bg header
logo_print

Cioccolata del prof Lupin, un dessert delizioso da Hogwarts

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Cioccolata del prof Lupin
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Cioccolata del prof Lupin, un’idea simpatica

Oggi prepariamo la cioccolata del prof Lupin, un dessert che si ispira alle vicende di Harry Potter, traendone in qualche modo ispirazione. Il riferimento è alla scena in cui il protagonista viene rianimato dal professor Lupin a seguito di un attacco dei dissennatori, e lo fa proprio con una bella cioccolata. Una scena ricca di pathos che cela una grande verità, ossia il cioccolato fa bene all’umore. I dissennatori, nel mondo disegnato dalla Rowling, attentano all’umore, allo stato d’animo ed alle energie vitali delle persone. Cosa c’è di meglio del cioccolato per contrastare i loro poteri?

Certo, ho lavorato un po’ di fantasia, e ho trasformato una “normale” cioccolata in un dessert davvero particolare, che premia sia il cioccolato fondente che quello bianco. In particolare la base è formata dalla panna, dal cioccolato, dal cacao e da altri alimenti di supporto. Il tutto viene poi valorizzato dal latte caldo e sormontato da una seconda panna “sui generis”.

Ricetta cioccolata del prof lupin

Preparazione cioccolata del prof lupin

Per preparare la cioccolata del prof Lupin iniziate dalla panna montata.

  • Riscaldate al microonde il cioccolato bianco per mezzo minuto, utilizzando un contenitore adatto.
  • Poi mescolate il cioccolato fino a farlo sciogliere e integrate i marshmallow, fino ad ottenere un composto fluido. Infine, mettetelo da parte.
  • A parte montate a neve ferma la panna nella planetaria ad alta velocità (dovrebbero bastare un paio di minuti).
  • Ora mescolate il composto di cioccolato bianco e marshmallow con la panna. Poi fate riposare questo nuovo composto nel frigorifero fino al suo utilizzo.

Proseguite con la cioccolata calda.

  • Mescolate il cacao, lo zucchero, il sale e l’acqua all’interno di una pentola. Accendete a fiamma medio-alta e portate a ebollizione senza smettere di mescolare. In questo modo lo zucchero si dovrebbe sciogliere del tutto.
  • Poi abbassate la fiamma, incorporate mezza tazza di panna e mescolate per ottenere un composto uniforme. Infine, spegnete la fiamma e mettete da parte.
  • Ora riscaldate il cioccolato fondente al microonde fino a farlo fondere. Intingete un pennello nel cioccolato fuso e con esso disegnate delle strisce nei bicchieri di portata.
  • Distribuite il composto di cacao e panna nei bicchieri, poi aggiungete il latte, facendo in modo che riempia il bicchiere per due terzi.
  • Intanto riscaldate il latte in una pentola fino a raggiungere quasi l’ebollizione, poi spegnete la fiamma.
  • Ora riempite una sac à poche con la panna e decorate la cioccolata.
  • Infine, aggiungete le barrette di cioccolato e servite.

Per la panna montata;

  • 60 gr. di cioccolato bianco,
  • mezza tazza di mini marshmallow,
  • mezza tazza di panna da montare consentita.

Per la cioccolata calda:

  • un quarto di tazza di cacao amaro in polvere,
  • un quarto di tazza di zucchero,
  • q. b. di sale (un pizzico),
  • un terzo di tazza di acqua,
  • 60 gr. di cioccolato fondente,
  • 3 tazze di latte intero consentito.

Per la decorazione:

  • q. b. di barrette di cioccolato (facoltativo).

Una panna montata diversa dal solito

Uno dei punti di forza della cioccolata del prof Lupin è la panna utilizzata per la guarnizione. La guarnizione è realizzata non solo con la panna fresca, ma anche con il cioccolato bianco e con i marshmallow. Il cioccolato bianco aggiunge un tocco di dolcezza in più con il suo gusto aromatico. I marshmallow, invece, conferiscono maggiore corpo alla preparazione e un sapore che ricorda le meringhe.

Il procedimento è molto semplice, a dispetto delle peculiarità della lista degli ingredienti. Si tratta, infatti, di sciogliere il cioccolato bianco, unire i marshmallow, mescolare e ottenere un composto omogeneo. A questo si aggiunge la panna montata a neve ferma, servendosi magari di una planetaria ad alta velocità. Il tutto va conservato in frigo, in modo da stabilizzare l’amalgama e prepararla alla fase di composizione.

Perché abbiamo usato il latte intero nella cioccolata del prof Lupin?

La base della cioccolata del prof Lupin vede il contributo del latte intero. Come mai questo tipo di latte? Semplice, perché il suo sapore è più intenso e quindi emerge anche su ingredienti più “forti” come il cioccolato e il cacao. Tale caratteristica è dovuta, in realtà, a una più consistente presenza di grassi, ché fa lievitare l’apporto calorico rispetto al più comune latte parzialmente scremato. Quest’ultimo apporta circa 40-45 kcal per 100 grammi, invece il latte intero supera spesso le 65 kcal.

La presenza del latte rende la cioccolata del professor Lupin (Remus Lupin in Harry Potter) incompatibile con gli intolleranti al lattosio? Di base sì, ma la soluzione è dietro l’angolo. Basta utilizzare una versione di latte delattosato, che è buono come il latte intero originale, sebbene apporti qualche nota leggermente più dolce. D’altronde il processo di rimozione del lattosio consiste nell’integrazione dell’enzima lattasi, che scinde la sostanza in due zuccheri semplici e digeribili da chiunque.

Cioccolata del prof Lupin

Come preparare la cioccolata?

Il vero pezzo forte della cioccolata del prof Lupin è proprio il cioccolato, o per meglio dire la base che regge la panna e la decorazione. Essa viene realizzata con il cacao in polvere, lo zucchero, un pizzichino di sale e l’acqua. Questi ingredienti vengono miscelati e riscaldati in una pentola fino a trasformarsi in una crema omogenea ed abbastanza fluida.

Poi si fonde il cioccolato fondente e lo si utilizza per decorare i bicchieri dall’interno, disegnando delle strisce. Infine, si versano la panna e la cioccolata calda, poi si aggiunge il latte. Per concludere, si guarnisce con altra panna (realizzata con i marshmallow) e si decora con le barrette di cioccolato, da disporre a scaglie o a pezzi.

In questa ricetta, tra versione polverizzata e cioccolato fondente, il cacao di certo non manca. E’ un’ottima notizia non solo per il palato, ma anche dal punto di vista nutrizionale. Il cacao è infatti un alimento salutare e più “nobile” di quanto si possa immaginare. In realtà è un po’ calorico, ma in compenso è ricco di antiossidanti, sali minerali (come il magnesio) ed ha un effetto benefico sull’umore. Quest’ultimo aspetto ha trovato conferme anche in alcuni recenti studi scientifici.

Ricette con il cioccolato ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Giuggiulena

Giuggiulena, dalla Sicilia un dolce tipicamente natalizio

Le proprietà dei semi di sesamo I veri protagonisti della giuggiulena sono i semi di sesamo. I semi di sesamo incidono sulla texture, fornendo un elemento croccante e irregolare al palato, tale da...

Tiramisu al ribes con bisquit alla nocciola

Tiramisù al ribes con bisquit, un dessert per...

Come preparare il bisquit? Una delle peculiarità del tiramisù al ribes con bisquit alla nocciola è data dalla base, composta non già dai savoiardi, come nella ricetta originale, bensì dal...

Mousse al cioccolato Biscoff

Mousse al cioccolato Biscoff, un dessert facile da...

Il ruolo del fondente nella mousse al cioccolato Biscoff Il fondente gioca un ruolo importante in questa mousse al cioccolato Biscoff. E’ responsabile di gran parte del sapore, sebbene venga...