Crema di cavolfiore, ogni tanto ci sta!

Crema di cavolfiore
Commenti: 0 - Stampa

Oggi mi sono preparata una crema di cavolfiore delicatissima.  Conoscete la differenza tra passati, creme e vellutate? Provo a spiegarvela io.

Appartengono alla famiglia delle minestre cosiddette «legate», perché tra gli ingredienti usati figurano la panna, o un fondo di besciamella, o una crema di riso, o della fecola, tutti elementi che servono a dare alla preparazione una certa consistenza e soprattutto un aspetto liscio e vellutato.

I passati si preparano generalmente con una o più verdure (facendo un brodo si possono benissimo sfruttare le verdure in esso contenute per ricavare un ottimo passato misto), ma talvolta anche con pollo o pesce, cui in genere viene aggiunta, come elemento « legante», una crema di riso o anche solo riso (si passerà poi il tutto al setaccio). L’usanza di preparare questo piatto è antichissima: già nel 1500 in alcuni «sacri» testi gastronomici si fa cenno ai passati di verdura.

Le creme, pur essendo abbastanza semplici da preparare, richiedono molta cura nella cottura e nella manipolazione finale a base di panna, per poter assumere quell’aspetto liscio e cremoso che le caratterizza.

Le vellutate (il loro nome deriva dal fatto che si presentano lisce come il velluto) si preparano (come del resto le creme e i passati) con un composto setacciato al passaverdure, montato con il disco più fine; vengono poi arricchite, oltre che con la panna (o meglio ancora con la crema di latte, che è più densa), con tuorli freschissimi e talvolta con burro ammorbidito; il tutto si aggiunge dopo aver tolto la vellutata dal fuoco. Si tratta di una preparazione assai raffinata, che proviene dalla grande cucina francese e che si è poi diffusa nella gastronomia internazionale.

Crema di cavolfiore

Crema di cavolfiore, ogni tanto ci sta!

Il cavolfiore, chiamato anche cimone, è uno dei cavoli più diffusi. I migliori devono essere sodi e compatti, senza presentare macchie marroni o grigiastre.

Il cavolfiore può essere biancobianco cremaviolaceo. Il cavolfiore viene in genere bollito o cotto a vapore, gratinato, trasformato in mousse o utilizzato come condimento per la pasta o ingrediente di minestre; crudo, si conserva sottaceto o, se particolarmente fresco e tenero, si puo’ consumare crudo, tuttavia chi soffre di ipotiroidismo dovrebbe gustarlo solo cotto, in quanto crudo contiene una sostanza che potrebbe rallentare il lavoro della tiroide.

Quasi sempre si cuoce suddiviso in cimette (si abbrevia il tempo di cottura e si riduce il cattivo odore). I tempi di cottura variano: intero 20-25 minuti; diviso in cimette 10-12 minuti.

Il cavolfiore è una verdura tipica dell’inverno che, grazie al perfetto equilibrio dei suoi componenti, esercita una benefica azione sulla salute se consumato 2-3 volte a settimana. Grazie al suo basso contenuto di calorie (25 kcal/100 g) e al suo elevato potere saziante il cavolfiore è indicato anche nelle diete dimagranti

Ingredienti per 6 persone:

  • 1 lt e mezzo di brodo,
  • 100 g di crema di riso,
  • 20 gr. di burro chiarificato,
  • 1 trito di cipolla, sedano, porro e prezzemolo,
  • un cavolfiore,
  • 1 tuorlo d’uovo,
  • qualche cucchiaio di panna consentita,
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q.b. sale.

Per accompagnamento: parmigiano reggiano grattugiato; crostini di pane.

Preparazione

Tagliate a pezzi il cavolfiore, fatelo bollire per pochi minuti in acqua salata, poi scolatelo.

In una casseruola fate sciogliere il burro, mescolatevi la crema di riso e, quando sarà dorata, sempre mescolando, versate il brodo. Aspettate che si addensi, poi aggiungete il trito di verdure e il cavolfiore a pezzi. Lasciate cuocere lentamente per mezz’ora e passate il tutto al passaverdura o al setaccio. Unitevi il tuorlo d’uovo sbattuto con la panna e, sempre rimestando, lasciate scaldare su fuoco moderato senza far bollire. Servite la crema portando in tavola, a parte, dei crostini di pane e parmigiano reggiano grattugiato.

Tempo occorrente: 50 minuti

5/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Zuppa messicana con tortillas

Zuppa messicana con tortillas, una meraviglia piccante

Zuppa messicana con tortillas, un piatto Tex-Mex La zuppa messicana con tortillas è una zuppa molto diversa da quelle della tradizione mediterranea. In primis sono diversi gli ingredienti, infatti...

Gnocchetti tricolore con stracchino

Sfiziosi Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante

Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante, una meravigliosa sinfonia di sapori Gli gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante sono un primo piatto molto particolare. In primis perché...

Maccheroncini di Campofilone al ragu

Maccheroncini di Campofilone al ragù, un primo gustoso

Maccheroncini di Campofilone al ragù, quando la semplicità incontra il gusto I maccheroncini di Campofilone al ragù sono un classico della cucina marchigiana e, per la precisione, del comune di...

Lasagne vegetariane con pomodori

Lasagne vegetariane con pomodori, davvero squisite

Lasagne vegetariane con pomodori e bietoline, un ottimo piatto vegetariano Le lasagne vegetariane con pomodori e bietoline sono una gradevole alternativa alle classiche lasagne alla bolognese. E’...

Malfatti con broccoli e salsiccia

Malfatti con broccoli e salsiccia, un primo sostanzioso

Malfatti con broccoli e salsiccia, un piatto semplice I malfatti con broccoli e salsiccia sono un primo gustoso, che gioca la sua partita su una manciata di ingredienti. Anche per questo motivo può...

Spaghetti al ragu di fagiano e porcini

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un...

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un primo rustico e insolito Gli spaghetti al ragù di fagiano e porcini sono un primo piatto tra i più “rustici” che possiate mai assaggiare. La lista...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


26-10-2011
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti