Cappone ripieno al tartufo, un secondo da ristorante

Cappone ripieno al tartufo
Stampa

Perché il cappone ripieno al tartufo è così speciale?

Il cappone ripieno al tartufo non è un secondo piatto come gli altri. Le ragioni per affermarlo sono numerose, in primis perché prevede l’impiego di tanti ingredienti, di cui uno davvero pregiato: il tartufo. Nella fattispecie, potete scegliere tra due alternative, una più “prestigiosa” ma anche più costosa, e una più a portata di mano. In breve, potete scegliere tra il tartufo fresco (da tritare prima dell’uso) e la crema di tartufo; il risultato, comunque, è ottimo in entrambi i casi. Il cappone ripieno al tartufo è una ricetta particolare anche perché si caratterizza per un procedimento certosino, teso a ridurre al minimo i rischi derivanti dalla cottura del cappone stesso, ossia una certa durezza delle carni o peggio la stopposità.

In ogni caso, la ricetta è meno complicata di quanto possa sembrare. E’ sufficiente seguire le indicazioni che vi darò per ottenere un perfetto cappone ripieno al tartufo. Un altro pregio di questa ricetta è che, in realtà, non è nemmeno tanto grassa. Certo, è presente un ripieno, ma questo prevede l’uso della carne macinata e solo in parte della salsiccia (notoriamente più grassa), dunque si caratterizza per un discreto equilibrio.

Tutti i benefici del cappone

Si definisce cappone un pollo castrato all’età di due mesi. Questa operazione viene realizzata per ammorbidirne le carne ed aumentare la corporatura dell’animale. In genere, quindi, la carne di cappone è più morbida e abbondante di quella del pollo. E’ una carne squisita, ma allo stesso “dietetica”. Se si esclude la pelle, che è tradizionalmente grassa, la percentuale di lipidi non supera il 3%. L’apporto calorico, nel suo complesso, è davvero esiguo. Si parla, infatti, di sole 110 kcal per 100 grammi.

Cappone ripieno al tartufo

La carne di cappone si caratterizza per una quantità di proteine significativa, intorno al 20%. Inoltre, le proteine sono ad alto valore biologico. Si segnala la presenza di elementi nutritivi, come la vitamina A, la vitamina B1, B2 ed oligoelementi come ferro e zinco. La carne di cappone è apprezzata anche per la sua digeribilità, dunque può essere consumata senza alcun problema a tutte le età.

La bontà e la pregevolezza del tartufo

Il tartufo è uno degli ingredienti principali di questa ricetta. E’ anche un ingrediente mediamente costoso, specie se acquistato fresco. Per questo motivo, la ricetta contempla anche l’utilizzo della “semplice” crema al tartufo. Il consiglio, comunque, è di non rinunciare a questo alimento, in quanto incide in maniera significativa sul risultato finale. D’altronde la ricetta si chiama cappone ripieno al tartufo!

I pregi del tartufo vanno oltre il suo sapore. Pur essendo un fungo, e in quanto tale povero di elementi nutritivi, il tartufo si caratterizza per la presenza abbondante di vitamine e antiossidanti. Non solo, è anche una fonte eccellente di magnesio e calcio. Ovviamente, è molto povero di grassi e si caratterizza per una concentrazione significativa di proteine. L’apporto calorico, infine, è minimo. In questa ricetta, il tartufo va a formare il ripieno e viene mescolato con il macinato e la salsiccia.

Ecco la ricetta del cappone ripieno al tartufo:

Ingredienti:

  • 1 cappone di circa 2 kg;
  • 120 gr. di salsiccia;
  • 180 gr di macinato di manzo;
  • 1 uovo;
  • 1 tartufo o un vasetto di crema al tartufo;
  • mix di erbe aromatiche (rosmarino, salvia e timo);
  • ½ bicchiere di vino bianco;
  • un pizzico di noce moscata;
  • 1 noce di burro chiarificato;
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • q. b. di sale;
  • q. b. di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione del cappone ripieno al tartufo iniziate rimuovendo la pelle dalle salsicce e sbriciolatele all’interno di una terrina. Versate il macinato di manzo e mescolate per bene. Versate anche l’uovo, amalgamate (inizialmente con la forchetta poi con le mani). Una volta ottenuto un composto uniforme versate anche il tartufo tritato finemente o la crema di tartufo. Tritate in maniera finissima anche tutte le spezie (rosmarino, salvia e timo) ed inseritele nel composto di carne mescolando per bene. Infine, aggiungete anche un po’ di noce moscata grattugiata, il sale e il pepe.

Date una bella spennellata di olio, salate e farcite il cappone con il composto appena realizzato. Mi raccomando, non farcitelo eccessivamente altrimenti correte il rischio che si spacchi in fase di cottura. Una volta farcito, chiudete il cappone con uno spago da cucina. Sempre con lo spago legate le ali e le cosce in modo che rimanga compatto e adagiatelo in una pirofila media (deve stare abbastanza stretto). Prima di cuocere, aggiungete 30 grammi di burro a fiocchetti e spennellate l’esterno con del burro fuso, infine aggiungete ancora un po’ di sale.

Il cappone deve cuocere a 180 gradi per due ore. Tuttavia, affinché acquisisca una buona doratura, per i primi 10 minuti alzate la temperatura a 200 gradi. Ogni mezz’ora circa, inumidite generosamente il cappone con del vino bianco o con un po’ di brodo vegetale in modo che rimanga tenero. Una volta pronto lasciatelo raffreddare e tagliatelo a pezzi. Impiattate le fette di cappone con il ripieno e versate il liquido di cottura. Buon appetito!

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


25-12-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti