Mesciua spezzina: scoprite la ricetta!

Mesciua spezzina
Commenti: 2 - Stampa

Mesciua spezzina, un tuffo nella cucina tradizionale ligure! Nel dialetto spezzino, una variante della lingua ligure, il termine “mesciua” significa “mescolata” o “mescolanza”.

E deriva dal fatto che questa zuppa veniva preparata nella zona del porto dai pescatori. Il tutto con ingredienti scelti in maniera del tutto casuale e mischiati tra loro. Ovviamente si trattava di una “mescolanza” sapiente, che ha dato origine a un piatto tutto da scoprire.

Mesciua spezzina: l’origine avvolta nel mistero

Come succede spesso per le pietanze della tradizione, le origini risultano incerte. Pare che la mesciua spezzina risalga al XIV secolo, in particolare nei borghi della costa occidentale del Golfo dei Poeti. Ma c’è chi suppone abbia ascendenze arabe. Altri invece danno una rilettura più romantica. E tornano al periodo in cui gli scaricatori occasionali del porto della Spezia venivano pagati in natura a fine giornata.

Ovvero con tutto ciò che “avanzava” dalle operazioni di sbarco e imbarco delle navi. Accadeva spesso che si aprissero o si rompessero i sacchi di granaglie o di legumi. E così a fine giornata i lavoranti si portavano a casa un po’ di tutto, tra quello che si era recuperato, per farne una zuppa. Dunque che affonda le proprie radici nell’anima del territorio.

Cucina ligure: un mondo di prelibatezze tutto da scoprire

La Mesciua spezzina è sintomatica anche perchè rappresenta un esempio significativo di cucina ligure. Chi non ha ancora scoperto le prelibatezze di questa meravigliosa regione, può incappare in un fraintendimento. Quello di considerarla come essenzialmente marinara. Ma è vero solo in parte.

Mesciua spezzinaPerché il suo fascino consiste proprio nell’estrema varietà delle pietanze. Si possono trovare ottimi piatti di pesce. Come ottimi piatti di carne. O come in questo caso ottime zuppe di legumi. Da notare, infatti, come la mesciua tipica del territorio spezzino nasca nel contesto portuale pur non presentando ingredienti “marittimi”. L’invito è quello di recarsi sul posto. O di informarsi per provare a realizzare certe specialità nella propria cucina. Del resto, in questo come in molti altri casi, gli ingredienti sono semplici ed essenziali.

Legumi, alimento “povero” dalle molteplici proprietà benefiche

Negli ultimi anni abbiamo assistito a una rivalutazione dei legumi. Anche per quanto riguarda il loro ruolo all’interno di un’alimentazione sana. Ebbene, un’assunzione equilibrata di queste bontà garantisce un buon apporto energetico. Derivante per esempio dai carboidrati. Non solo. Notevole è anche l’apporto proteico, soprattutto dal punto di vista qualitativo. Per non parlare della presenza di sali minerali, in particolare ferro, potassio e fosforo. I ceci in particolare sono considerati benefici per quanto riguarda la circolazione del sangue. E ora andiamo a vedere come preparare questa zuppa che è riuscita a sfidare il tempo raggiungendo il ventunesimo secolo!

Ingredienti per 4 persone

  • 150 gr cannellini secchi
  • 150 gr ceci secchi
  • 100 gr farro
  • 6 cucchiai olio extravergine oliva
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Mettete a bagno in acqua fredda i ceci e i fagioli, separatamente, per 8 ore e il farro, se indicato dalla confezione, per il tempo consigliato.

Scolate i ceci, lavateli, metteteli in una grande casseruola con abbondante acqua fredda non salata e cuoceteli a fuoco basso per circa 2 ore dall’ebollizione, schiumando spesso.

Trascorso il tempo indicato, unite i fagioli scolati ai ceci, cuoceteli per un’ora, poi aggiungete anche il farro scolato e continuate la cottura per altri 50 minuti circa.

Salate la zuppa poco prima del termine della cottura e conditela con l’olio.

Distribuitela nelle fondine, profumatela con una macinata abbondante di pepe e servitela, se vi piace, con un filo d’olio crudo.

5/5 (542 Recensioni)
CONDIVIDI SU

2 commenti su “Mesciua spezzina: scoprite la ricetta!

  • Lun 3 Mag 2021 | Daniela ha detto:

    La vera mesciua si fa con fagioli piattelle toscani e con grano e ceci
    Mio nonno aveva negozio di mesciua a spezia 90 anni fa!! Ed era ben conosciuto
    Ceci e grano a bagno ma le piattelle si mettono così sopra i ceci grano sale pizzico bicarbonato e piattelle , due ore di cottura e poi giunta di acqua per quasi altra ora

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fregola con le vongole

Fregola con le vongole, un primo tra mare...

Fregola con le vongole, un piatto dal sapore rustico La fregola con le vongole è un primo dal sapore particolare, che valorizza le vongole proponendo una soluzione alternativa. In questo caso non...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un delicato mix di ingredienti I maccheroncini con scampi e fiori di zucca sono un primo fuori dall’ordinario. In primo luogo perché sono conditi con...

Calamarata con merluzzo e datterini

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo estivo

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo leggero La calamarata con merluzzo, carciofi e datterini, lascia intendere un piatto a base di calamari, o magari un secondo di pesce. Invece si tratta...

Spaghetti con sarde e bottarga

Spaghetti con sarde e bottarga, un primo che...

Spaghetti con sarde e bottarga, colore e gusto per un ottimo primo di pesce Gli spaghetti con sarde e bottarga sono un piatto che incarna il rapporto tra la cucina italiana e il mare. D’altronde,...

Fettuccine Alfredo

Fettuccine Alfredo, una celebre ricetta italoamericana

La singolare storia delle fettuccine Alfredo Le fettuccine Alfredo sono una delle ricette più famose al mondo. Benché un po’ dappertutto siano considerate “italiane”, in realtà fanno parte...

Riso rosso con zucchine e menta

Riso rosso con zucchine e menta, un primo...

Riso rosso con zucchine e mente, altro che risotto Il riso rosso con zucchine e menta è una suggestiva alternativa al risotto. Anche perché rispetto a quest’ultimo porta spunti differenti. E’...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


02-08-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti