Grissini fatti in casa: una delizia per chi ama fare i picnic

Tempo di preparazione:

Grissini fatti in casa: una ricetta semplice ma gustosa

L’ estate è arrivata e cambiano le nostre scelte alimentari: molti di noi preferiscono andare al mare portandosi da casa della frutta fresca, qualche panino o dei grissini, una pasta o un riso freddo.

Altri preferiscono allestire veri e propri picnic sotto l’ombrellone. Preferiamo sicuramente il gelato artigianale alla fetta di torta o i formaggi freschi a quelli più stagionati; tra le carni, scegliamo quelle cotte in modo rapido o da consumare fredde e un’insalata di mare ci piace di più rispetto a un pesce in umido con polenta.

grissini fatti in casa sono apprezzati da tutti, sia come snack che come alternativa croccante al pane, e possono aiutarvi a preparare in pochi minuti dei gustosi antipasti o stuzzichini per l’aperitivo: basta avvolgerli in fette di salumi o servirli con salse in cui intingerli.

Invece di ricorrere a un prodotto industriale o al forno sotto casa vi diamo la ricetta per farli in casa; la preparazione non è difficile e servono pochi ingredienti, ma come in tutti i casi di prodotti che richiedono la lievitazione, come il pane, per ottenere ottimi risultati ci vuole un po’ di pratica, per imparare a conoscere a fondo il vostro forno, ed il comportamento del lievito.

Storia dei grissini

I grissini appartengono alla cucina torinese e sono uno dei prodotti tipici della cucina italiana riconosciuti all’estero. Sono facilmente digeribili rispetto al pane comune e si possono, senza alcun deterioramento, conservare per diverse settimane. Sono facili da preparare e soprattutto sono gustosi e genuini!

Grissini fatti in casa

Forse non tutti sanno che Napoleone Bonaparte aveva una vera e propria passione per i grissini, al punto di aver fatto organizzare un corriere di servizio personale tra Torino e Parigi, perchè questi piccoli e deliziosi bastoncini non mancassero mai sulla sua tavola.

L’impiego di grissini viene spesso giustificato con la possibilità di avere un prodotto poco deperibile che sostituisca egregiamente il pane.

Abbiamo fatto un veloce cenno alla figura di Napoleone, molto importante per la storia del mondo e, in piccolo, anche per quella dei grissini. Come forse già saprete, tutto è iniziato a Torino. La paternità del grissino è da attribuire in maniera specifica ad Antonio Brunero, fornaio di corte, che  doveva trovare una soluzione per far mangiare il giovanissimo Vittorio Amedeo II (siamo nel 1679) che soffriva di salute cagionevole.

Un metodo di lavorazione complesso

Quando si parla della storia dei grissini, è il caso di ricordare che, inizialmente, la loro preparazione era molto complessa. Ci volevano addirittura 4 persone, addette a mansioni che andavano dallo stirare l’impasto al tirare fuori i grissini pronti dal forno per poi spezzarli.

Oggi come oggi, per fortuna, il procedimento è molto più semplice! Non resta davvero che provare!

Ingredienti:

  • 500 g di Mix Pane e Pizza Bel paese Mix®;
  • 350 g acqua tiepida;
  • 10 g di sale,
  • 20 g olio extravergine d’oliva (facoltativo);
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna
  • 10 g lievito di birra fresco.

Preparazione:

Sciogliere il lievito nell’acqua e unirvi il Mix Pane e Pizza Bel paese Mix®, il sale e solo successivamente l’olio e lo zucchero. Manipolare fino ad ottenere un impasto elastico e lasciarlo riposare per 10 minuti. Versare l’impasto su un piano infarinato e formare una palla.

Riporla in un recipiente, coprire con un panno e lasciare lievitare per due ore a temperatura ambiente. Riversare delicatamente l’impasto su una teglia foderata con carta da forno e dopo un’altra mezz’ora di lievitazione

Quanto sarà pronto lavorare l’impasto formando tanti bastoncini lunghi e sottili e riponendoli delicatamente, man mano, nella teglia. Infornare la teglia a 200 gradi per circa 40 minuti, stando attenti a non farli dorare eccessivamente.

Per evitare che si coloriscano troppo potete coprire la teglia con un foglio di carta da forno per alimenti e far continuare la cottura. Sfornare i grissini e lasciarli raffreddare prima di consumarli.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

Nota per l’intolleranza al nichel

Nota per l’intolleranza al nichel

Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione a basso contenuto di Nichel e osservare tutte le regole relative a cosmetici, detersivi, pentole e stoviglie, abbigliamento idoneo etc.

11 commenti a “Grissini fatti in casa: una delizia per chi ama fare i picnic

    1. Tiziana Autore articolo

      li ho fatti troppo lunghi e non ho il contenitore adatto per conservarli….cosi abbiamo dovuto mangiarli tutti in pochissimo tempo, la prossima volta prendo il righello…….

  1. Antonella

    buonissimi davvero!! io ho provato a farli ma non avendo messo tanto olio mi sono venuti un poco duri da mangiare.. i tuoi mi sembrano ottimi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *