Minestra Mulligatawny, un delizioso primo anglo-indiano

Minestra Mulligatawny
Commenti: 0 - Stampa

I pregi di questa Minestra Mulligatawny sono tanti . Veloce da preparare, poco calorica, versatile e buonissima!

Questo è un piatto anglo-indiano molto simile a una zuppa. La cremosità e la dolcezza di una zuppa non può che farci tentare anche questa combinazione. La sua traduzione sarebbe « brodo di fuoco ».

La ricetta originale della minestra Mulligatawny utilizza anche una miscela di aromi pestati nel mortaio, che sono più o meno quelli che compongono il curry; ma ogni cuoco indiano prepara questa miscela con una sua personale scelta di aromi. Per la stessa zuppa si può usare anche un brodo di verdura e carne, in luogo di quello di pollo. La zuppa risulterà piuttosto cremosa.

Io la mangio bollente e con tanti crostini di pane. La ricetta della minestra Mulligatawny che vi propongo oggi è adatta anche ai celiaci per via della presenza d’ingredienti come la farina di riso. Questa farina gluten free, molto utilizzata in cucina come addensante, si contraddistingue per la presenza di vitamine del gruppo B, utili per la salute delle ossa. Da non trascurare è anche il contenuto di vitamina E, che la rende congeniale dal punto di vista antiossidante, quindi ottima per la prevenzione dell’invecchiamento cutaneo.

Minestra Mulligatawny

Sedano: ortaggio amico dell’apparato digerente

Tra gli ingredienti della minestra Mulligatawny che meritano di essere citati per via delle loro proprietà benefiche è presente il sedano. Ortaggio tra i più sani, è caratterizzato da un importante potere diuretico. Questo accade grazie al notevole contenuto di acqua ma anche per via della presenza di oli essenziali che favoriscono la vasodilatazione dei vasi ematici dei reni, contribuendo all’espulsione dell’urina.

Assumere sedano aiuta tantissimo la salute dell’apparato digerente. Questo ortaggio protegge infatti la mucosa gastrica inibendo la produzione di acidi. Tutto ciò è un innegabile vantaggio per chi tende a soffrire di gastriti e ulcere.

Le proprietà del sedano sono davvero speciali! Ricordarle significa fare riferimento anche ai benefici dei suoi semi. Il loro comportamento è molto simile a quello dei semi di finocchio. Assumerli significa facilitare notevolmente i processi digestivi, ma anche contrastare lo stress, soprattutto se li si consuma sotto forma d’infuso.

Ora non resta che cimentarsi con la preparazione di questa zuppa, ovviamente dopo aver raccolto anche gli altri ingredienti, tra i quali è presente il curry che, grazie alla presenza del curcumino, è un ottimo alleato dell’apparato digerente.

Personalmente amo esplorare le tradizioni culinarie del mondo e devo dire che sono proprio felice di proporvi questa ricetta che, vi assicuro, farà un’eccellente figura!

Ed ecco la ricetta della Minestra Mulligatawny

Ingredienti per 4 persone:

  • mezzo pollo,
  • 60 g di burro chiarificato,
  • 2 cipolle piccole,
  • 1 cucchiaino di farina di riso,
  • 1 porro,
  • 2 gambi di sedano,
  • 3 chiodi di garofano,
  • 1 cucchiaino di curry,
  • q.b. sale,
  • 1 foglia di alloro,
  • 1 dI di latte di cocco (oppure 40 gr. di noce di cocco grattugiata),
  • 1 cucchiaino di mandorle,
  • 40 gr. di riso.

Preparazione

Sventrate e fiammeggiate il pollo, tagliatelo a pezzetti e fatelo rosolare in una casseruola di terracotta insieme con 40 g di burro, le cipolle tritate, la parte bianca del porro e le costole di sedano, entrambi tagliati finemente. Spolverizzate con la farina, unite i chiodi di garofano, il curry e due litri di acqua; salate e aggiungete la foglia di alloro.

Fate cuocere per 2 ore abbondanti, a fiamma bassa. Trascorso questo tempo, togliete il pollo dal recipiente e fate restringere di almeno un terzo il brodo di cottura, tenendo la fiamma viva. Nel frattempo, staccate la polpa del pollo dalla carcassa e tagliatela a pezzetti piccolissimi, dopo aver tolto la pelle. Passate la zuppa al frullatore, in modo da ottenere un composto omogeneo; quindi rimettetela nel recipiente e unitevi i dadini di pollo, il latte o la noce di cocco e le mandorle tritate grossolanamente.

Lessate il riso in acqua bollente salata, con l’aggiunta di una noce di burro, per 18 minuti; scolatelo, sgranate lo con una forchetta e conditelo con un’altra noce di burro. Unitelo quindi agli altri ingredienti e fate cuocere tutto insieme per pochi minuti. Servite ben caldo.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

overnight oatmeal

Overnight oatmeal, una colazione molto particolare

Overnight oatmeal, un’idea per una colazione diversa L’overnight oatmeal è una preparazione della tradizione anglosassone, che sta riscuotendo un certo successo pure dalle nostre parti. Anche...

Hawaiian Guava Cake

Hawaiian Guava Cake, un dolce dal sapore esotico

Hawaiian Guava Cake, un dolce tra sperimentazione e tradizione L’Hawaiian Guava Cake è l'ideale per stupire i propri invitati con una torta che, pur conservando caratteristiche della pasticceria...

Dalgona Coffee

Dalgona Coffee, un dessert fuori dall’ordinario

Dalgona Coffe, una variante ai ceci Il Dalgona Coffee è una ricetta americana, ma non esattamente legata a particolari tradizioni in quanto diffusa solo di recente. Si tratta di un dessert molto...

Pancho cake

Pancho cake, delizioso dolce dalla Russia gluten free

Il pancho cake, un delizioso dolce della tradizione russa La pancho cake è una ricetta della tradizione russa, in realtà frutto della commistione con la cucina francese. Ciò non deve stupire in...

Cupcake indipendenza americana

Torta o cupcakes per la festa del 4...

Torta o cupcakes per la festa del 4 luglio? Ogni occasione è buona per festeggiare, magari preparando una deliziosa torta del 4 luglio. Nel caso foste appassionati di cultura americana, il 4 luglio...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


27-03-2011
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti