Crostatine con rape rosse e speck, un break squisito

Crostatine con rape rosse e speck
Stampa

Crostatine con rape rosse e speck, un’idea geniale

Le crostatine con rape rosse e speck sono un’idea sfiziosa per una merenda salata in grado di soddisfare la vista e il palato. Sono squisite e anche belle da vedere. La ricetta è molto semplice e alla portata di tutti, nonostante il tocco di creatività rappresentato dalle rape rosse. Va detto, poi, che sono abbastanza salutari, per quanto non esattamente dietetiche. Il merito va in particolare alle rape rosse, ortaggi dalle eccellenti proprietà nutrizionali. Le rape rosse sono ricche di antocianine, antiossidanti che donano loro un bel colore vermiglio ma che, in aggiunta, contrastano gli effetti dei radicali liberi e agiscono in funzione anticancro. Le rape rosse, poi, sono ricche di vitamine, in particolare della vitamina C.

Buono è l’apporto di sali minerali, tra cui il ferro, il calcio e il potassio. Infine, sono ipocaloriche, depurative e moderatamente lassative. L’altro ingrediente principale delle crostatine con rape rosse e speck è il formaggio cremoso, che concorre più degli altri a formare la farcitura. Per l’occasione, vi consiglio il formaggio Exquisa fresco cremoso, che è tra i migliori presenti sul mercato. Si caratterizza, infatti, per un sapore spiccato, frutto delle più genuine materie prime, nonché per una texture morbida e adatta alla preparazione di ricette. Potete optare per la versione classica o per quella senza lattosio. In termini organolettici, le differenze tra i due prodotti sono nulle, anche perché il processo di rimozione del lattosio è 100% naturale e non impatta minimamente sul gusto.

Sfatiamo alcuni miti sullo speck

Un ingrediente in grado di emergere nelle crostatine con rape rosse è lo speck. Molti potrebbero storcere il naso alla presenza di questo ingrediente. Vi è infatti la convinzione che lo speck, in qualità di insaccato, faccia male. Ad esso viene attribuita un’eccessiva quantità di sale e di nitrati, sostanze che oggettivamente rischiano di danneggiare l’organismo. Allo speck viene inoltre attribuita una presenza di grassi superiori al consentito.

Crostatine con rape rosse e speck

Ebbene, per quanto concerne il sale, lo speck non presenta criticità rispetto ad altri insaccati. Stesso discorso per i nitriti, che sono presenti in quantità ridotta rispetto, per esempio, al prosciutto cotto. Il grasso, infine, non è certo la componente più rappresentativa dello speck, come si evince anche dall’apporto calorico: un etto di speck apporta 300 kcal, meno del salame e in linea con il crudo.

Come fare la pasta frolla?

La pasta frolla gioca un ruolo fondamentale nella ricetta delle crostatine con rape rosse e speck. Potete scegliere di comprare la frolla direttamente al supermercato, e in effetti si tratterebbe di una scelta saggia. D’altronde, i prodotti attualmente in commercio sono in grado di soddisfare il palato, e non differiscono dalle migliori versioni casalinghe. Inoltre, l’acquisto di una buona pasta frolla permette di risparmiare tempo.

Certo, potreste optare anche per la preparazione in casa. Tenete presente, però, che è molto semplice fallire la ricetta, e ritrovarsi con una frolla al di sotto delle aspettative. Per non sbagliare, e preparare una pasta frolla perfetta, vi consiglio di seguire la ricetta della pasta frolla che ho pubblicato su Nonnapaperina.it. A dire il vero è una versione alternativa, in quanto realizzata con la farina di riso o di mais (che hanno il pregio di non contenere glutine), ma il procedimento è il medesimo.

Ecco la ricetta delle crostatine con rape rosse e speck:

Ingredienti:

  • 1 rotolo di pasta frolla consentita,
  • 8-10 rape rosse,
  • 1 cipolla,
  • 200 gr. di formaggio Exquisa fresco cremoso,
  • 30 gr. di Grana Padano grattugiato,
  • 100 gr. di speck,
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione delle crostatine con rape rosse e speck iniziate riscaldando il forno a 180 gradi. Lavate le rape rosse e posizionatele su una teglia da forno. Poi distribuite l’olio a mo’ di condimento, aggiungete il sale e adagiateci sopra della carta stagnola. Infine, cuocete per 40 minuti al forno. Fatele raffreddare, poi sbucciatele e affettatele finemente. Pelate la cipolla, ricavatene un trito fine, poi rosolatela in padella con poco olio e lo speck già fatto a cubetti (o a striscioline). Quando è tutto ben rosolato, spegnete il fuoco e fate raffreddare.

Trasferite la cipolla e lo speck in una ciotola, aggiungete anche il formaggio cremoso e il Grana Padano. Mescolate con cura fino ad amalgamare per bene il tutto. Ora stendete la frolla dentro quattro piccole teglie monoporzione a forma di crostatine, senza rimuovere la carta da forno presente nella confezione. Bucherellate leggermente la frolla con la forchetta e distribuite il composto precedentemente preparato, tagliando via la pasta in eccesso. Livellate il tutto e cuocete al forno (sempre a 180 gradi) per circa 25 minuti. Terminata la cottura, sfornate le crostatine e fatele raffreddare. Concludete, decorando la superficie con le rape rosse in modo da disegnare delle rose, così come vedete in foto. Servite e buon appetito.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


09-06-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti