Tartare di tonno agli agrumi

La prostata è una ghiandola che svolge un ruolo molto importante nel sistema riproduttivo maschile e protegge il tratto urogenitale da infezioni e altre aggressioni. È un organo particolarmente delicato, che può essere soggetto a svariate patologie.

Le infiammazioni e infezioni della prostata e delle vescicole seminali (prostatite, prostato-vescicolite) sono molto diffuse e si collocano tra i disturbi maschili più spiacevoli perché in grado di influire sia sulla fertilità sia sull’attività sessuale (eiaculazione precoce, deficit erettile di mantenimento).

La qualità della vita, e soprattutto una corretta alimentazione, può condizionare, in senso positivo o negativo, l’insorgenza di queste patologie. È bene evitare cibi speziati e salati, fritti, condimenti piccanti, che possono creare un’irritazione intestinale che si trasmette alla prostata. Molto importanti anche l’attività fisica, che ostacola la stasi sanguinea in grado di favorire l’infiammazione, e la frequenza dei rapporti sessuali, che impediscono la stasi del liquido seminale e quindi l’infiammazione delle vescicole seminali e della prostata.

Un altro fattore che molto frequentemente incide sullo stato di salute di quest’organo sono le intolleranze alimentari, infiammazioni croniche dell’organismo, determinate da un progressivo accumulo di sostanze o alimenti, che possono dare luogo a numerosi e vari disturbi.

Le intolleranze alimentari creano un effetto di tipo infiammatorio a livello della mucosa intestinale che comporta la vasodilatazione e quindi l’apertura delle “porte” d’uscita dei germi dal retto e il conseguente passaggio alla prostata. Il risultato è un’infiammazione della prostata e delle vescicole seminali nei pazienti intolleranti.

Da sottolineare che la maggior parte delle infiammazioni prostato-vescicolari sono asintomatiche, quindi identificate solo quando il paziente si rivolge al medico per problemi d’infertilità, eiaculazione precoce, deficit erettile di mantenimento, sintomatologia urinaria e/o eiaculatoria.

Inoltre è importante sapere che, nonostante il parere comune, alcune patologie prostatiche non sono una prerogativa delle persone anziane, ma dei giovani che essendo più attivi sessualmente, sono anche più suscettibili alle patologie infettive.

La prostata è quindi un organo centrale dell’apparato genito-urinaro con implicazioni sia sulla fertilità sia sulla sessualità dell’uomo, che è indispensabile tenere sottocontrollo.

Partendo da questi presupposti, si consiglia a tutti i pazienti intolleranti di verificare la salute della prostata cominciando con una semplice visita uro-andrologica, per evitare conseguenze come: infertilità, eiaculazione precoce, deficit erettile, ecc.

E dopo aver illustrato un po’ il problema dell’infiammazione della prostata vi consolo con una ricetta…

Ingredienti per 4/6 persone:

  • 700 gr. di filetti di tonno fresco
  • 400 gr. di arance
  • olio extra vergine d’oliva
  • 200 gr. di songino
  • sale

Preparazione:

Tagliuzzate finemente a coltello i filetti di tonno. Pelate a vivo le arance e ricavatene degli spicchi. Un’arancia spremetela e tenete da parte il succo. Un’arancia lasciate con la buccia e tagliatela a fettine per decorare.

Le arance che avete pelato a vivo tagliatele a dadini piccoli. Un parte le tenete da mischiare al songino e una parte le emulsionate in una terrina con il succo, l’olio extra vergine di oliva e un pizzico di sale.Mettete a marinare il tonno tagliuzzato.

Prendete un coppapasta e inserite il tonno e irrorare con la vinagrette che avete preparato.Decorare con le fette di arancio e del songino fresco miscelato a qualche pezzettino di arancia.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *