero di dattero

Lo zucchero di dattero è il dolcificante più...

La storia dello zucchero di dattero Lo zucchero di dattero è un alimento decisamente esotico, almeno per gli standard europei. Eppure si sta lentamente diffondendo anche in questa parte del mondo,...

zucchero di sciroppo di acero

Alla scoperta dello zucchero di sciroppo di acero!

State cercando un ottimo dolcificante?. Alla scoperta dello zucchero di sciroppo di acero!. Al giorno d’oggi, grazie a una maggiore consapevolezza, sono moltissime le persone che decidono di...

Miele di timo

Miele di timo : proprietà e benefici e...

Si fa presto a dire timo: questo piccolo, resistente arbusto conta numerose specie, non solo aromatiche e virtuose in erboristeria, ma anche ornamentali in orti, terrazze e giardini. Ricordiamo il...

Miele di avocado

Miele di avocado dalle notevoli proprietà

Incredibilmente, esiste anche il miele di avocado - un frutto di cui non ci sarebbe mai venuto in mente il fiore! Invece, si chiama così il miele ottenuto proprio dal nettare dei fiori di avocado...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


11-02-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti