bg header
logo_print

Primo piatto: Risotto all’aceto balsamico

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Risotto all'aceto balsamico
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 10 min
cottura
Cottura: 15 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
4.3/5 (3 Recensioni)

Il Risotto all’aceto balsamico rappresenta una sublime espressione della cucina italiana, in cui la tradizione si fonde con l’innovazione per creare piatti che sono tanto semplici quanto sorprendentemente raffinati. Questa variante del classico risotto non solo cattura l’essenza del riso Arborio o Carnaroli, celebri per la loro capacità di assorbire i sapori e mantenere una consistenza perfettamente al dente, ma introduce anche l’aceto balsamico, un ingrediente che porta con sé una storia di produzione artigianale e una profondità di sapore senza pari.

Nel cuore del nord Italia, in particolare nelle regioni di Modena e Reggio Emilia, l’aceto balsamico è più di un condimento; è un patrimonio culturale. L’aggiunta di questo aceto al risotto non è solo un gesto culinario, ma un omaggio alla ricchezza gastronomica italiana. La ricetta del Risotto all’aceto balsamico si distingue per la sua eleganza e per il modo in cui ogni ingrediente viene valorizzato. Il risultato è un piatto che è tanto piacevole alla vista quanto al palato, offrendo una esperienza culinaria che è profondamente radicata nella cultura italiana ma aperta a interpretazioni e innovazioni personali.

Ricetta Risotto all'aceto balsamico

Preparazione Risotto all'aceto balsamico

In un tegame  con un goccio d’olio fate soffriggere lo scalogno tagliato a fettine. Aggiungete il riso, fate tostare qualche minuto e poi sfumate con un bicchiere di vino bianco. Quando il vino è evaporato continuate la cottura aggiungendo man mano il brodo bollente. Aggiustate di sale e pepe.

A cottura completata spegnete il fuoco e mantecate con il burro, il parmigiano e 3  cucchiai di Aceto Balsamico Tradizionale.

Il Riso Carnaroli di Riserva San Massimo richiede anzichè circa 15 minuti almeno 18 minuti di cottura.

Lasciare riposare pochi minuti prima di servire con della granella di nocciole e qualche goccia di aceto balsamico. Un primo piatto raffinato ma semplice!

Ingredienti Risotto all'aceto balsamico

  • 320 gr. di riso carnaroli Riserva San Massimo
  • 1 lt. di brodo vegetale
  • uno scalogno
  • un bicchiere di vino bianco
  • 5 cucchiai di Aceto Balsamico di Modena IGP
  • 50 gr. di burro chiarificato
  • 100 gr. di parmigiano reggiano 36 mesi
  • 40 gr. di granella di nocciole
  • 3 cucchiai di olio extravergine di olivaun pizzico di sale e pepe.

Il Risotto all’aceto balsamico è una variazione raffinata del tradizionale risotto italiano, un piatto che mostra la versatilità del riso Arborio o Carnaroli quando abbinato a ingredienti intensi e aromatici come l’aceto balsamico. Questo piatto è particolarmente popolare nelle regioni del nord Italia, dove l’aceto balsamico di Modena e Reggio Emilia è prodotto e apprezzato in tutto il mondo per la sua complessità e profondità di sapore.

Il risotto è un piatto che ha radici profonde nella cucina del nord Italia, in particolare in Lombardia e Piemonte. L’introduzione dell’aceto balsamico nel risotto è un’innovazione relativamente recente che sfrutta l’appeal contemporaneo dell’aceto balsamico tradizionale. L’uso di questo condimento in cucina risale al Medioevo, ma solo negli ultimi decenni è diventato un ingrediente popolare oltre i confini italiani.

Il risotto all’aceto balsamico si distingue per l’uso di pochi ma selezionati ingredienti che devono essere di alta qualità per ottenere il miglior risultato possibile. Il riso, preferibilmente Arborio o Carnaroli, è essenziale per la sua capacità di assorbire i liquidi e rilasciare amido, conferendo al risotto la sua caratteristica cremosità. L’aceto balsamico, utilizzato sia durante la cottura per infondere il riso con il suo sapore unico, sia a fine cottura come guarnizione, aggiunge una nota dolce-acida che bilancia la ricchezza del piatto.

Varietà e innovazioni del risotto all’aceto balsamico

Mentre la ricetta base del risotto all’aceto balsamico rimane semplice, molti chef e cuochi casalinghi hanno sperimentato con aggiunte come pancetta croccante, funghi porcini, o verdure di stagione per adattare il piatto ai gusti personali e alle disponibilità locali. Queste innovazioni non solo arricchiscono il piatto ma offrono anche un’opportunità per esplorare differenti profili di sapore e texture.

Il risotto all’aceto balsamico incarna l’equilibrio tra tradizione e innovazione nella cucina italiana moderna. Rappresenta anche un ottimo esempio di come ingredienti locali possano essere elevati a nuove altezze culinarie. È un piatto che richiede pazienza e attenzione durante la cottura, riflettendo l’approccio italiano al cibo dove il tempo e la cura sono essenziali per il successo in cucina.

Il risotto all’aceto balsamico è più di un semplice primo piatto; è un’esperienza gastronomica che invita a esplorare la ricchezza dei sapori italiani. È adatto per occasioni speciali ma anche per una cena confortante a casa, dimostrando che la cucina italiana è tanto versatile quanto deliziosa.

Questo piatto è un esempio luminoso di come la tradizione possa incontrare l’innovazione in modi sorprendentemente deliziosi, mantenendo sempre il rispetto per gli ingredienti e le tecniche di base.

L’aceto balsamico ha un modesto contenuto calorico

In questo Risotto all’aceto balsamico abbiamo utilizzato un prodotto autentico e originale.

L’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena IGP a seconda del periodo di invecchiamento, è disponibile in due tipi: l’ aceto balsamico tradizionale invecchiato 12 anni e l’ aceto balsamico tradizionale “Extra Vecchio” invecchiato dai 25 ai 50 anni.

L’aceto balsamico è, infatti,  un particolare tipo di aceto che si ottiene  dalla fermentazione alcolica e acetica di mosti d’uva di elevata qualità, che si fanno invecchiare per un lungo periodo in speciali botticelle di legno di rovere di castagno, di ciliegio, di gelso o di ginepro chiamate  “acetaie” che gli trasmettono le proprie caratteristiche aromatiche.

Tale invecchiamento gli conferisce la giusta densità ( né liquida né densa ) il caratteristico aroma e profumo, il colore bruno scuro, carico e lucente e le sue straordinarie qualità.

Dal punto di vista nutrizionale e salutistico l’aceto balsamico è da considerare un ottimo prodotto, per il suo modesto contenuto calorico, che può andare a sostituire altri condimenti, come l’olio di oliva, il sale, il burro senza nulla togliere alla bontà dei piatti.

Una sua peculiarità è quella di essere prodotto senza l’aggiunta di additivi, conservanti, antiossidanti, derivati dall’anidride solforosa e di coloranti che ne sminuirebbero la qualità del nostro risotto all’aceto balsamico.

Una antica tradizione modenese vuole che fossero le “resdore”  ( le donne di casa ) a gestire le “acetaie” e il loro prezioso contenuto,  ricevute in dote per il matrimonio o rese attive in occasione della nascita di un figlio.

Da questi beni  preziosi si estraeva un balsamo tanto pregiato da suscitare la curiosità della nobiltà affascinata dalle proprietà benefiche, terapeutiche e afrodisiache.

Tra l’altro, è anche un condimento dalle ottime capacità nutrizionali. Il riferimento è soprattutto ai sali minerali, che sono presenti in una varietà e qualità straordinarie. L’aceto balsamico apporta grandi quantità di potassio e calcio, ma non è privo di fosforo e magnesio.

L’elemento più presente è lo zucchero, infondo stiamo parlando di un prodotto derivato dall’uva; per questo motivo si consiglia ai diabetici di non abusarne. Per quanto riguarda i grassi, sono praticamente assenti, parliamo, infatti, di 88 kcal per 100 millilitri (che è quasi un bicchiere, una quantità che difficilmente viene consumata tutta in una volta).

Ricette di aceto fatto in casa ne abbiamo? Certo che si!

4.3/5 (3 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Risotto alla malva

Risotto alla malva, un primo piatto aromatico e...

Quale riso scegliere? Per quanto concerne il risotto alla malva vi consiglio di andare sul sicuro utilizzando il riso Carnaroli. E’ la varietà più comunemente usata per il risotto, in quanto è...

Shirataki con verdure e salsa teriyaki

Shirataki con verdure e salsa teriyaki, un piatto...

Cosa sapere sugli shirataki I protagonisti di questa ricetta sono gli shirataki, un tipo di pasta molto consumato in Giappone ma considerata una rarità dalle nostre parti. Gli shirataki si...

Gamberoni in guazzetto

Gamberoni in guazzetto, una raffinata ricetta di mare

I gamberoni, dei crostacei davvero speciali Tra gli ingredienti di spicco della ricetta del guazzetto troviamo i gamberoni. Rispetto ai gamberi propriamente detti si caratterizzano per le dimensioni...