Gnocchi alla romana con radicchio : da leccarsi i baffi!

Gnocchi alla romana con radicchio
Commenti: 0 - Stampa

Oggi vi propongo gli Gnocchi alla romana con radicchio : da leccarsi i baffi! I Gnocchi alla Romana sono un primo piatto di origine laziale. Il loro nome, così come la loro immagine, sono entrati nella cucina internazionale per identificare dei dischetti tondi di semolino cotto nel latte e arricchiti da formaggio e tuorli d’uovo. Sinceramente non amavo molto questo piatto, ma mio marito ha trovato il modo di farli mangiare anche a me!

Oggi io voglio proporli a voi, presentandovi una ricetta che è adatta agli intolleranti al glutine, al lattosio e al nichel. Penso sia fantastico rivisitare i grandi classici della tradizione culinaria italiana per renderli perfetti anche a chi, ogni giorno, ha a che fare con le intolleranze!

Semolino di riso:  ideale per tutti

Tra le soluzioni fondamentali per chi cucina gluten free c’è senza dubbio il semolino di riso. Qui lo vediamo come parte della ricetta dei gnocchi alla romana con radicchio. Si utilizza però in tantissime altre situazioni, in quanto rappresenta un alleato essenziale di chi cucina per i celiaci! Il bello è che è adatto sia ai bambini, sia agli adulti. Nella maggior parte dei casi viene impiegato al posto della farina di frumento.

Molti lo raccomandano come ingrediente per la preparazione di una frittura perfetta per i celiaci e più digeribile della media. Il semolino di riso, infatti, assorbe meno l’olio. In questo caso però lo vediamo protagonista di un’altra ricetta che, vi assicuro, è buonissima!

Gnocchi alla romana con radicchio

Alla scoperta delle proprietà del radicchio rosso

Adesso, per completare il quadro, non resta che parlare delle straordinarie proprietà del radicchio rosso! Parlarne in maniera completa vorrebbe dire scrivere un libro. Io tutto questo spazio non ce l’ho, indi mi limito a ricordare solo i benefici più importanti, partendo dalla ricchezza di sostanze nutritive della radice. La radice di radicchio rosso è infatti caratterizzata dalla presenza di un’importante concentrazione di vitamine e minerali.

Degna di nota è anche l’efficacia disintossicante di questa verdura. Il radicchio rosso, inoltre, contiene inulina, una sostanza che fa la differenza quando si tratta di ridurre il rischio di cancro all’intestino. Fantastico, vero? Certamente sì! Ora non resta che mettersi in gioco e provare a cucinare questi gnocchi alla romana con radicchio. La ricetta, semplice ma d’impatto, conquisterà al primo assaggio i vostri ospiti. Si tratta di un primo alla portata di tutti, che possiamo preparare con rapidità e soddisfazione, ricordando che il mondo delle intolleranze non fa affatto rima con sacrifici a tavola!

Gnocchi alla romana con radicchio: da leccarsi i baffi!

Ingredienti per 4 persone

  • 250 g di semolino di riso,
  • 1 lt. di latte intero consentito,
  • 3 tuorli d’uovo,
  • 150 g di parmigiano reggiano stagionato 48 mesi  grattugiato,
  • 1 cespo di radicchio rosso,
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q.b. sale

Preparazione

In una casseruola fate riscaldare il latte con un pizzico di sale. Poco prima che raggiunga l’ebollizione, versate a pioggia il semolino e mescolate subito energicamente, finché il composto avrà raggiunto una consistenza abbastanza densa e comincerà a staccarsi dalle pareti del recipiente. Lasciatelo cuocere per circa un quarto d’ora, a fiamma bassa, mescolandolo spesso.

A fine cottura togliete lo dal fuoco, aggiungete il parmigiano e il tuorlo e continuate a mescolare. Sul piano di lavoro rovesciate il composto di semolino su un foglio di alluminio leggermente unto di olio, copritelo con pellicola, livellatelo con il matterello, sino a raggiungere lo spessore di circa un cm, e lasciatelo raffreddare.

Preparate il condimento: lavate e mondate il radicchio e tagliatelo a striscioline che fatelo appassire in una pentola antiaderente e salate. Alzate la fiamma per 1 minuto e quindi spegnete.

Scaldate il forno a 180 gradi. Con un coppapasta tondo di 4·5 cm di diametro. Ritagliate dal composto di semolino gli gnocchi. Stendete una parte del radicchio sul fondo di una pirofila e allineatevi sopra gli gnocchi sovrapponendoli leggermente. Spolverizzateli con il parmigiano rimasto, la parte restante del radicchio e irrorateli con un filo d’olio e mettete la pirofila in forno per circa 20 minuti.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

festa del papa

Festa del papà con un menu perfetto

Una ricorrenza da celebrare in allegria La Festa del Papà è una ricorrenza carica di significati, è l’occasione per dichiarare l’affetto che si prova per il proprio padre, ma anche per...

Crostata con cioccolato e crema di formaggio

Crostata con cioccolato e crema di formaggio, una...

Crostata con cioccolato e crema di formaggio al caffè, un dolce originale La crostata con cioccolato e crema di formaggio al caffè è un dolce squisito, dal gradevole impatto visivo e in grado di...

Camembert al forno

Camembert al forno, una ricetta per la festa...

Camembert al forno con verdure, come valorizzare questo formaggio Il camembert al forno con verdure e crostini è una ricetta veloce, che offre la massima resa al minimo sforzo. Infatti, il...

torta al cacao con pralinato di arachidi

Festa del papà: Torta al cacao con pralinato...

Un dolce pensiero per il migliore dei papà Quest’anno abbiamo deciso di festeggiare con una torta al cacao con pralinato di arachidi il giorno di S. Giuseppe, che ogni 19 Marzo in Italia...

Quadrotti fondenti

Quadrotti fondenti ciocco-caffè per la Festa del Papà

Cosa sono i quadrotti fondenti ciocco-caffè? I quadrotti fondenti ciocco-caffè sono un dolce delizioso, adatto alle occasioni in cui l’allegria e la convivialità la dovrebbero fare da padrone....

Torta al caffe di cicoria

Festa del papà con la Torta al caffè...

Una torta per un papà davvero speciale! Cari papà sta arrivando il vostro giorno e per il 19 Marzo vi vogliamo dedicare una deliziosa Torta al caffè. E' una proposta alternativa alle solite...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


20-07-2013
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti