Pasticcio di salmone e zucca, un piatto speciale

Pasticcio di salmone e zucca
Commenti: 0 - Stampa

Pasticcio di salmone e zucca, un’idea geniale

Il pasticcio di salmone e zucca è una ricetta molto particolare, in quanto prevede un uso della zucca e del salmone diverso dal solito. Già la presenza in contemporanea di questi due ingredienti è un segnale di novità, dal momento che è molto raro trovarli insieme. Nello specifico, la zucca e il salmone vanno bolliti separatamente, poi vanno ridotti in poltiglia (o tritati) e mescolati con gli altri ingredienti. In questo modo si formerà un composto, che verrà adagiato in una pirofila per poi essere ricoperto dal Parmigiano grattugiato e guarnito con degli sfiziosi pinoli di cedro. Il risultato è una specie di sformato molto gustoso e uniforme in quanto a texture, capace di restituire una gradevole sensazione al palato. 

Il protagonista di questa ricetta, ovvero l’ingrediente che spicca di più in termini di gusto, è il salmone. E’ uno dei pesci più amati, sia per le sue proprietà organolettiche che per la sua versatilità. Vale la pena, però, menzionare anche le proprietà nutrizionali, che sono davvero notevoli. Il riferimento è all’abbondanza di proteine, che non hanno nulla da invidiare a quelle delle carni rosse, ma anche ai sali minerali (fosforo in testa). Il salmone contiene anche grassi, ma si tratta di grassi buoni in grado di giovare all’organismo. Il riferimento, in questo caso, è agli acidi grassi omega tre e sei, che impattano positivamente sulla salute del cuore e sull’apparato cardiocircolatorio. Per quanto concerne l’apporto calorico non siamo su livelli eccessivi, infatti un etto di salmone apporta circa 200 kcal.

Tutta la bontà e la potenza nutrizionale della zucca

L’altro protagonista del pasticcio di salmone è la zucca. La zucca è un ortaggio tra i più amati, nonchè il fulcro di molte ricette. Si fa apprezzare per il gusto, spesso e volentieri tendente al dolce, ma anche per le proprietà nutrizionali. La zucca è leggera, ipocalorica (un etto apporta meno di 20 kcal), ma in compenso è ricca di nutrienti. Il riferimento è soprattutto ai carotenoidi, sostanze che stimolano la produzione della vitamina A. Notevole è anche il contenuto di sali minerali, e in particolar modo del calcio e del fosforo. Come molti alimenti di origine vegetale, poi, la zucca è ricca di vitamina C, che come sicuramente già saprete è un toccasana per il sistema immunitario.

Pasticcio di salmone e zucca

La zucca spicca anche per la presenza di alcune sostanze rare negli altri alimenti. Un esempio è dato dalla cucurbitina, un antiossidante che contrasta gli effetti dei radicali liberi e contribuisce a prevenire il cancro. Inoltre, agisce in maniera protettiva nei confronti dell’apparato urinario, riducendo drasticamente l’insorgenza della cistite e di altre patologie infiammatorie.

Il contributo dei pinoli di cedro

I pinoli di cedro garantiscono un tocco di sapore e un aroma spiccato a questo pasticcio di salmone e zucca. Sono alimenti pregiati, ma comunque reperibili, che solo alla lontana ricordano i pinoli standard. Infatti, si caratterizzano per un sapore molto più gradevole, più delicato e in grado di stuzzicare il palato. Sono ricchi di grassi buoni, il riferimento è ai già citati acidi grassi omega tre e omega sei, ma anche ad altri tipi di acidi, come quello linoleico.

I pinoli di cedro, poi, sono davvero ricchi di sali minerali. Contengono, infatti, il calcio, il fosforo, il magnesio, il ferro, lo zinco e il potassio. Non difettano nemmeno in quanto a vitamine, poiché apportano in dosi notevoli la vitamina PP, alcune vitamine del gruppo B e soprattutto la vitamina E. Quest’ultima esercita una significativa funzione antiossidante, stimolando i corretti processi di riproduzione cellulare e riducendo, in concomitanza con altri fattori, l’insorgenza di alcuni tipi di tumori.

Ecco la ricetta del pasticcio di salmone e zucca:

Ingredienti:

  • 500 gr. di salmone fresco,
  • 600 gr. di zucca,
  • 1 scalogno,
  • 30 gr. di pangrattato consentito,
  • un rametto di maggiorana fresca,
  • 40 gr. di pinoli di cedro,
  • 50 gr. di Parmigiano Reggiano stagionato 24 mesi,
  • 1 uovo,
  • q. b. di burro chiarificato,
  • q. b. di sale e di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione del pasticcio di salmone e zucca iniziate sbucciando la zucca e facendola a tocchetti, poi lessatela in abbondante acqua salata. A parte, mettete a bollire anche il salmone e lasciatelo cuocere in questo modo per 10 minuti. Se il salmone ha la pelle, non rimuovetela in quanto andrà via molto velocemente una volta terminata la cottura. Quando la zucca è pronta, adagiatela in una ciotola ampia e riducetela in poltiglia con la forchetta o con lo schiacciapatate. Poi tritate il salmone con un coltello e unitelo alla zucca.

Fate lo stesso con la maggiorana fresca e lo scalogno. Ora unite l’uovo, un po’ di pepe, un po’ di sale e tre cucchiai di pangrattato. Mescolate con cura il tutto, fino ad ottenere un composto il più possibile liscio. Ungete una pirofila con il burro e distribuiteci il composto, livellandolo per bene. Infine, date una sventagliata di Parmigiano, guarnite con i pinoli di cedro e cuocete al forno per circa 40 minuti a 180 gradi.

5/5 (431 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

pesce spada al forno con bergamotto

Pesce spada al forno con bergamotto, gourmet

Pesce spada al forno con bergamotto e radicchio, degli ingredienti di classe Il pesce spada al forno con bergamotto e radicchio stufato è un secondo molto elegante, quasi gourmet. D’altronde, la...

Carpaccio di eglefino e anguria

Carpaccio di eglefino, un piatto elegante

Carpaccio di eglefino, un secondo speciale Il carpaccio di eglefino è un secondo molto particolare. Presenta ovviamente alcune caratteristiche dei carpacci classici, ma allo stesso tempo porta...

Pesce spada con melanzane

Pesce spada con melanzane, un secondo corposo

Pesce spada con melanzane, un piatto semplice e squisito Il pesce spada con melanzane è un secondo semplice da realizzare, capace di proporre sentori genuini e apportare i nutrienti più vari. Il...

Capesante con gamberi e zucchine

Capesante con gamberi e zucchine, una vera delizia

Capesante con gamberi e zucchine,  piatto raffinato dal sapore rustico Le capesante con gamberi e zucchine gratinate riuniscono eccellenti ingredienti di mare e di terra. Nello specifico, le...

Pesce spada con verdure

Pesce spada con verdure, un piatto semplice e...

Pesce spada con verdure, un’idea davvero sfiziosa Il pesce spada con verdure è una ricetta semplice in grado di valorizzare appieno gli ingredienti. Lo fa grazie a degli abbinamenti suggestivi,...

Frittelle con fiori di sambuco

Frittelle con fiori di sambuco, una variante aromatica

Frittelle con fiori di sambuco, buone e facili da preparare Le frittelle con fiori di sambuco rappresentano una deliziosa alternativa alle classiche frittelle. Per certi versi, almeno per quanto...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


21-10-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti