Mousse di fragola e banana

Tempo di preparazione:

Dobbiamo considerare quale sia il concetto di caloria e come varia il fabbisogno energetico dell’orga­nismo umano in relazione all’età, al lavoro e anche al clima (a parità di lavoro il consumo è notevolmente maggiore se la temperatura è più bassa), solo per dimo­strare come sia necessario scegliere per ogni individuo una dieta caloricamente sufficiente ai fini di garantire una perfetta salute e quindi un maggiore rendimento in tutti i campi.

Poi­ché, se una dieta ipocalorica porta senza dubbio al deperimento e quindi a una diminuita capacità lavorativa, l’eccesso di calorie nell’alimentazione porta alle mede­sime conseguenze, in quanto affatica inutil­mente l’organismo e lo predispone inoltre a pericoli di una superalimentazione, considera­ta non nel senso di una dieta superiore, bensì troppo abbondante e tendente a predisporre l’organismo all’obesità, all’artritismo, alla got­ta, al diabete, all’arteriosclerosi, ecc.

Parlando ora in particolare degli alimenti chiamati a fornire energia e cioè, i glicidi, i protidi e i grassi, è necessario ricordare che tutti rispondono a ben determinate esigenze fisiologiche dell ‘or­ganismo, per cui non possono venir interscam­biati fra di loro. Per fare un esempio, se una persona, per completare il suo fabbisogno calorico giornaliero, necessita ancora di 200 calorie, non può ricorrere indifferentemente a una fetta di pane con salame o a un pezzo di cioccolata o a un piatto di riso anche se tutti e tre gli forniscono lo stesso numero di calo­rie: il suo appetito sarà appagato in tutti e tre i casi, ma non così avverrà delle esigenze nutri­tive del suo organismo.

Da questo già si rivela l’importanza della scienza dell’alimentazione concepita oggi non solo come mezzo per fornire all’uomo le calo­rie necessarie alla sua vita. La scienza dietetica, può fissare in cifre precise ciò che prima era lasciato all’abitudine, alle particolari preferen­ze, all’istinto e, nella maggior parte dei casi, anche allo stato economico dei vari individui: e cioè essa può fissare quale sia la percentuale in cui i vari gruppi alimentari devono far parte della dieta giornaliera dell’uomo.

Non solo ma poiché, come varia a seconda delle diverse circostanze il fabbisogno calorico, va­riano pure le esigenze nutritive, se ne deduce che tale percentuale non può esser fissata in una cifra standard valida per ogni individuo.

Io oggi pomeriggio sono andata in crisi di astinenza per qualcosa di buono, bello e con i giusti ingredienti e cosi mi sono fatta questa mousse che vi consiglio caldamente.

Ingredienti per 6 persone:

  • 300 gr. di fragoline di bosco;
  • 150 gr. di banane;
  • 250 g di panna liquida;
  • il succo di 1/2 limone;
  • 2 albumi;
  • 100 gr. di zucchero di canna.

Preparazione

Lavate bene le fragole, sbucciate le banane e tagliatele a rondelle. Mettete le fragole e le banane nel frullatore e ag­giungete lo zucchero e il succo di limone. Frullate alla mas­sima velocità fino a ottenere un composto piuttosto omo­geneo, poi versatelo in una ciotola.

Montate a neve i due albumi e aggiungeteli lentamente al composto nella ciotola. Montate la panna fino a farla di­ventare ben densa e unitela un po’ per volta al contenuto della ciotola. Amalgamate bene gli ingredienti e versate la mousse nella coppa di portata .

Tenete la coppa in frigorifero per un paio di ore prima di servire in tavola.

Tempo occorrente: l h più il tempo di riposo in frigorifero

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *