Peperoni con riso nero e gamberi, una sinfonia di sapori

Peperoni con riso nero e gamberi
Commenti: 0 - Stampa

Peperoni ripieni con riso nero, gamberi e verdure, un impiattamento particolare

I peperoni ripieni con riso nero, gamberi e verdure sono una pietanza dal sicuro impatto visivo. D’altronde, è sufficiente dare un’occhiata all’immagine per accorgersene. Il motivo è semplice, e va ricondotto alla presenza di due elementi: l’impiattamento, che viene realizzato con dei peperoni ben tondi da cui è stata rimossa la parte superiore, in modo che assomiglino a un “contenitore”; il riso nero, che si caratterizza per una coloritura innaturale. Del riso nero parlerò in uno dei prossimi paragrafi.

Che i peperoni ripieni con riso nero, gamberi e verdure siano un piatto particolare e dall’ottima resa visiva, non significa che siano difficili da preparare. Anzi, il procedimento è semplice e quasi banale. Si tratta di cuocere gli ingredienti separatamente, e infine unirli – riso compreso – per formare una specie di ripieno per i peperoni. Gli ingredienti, se si esclude il riso nero, sono tutti ben noti a cuochi e amatori italiani, dunque non dovrebbe essere complicato gestirli, anche se la ricetta può sembrare strana e fuori dall’ordinario.

Tutti i benefici nutrizionali dei gamberi

I gamberi sono alcuni tra i protagonisti di questi peperoni ripieni con riso nero, come tra l’altro suggerisce il nome. Vengono posti alla fine, quando vengono aggiunti al riso nero e agli altri ingredienti, ovviamente dopo averli saltati in padella a parte. I gamberi sono un’aggiunta preziosa in quanto conferiscono colore (un delicato rosa pallido), consistenza, gusto e tantissimo valore nutrizionale. In primis, i gamberi nonostante siano una prelibatezza, sono poco calorici, infatti 100 grammi di prodotto contengono a malapena 70 kcal. I grassi sono davvero pochi, e per giunta tutti “buoni”. Il riferimento è agli omega tre, che fanno bene al cuore, alla vista e alle funzioni cognitive.

Peperoni con riso nero e gamberi

La concentrazione di proteine, per quanto lontana da quella espressa dalle carni, è comunque significativa: rappresentano infatti il 14 – 17%. Ricco è il contenuto di sali minerali quali il calcio, il potassio, il magnesio, il ferro e soprattutto il fosforo. Per quanto riguarda l’apporto vitaminico, si segnala la discreta presenza delle vitamine del gruppo B. Secondo studi recenti e passati, i gamberi contribuiscono a risolvere l’ipercolesterolemia, l’ipertensione, la diverticolite.

Perché abbiamo utilizzato il riso nero?

Il riso nero è senz’altro l’ingrediente più “strano” di questi peperoni ripieni. Il riso, infatti, è per definizione bianco, dunque sembra strano trovarlo di questo colore. Anche perché non è beige o tendente al marrone come la varianti integrali, ma è proprio nero. Questa tonalità dipende dalla quantità di fibre, superiore che nel riso bianco, ma soprattutto dalla presenza di antiossidanti che si concentrano nella parte esterna. Una presenza preziosa, in quanto sono dei veri toccasana per l’organismo: stimolano i processi di rigenerazione cellulare, contrastano l’effetto dei radicali liberi e aiutano a prevenire il cancro.

Per il resto, il riso nero è semplicemente riso. Un alimento ricco di carboidrati, quindi, ma povero di grassi, almeno rispetto alla pasta e al pane. Alla stregua del riso bianco, quello nero contiene una quantità discreta di proteine ma abbonda di amido. L’apporto di vitamine e sali minerali, poi, è più che soddisfacente. Il riso nero, in questa ricetta, viene cotto semplicemente in acqua bollente, e amalgamato con gli altri ingredienti in modo da formare un ripieno gustoso e il più possibile omogeneo.

Ecco la ricetta dei peperoni ripieni con riso nero, gamberi e verdure:

Ingredienti per 4 persone:

  • 240 gr. di riso nero o riso venere;
  • 200 gr. di melanzane;
  • 3 peperoni rossi e 3 gialli;
  • 2 zucchine;
  • 100 gr. di pomodorini;
  • 1 cipolla bianca;
  • 1 spicchio di aglio;
  • 200 gr. di gamberi;
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva;
  • rametti di origano fresco;
  • q.b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione dei peperoni con riso nero iniziate lavando quattro peperoni (due rossi e due gialli), poi tagliate via la calotta. Metteteli da parte, li userete alla fine come contenitori, eventualmente potete anche sottoporli a cottura a vapore lasciandoli leggermente crudi. Lavate poi le melanzane, due zucchine, un peperone giallo e uno rosso. Sbucciate tutte queste verdure e fatele a listarelle piuttosto spesse. Rimuovete la buccia dalla cipolla e affettatela in modo piuttosto sottile. In una pentola versate un po’ d’olio, riscaldatelo e fateci cuocere le zucchine e le melanzane per dieci minuti, mescolando di tanto in tanto. In una padella a parte, fate imbiondire la cipolla integrando con un cucchiaio di acqua (altrimenti si brucia), poi aggiungete i peperoni per rosolarli.

Dopo che i peperoni si saranno rosolati versate anche il riso nero e cuocetelo per 40 minuti, aggiungendo acqua al bisogno. Quando il riso è quasi cotto, versate anche la zucchina e la melanzana, versando nuovamente un po’ di acqua calda. Poi aggiungete un po’ di sale e continuate a cuocere per altri 10 minuti. In un’altra padella occupatevi dei gamberi sgusciati facendoli rosolare con poco olio extravergine d’oliva e uno spicchio di aglio, dovrebbero bastare tre minuti. A cottura del riso ultimata, aggiungete i gamberi, un po’ di origano fresco e i pomodorini fatti a pezzi. Mescolate il tutto con delicatezza, poi prendete i peperoni messi da parte e riempiteli. Servite e buon appetito

5/5 (394 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Spaghetti al ragu di fagiano e porcini

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un...

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un primo rustico e insolito Gli spaghetti al ragù di fagiano e porcini sono un primo piatto tra i più “rustici” che possiate mai assaggiare. La lista...

Tagliatelle al sugo di piccione

Tagliatelle al sugo di piccione, un secondo rustico

Tagliatelle al sugo di piccione, un primo diverso dal solito La tagliatelle al sugo di piccione sono un primo dal sapore forte, ma adatto a tutti i palati. Il piatto esula un po’ dalla tradizione...

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


04-07-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti