Peperoni ripieni con salame di oca, un piatto per stupire

Peperoni ripieni con salame di oca

Peperoni ripieni con salame di oca, un piatto rivisitato per stupire i commensali

I peperoni ripieni con salame di oca sono il frutto di una tradizione rivisitata. Nello specifico, della tradizione calabrese che vede come protagonista il peperone ripieno. L’elemento che più di ogni altro segna una differenza tra questa variante e l’originale è la presenza del salame di oca, alimento che certo non appartiene alla cultura gastronomica calabrese, ma che può dare tanto in termini di gusto e non solo. Il procedimento è comunque molto simile, di per sé semplice e alla portata di tutti, anche di coloro che non hanno mai realizzato peperoni ripieni.

Ad ogni modo, l’ingrediente principale dei peperoni ripieni con salame d’oca è, ovviamente, il peperone. Io consiglio di utilizzare sia peperoni gialli che rossi, in modo da garantirsi una certa varietà a livello di colori e favorire un migliore impatto estetico e cromatico. A prescindere dal colore, il peperone è un alimento prezioso, lo è sotto molti punti di vista, in primis per il gusto. I peperoni sono anche versatili, dal momento che sono protagonisti di numerose e varie ricette.

I peperoni fanno anche bene alla salute, soprattutto se sbucciati. Infatti, contengono tantissima vitamina C, più che negli agrumi e sono ricchi di sali minerali quali il ferro, il fosforo, il calcio e le fibre. Sono ricchi anche di antiossidanti che esercitano un’azione di contrasto nei confronti dei radicali liberi, e contribuiscono a prevenire tumori e patologie dell’apparato cardiocircolatorio. La convinzione che i peperoni siano difficili da digerire è solo un pregiudizio, infatti basta sbucciarli per renderli digeribili come qualsiasi altro frutto (esatto, il peperone è un frutto!).

Peperoni ripieni con salame di oca

Il segreto dei peperoni ripieni con salame di oca

Il vero segreto dei peperoni ripieni con salame di oca però non è il peperone, bensì il latte. Esso viene utilizzato per rendere più morbida la mollica, oltre che per insaporirla. Anche perché non si tratta di un latte qualsiasi, bensì del latte Accadì di Granarolo. Si tratta di un prodotto squisito realizzato con la migliore materia prima, secondo procedimenti che combinano la volontà di garantire la massima sicurezza e la ricerca del gusto. La sua caratteristica principale, però, è la totale assenza di lattosio. In questo modo può essere consumato anche dagli intolleranti a questa sostanza.

Non dovete pensare al processo di estrazione del lattosio come a un qualcosa di chimico. Anche perché, di base, non viene estratto nulla. Molto banalmente, già nel prodotto prefinito, viene stimolata la reazione che in genere avviene nell’intestino, ovvero la scissione del lattosio in galattosio e glucosio. Per farlo è sufficiente applicare al latte l’enzima lattasi, che è presente in chi riesce a digerire il lattosio mentre è del tutto o in parte assente negli intolleranti a questa sostanza.

Le peculiarità nutrizionali del salame d’oca

L’elemento più “esotico” di questi peperoni ripieni è il salame di oca. Si tratta di un insaccato che molti non hanno mai assaggiato, un salume davvero pregiato, che arricchisce questa preparazione non solo in termini di prestigio ma anche di gusto e proprietà nutritive.

La carne di oca, infatti, non solo è squisita, ma anche relativamente benefica. Al buon apporto di proteine si aggiunge la concentrazione notevole di sali minerali, e in particolare di ferro e di selenio. Contiene anche la lisina, una sostanza che rafforza il sistema immunitario, e gli acidi grassi omega tre che contribuiscono a prevenire le malattie cardiovascolari (tra i tanti benefici ad essi attribuiti).

Ecco la ricetta dei peperoni ripieni con salame di oca:

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 peperoni gialli e 2 rossi;
  • 12 olive denocciolate;
  • 2 etti di salame di oca;
  • 1 bustina di zafferano;
  • 1 scalogno;
  • 40 gr. di pangrattato consentito;
  • 40 gr. di parmigiano reggiano grattugiato;
  • mollica di 1 panino consentito raffermo;
  • 1 bicchiere di latte Accadì;
  • 1 rametto di timo fresco;
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • q. b. di sale;
  • q. b. di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione dei peperoni con salame di oca iniziate lavando e sbucciando i peperoni (un peperone giallo ed uno rosso), poi tagliateli a cubetti piccoli. Immergete la mollica nel latte e ammollatela. Intanto versate lo zafferano in un po’ d’acqua calda affinché si sciolga. Rimuovete la buccia dallo scalogno e riducetelo a fettine sottili. Riducete il salame d’oca a cubetti di piccole dimensioni e realizzate un trito con le olive. Fate rosolare lo scalogno con due cucchiai di olio d’oliva poi aggiungete anche i peperoni, il salame a dadini e il trito di olive. Irrorate il tutto con l’acqua allo zafferano. Cuocete ancora per alcuni minuti, poi fate intiepidire.

Versate il contenuto della padella in una insalatiera, aggiungete poi il timo, il parmigiano grattugiato e la mollica strizzata. Amalgamate il composto ed usatelo per riempire i peperoni interi rimasti e tagliati a metà. Mettete i peperoni ripieni su una teglia ricoperta con carta da forno, coprite con il pangrattato e aggiungete un cucchiaio di olio extravergine d’oliva. Cuocete in forno preriscaldato per 30 minuti a 180 gradi. Servite il piatto caldo e buon appetito!


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e agli intolleranti al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


14-09-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti