bg header
logo_print

Torta con glassa di ibisco, un dolce davvero speciale

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Torta con glassa di ibisco
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 00 ore 30 min
cottura
Cottura: 01 ore 40 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Torta con glassa di ibisco, colore e gusto per un dolce speciale

Oggi vi presento la torta cotta con glassa di ibisco, un dolce gustoso, bello da vedere e nemmeno troppo pesante. La ricetta si pone a metà strada tra tradizione e la sperimentazione. La tradizione è rappresentata dall’impasto, che è abbastanza classico. La sperimentazione, invece, è rappresentata dalla glassa, che viene realizzata con il succo di ibisco mescolato allo zucchero a velo. Un altro elemento di novità è la cottura dell’impasto, che dovrebbe avvenire nel forno a vapore. Si tratta di un elettrodomestico di ultima generazione, che coniuga l’efficienza del forno classico con la salubrità della cottura a vapore. Il risultato è straordinario, almeno a giudicare dalla morbidezza della torta e dall’uniformità della cottura.

Per il resto la ricetta non pone in essere difficoltà di sorta, anzi lascia qualche margine di discrezione in merito agli ingredienti. Potete scegliere più o meno liberamente il tipo di olio e il tipo di farina. L’unico vincolo, oltre al procedimento in sé, è dato dalla proporzione tra le dosi, che va rispettata al cento per cento.

Ricetta torta con glassa di ibisco

Preparazione torta con glassa di ibisco

Per preparare la torta con glassa di ibisco iniziate dall’impasto. Montate in una grande ciotola le uova intere e lo zucchero servendovi di una frusta elettrica. Poi aggiungete lo yogurt bianco, l’olio e la farina setacciata insieme al lievito. Ora imburrate e infarinate uno stampo per torte da 24 cm di diametro e versateci il composto. Cuocete al forno a vapore preriscaldato per 90 minuti a 180 gradi. Fate la prova dello stecchino per verificare la cottura: infilzate la torta con uno stecchino, se è umido allora la cottura deve proseguire per qualche altro minuto.

Mentre il dolce si cuoce, preparate la glassa. Versate in un pentolino l’acqua e i fiori di ibisco già lavati e sgocciolati. Accendete la fiamma e fate bollire per una decina di minuti. Poi spegnete il fuoco, fate intiepidire e unite il succo di un limone. In una ciotola versate lo zucchero a velo setacciato. Filtrate il succo di ibisco e aggiungetelo poco per volta allo zucchero, mescolando con un cucchiaio fino alla completa amalgama. Fate raffreddare la torta, poi versate sulla sua superficie la glassa all’ibisco e servite.

Per la torta

  • 3 uova,
  • 180 gr. di zucchero semolato,
  • 125 gr. di yogurt bianco consentito,
  • 100 gr. di olio,
  • 220 gr. di farina,
  • 1 bustina di lievito.

Per la glassa

  • 200 gr. di zucchero a velo,
  • 1 limone,
  • 1 cucchiaio di fiori di ibisco,
  • mezzo bicchiere di acqua.

Quale farina utilizzare?

Potete scegliere più o meno liberamente la farina da utilizzare per questa torta con glassa di ibisco. Se non nutrite esigenze particolari, potete optare per la classica farina doppio zero, che appare la più equilibrata, sebbene proponga sentori tutto sommato ordinari. Se invece soffrite di celiachia o sensibilità al glutine, potete approfittarne per utilizzare le farine gluten-free, che offrono spesso sentori particolari.

Chi desidera un sentore rustico e quasi integrale, potrebbe affidarsi anche alla farina di grano saraceno, che tra le altre cose è molto ricca di fibre. Chi invece punta a sentori esotici potrebbe utilizzare la farina di amaranto o di fonio. Infine chi desidera sapori delicati, potrebbe scegliere un mix tra farina di riso e farina di mais, che spesso si trovano assieme in quanto si “sostengono a vicenda” come sapore e stabilità. Per inciso buona parte delle farine cosiddette alternative, presentano un profilo nutrizionale più completo, e non di rado basato su una certa abbondanza di proteine e sali minerali.

Torta con glassa di ibisco

Le proprietà dell’ibisco

L’ingrediente più interessante di questa torta è certamente la glassa di ibisco, anche noto come karkadè. In realtà non partecipa all’impasto, bensì alla glassa. E’ comunque sufficiente per impattare profondamente sul profilo organolettico della ricetta. Cos’ha di speciale l’ibisco? Il nome rievoca atmosfere esotiche, giustificate dal suo habitat, che privilegia la fascia tropicale, nonché dalla tendenza ad essere impiegato per la produzione dei tè indiani e asiatici in generale. Tale carattere esotico si riflette anche nel sapore che l’ibisco sa sprigionare. In occasione di questa ricetta, d’altronde, viene trasformato in una sorta di decotto, in quanto viene bollito insieme all’acqua. In tal modo il liquido assume sentori profondamente aromatici, che rievocano il profumo del fiore.

Ma l’ibisco può dire molto anche sotto il profilo nutrizionale, fino a sfociare nel campo della medicina naturale. Assolve infatti a funzioni antiossidanti, dunque aiuta a prevenire il cancro, regolando i processi di rigenerazione cellulare. E’ un discreto antinfiammatorio nonché un buon antipiretico (fa abbassare la febbre). Come se non bastasse, un consumo regolare di ibisco aiuta a mantenere la pressione del sangue a livelli normali, e lo stesso fa con il colesterolo. Inoltre l’ibisco abbonda di vitamine e sali minerali, tipici dei fiori mangerecci.

Come preparare la glassa?

La torta con glassa di ibisco ha due “anime”. La prima è più tradizionale ed è data dall’impasto, che non presenta novità di sorta (se non nella cottura). La seconda è più sperimentale, o perlomeno creativa, ed è data dalla glassa. Si può dire che sia proprio la glassa il punto di forza di questa ricetta, che si presenta con un incantevole colore fucsia, tendente ora al rosa ora al viola. Il sapore è molto delicato, frutto di un procedimento semplice che valorizza tutti gli ingredienti: fiori di ibisco, succo di limone e zucchero.

Il primo passo consiste nel lavare i fiori accuratamente. Poi vengono immersi nell’acqua, all’interno di un pentolino e messi a bollire per 10 minuti. Intanto si setaccia abbondante zucchero a velo (due etti) e lo si pone in una terrina. Quando il “succo” di ibisco è pronto, viene filtrato e infine versato nello zucchero. L’inserimento va effettuato poco alla volta, mescolando in continuazione con un cucchiaio. A questo punto dovreste ritrovarvi con un composto denso, colorato e profumato. La glassa è pronta per essere versata sul dolce.

Ricette con glasse ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Frittelle di ricotta e farina di patate

Frittelle di ricotta e farina di patate per...

Di cosa sa la farina di patate? Tra i protagonisti della ricetta delle frittelle di ricotta spicca la farina di patate. E’ una farina particolare e non troppo conosciuta nemmeno tra i celiaci, ma...

Sutlac

Sutlac, il budino alla crema di riso della...

Quale riso utilizzare? Quale è la varietà di riso più adatta per la ricetta del sutlac. In linea di massima dovrebbe andare bene un tipo di riso che assorbe bene i liquidi, infatti lo scopo del...

crostata banane e cioccolato

Pasta frolla senza burro, un’ottima base senza lattosio

Come preparare la pasta frolla? La pasta frolla senza burro è davvero speciale e diversa dalle altre, allo stesso tempo è anche semplice da realizzare. E’ sufficiente creare un mix secco con...