Voglia di dolce? Confettura extra di fichi

Tempo di preparazione:
Confettura extra di fichi ChiaraZoppei

Voglia di dolce? Ecco la confettura extra di fichi

La confettura extra di fichi è una gustosissima alleata per molte persone: è ottima per la colazione, per la merenda e per la preparazione di crostate e dolci di vario genere. Con il suo sapore mielato, soddisfa perfettamente la nostra voglia di dolcezza e ci permette di portare sulle nostre giornate un salutare “peccato di gola”. Infatti, soprattutto se scegliamo un prodotto di qualità e biologico o se la prepariamo con le nostre mani, possiamo garantire al nostro organismo tanti benefici e un sostanzioso carico di energia e nutrienti.

I fichi sono inoltre noti per le loro proprietà lassative, ma dobbiamo dire che il frutto della maestosa pianta Ficus Carica… ha moltissime altre potenzialità da non sottovalutare. Vogliamo scoprirle insieme prima di portare in tavola questa gustosa marmellata? Iniziamo subito!

Da un albero particolare, un frutto tanto speciale…

Dolce, morbido e amato da grandi e piccini, il fico è il frutto di un albero dalle origini antiche e dalle grandi foglie, appartenente alla famiglia delle Moraceae. Questa pianta può raggiungere gli 8 metri di altezza e si presenta in oltre 150 varietà, capaci di offrirci dei fichi di vari colori e dalle diverse sfumature di sapore. In ogni caso, si tratta di un frutto ottimo e dotato di interessanti proprietà organolettiche, nutrizionali e anche terapeutiche.

Perciò, decidendo di assaporare una deliziosa confettura extra di fichi, possiamo garantire al nostro corpo una valida dose di zuccheri della frutta, di minerali, di antiossidanti e di vitamine, nonché di acidi grassi omega 3 e omega 6. Cosa significa tutto questo? Nutrimento a volontà e benefici per denti, ossa, occhi, pelle, intestino e pressione sanguigna.

Questi frutti vantano inoltre di interessanti proprietà energizzanti, in quanto presentano un elevato contenuto di zuccheri che l’organismo può assimilare facilmente. Le ricerche affermano che si tratta un alimento potenzialmente antinfiammatorio e capace di aiutare nella prevenzione del tumore al seno e al colon, di promuovere la salute del cuore, di alleviare il mal di stomaco e la stipsi, e di contrastare i danni dei radicali liberi.

Portiamo nella nostra alimentazione la fantastica confettura extra di fichi!

Come avrete compreso, con questa marmellata possiamo portare in tavola un alimento che non è solamente buono e genuino: è anche terapeutico e protettivo sotto molti punti di vista…Ovviamente, se siete amanti dei dolci, non sarà difficile introdurlo nella vostra quotidianità e il suo sapore non potrà di certo deludervi! Ne basterà un lieve strato per dare al vostro corpo un carico di energia e molto più valore alle vostre fette biscottate, alle crepes, alle torte, alle crostate, ai croissant o anche semplicemente ad un pezzo di pane.

Detto questo, il suggerimento finale è di non perdervi assolutamente il gusto della confettura extra di fichi, ma non esagerate… è davvero molto dolce! Un po’ di dolcezza non guasta mai e, portandola in tavola in qualunque occasione, farete felici tutti i vostri familiari e amici, indipendentemente dall’età!

Ingredienti:

  • 2 kg di fichi,
  • 500 grammi di zucchero di canna bianco
  • 2 limoni.

Preparazione

Sbucciate i fichi, divideteli in 4 spicchi e metteteli a macerare in una terrina  con il succo e la scorza  grattugiata  dei limoni per  circa ¾ d’ora.Trascorso il tempo di macerazione mettete  il contenuto della terrina in una capiente pentola alta e antiaderente;  aggiungete lo zucchero e cuocete a fiamma bassa per altri 45 minuti, mescolando di tanto in tanto per evitare che lo zucchero si posi sul fondo e i fichi si disfino.

Quando la confettura sarà granulosa, non troppo liquida, e dalla giusta consistenza  (versatene un cucchiaino su un piattino e lasciate raffreddare: se si solidificherà un po’, allora il composto sarà pronto per essere messo nei vasetti altrimenti proseguite con la cottura )  spegnete il fuoco.

Riempite i vasetti puliti con la confettura ancora caldissima, fermandovi a 2-3 cm dal bordo, chiudete con il tappo.

Mettete i vasetti in una capiente pentola  ricoperti completamente di acqua farli   bollire per 40 minuti dall’inizio del bollore. Lasciarli poi  raffreddare nella stessa  pentola.

Una volta raffreddati  toglierli dalla pentola, asciugarli e riporli nella dispensa.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *