Conosciamo la Pasta di Gragnano e le sue qualità

pasta di gragnano
Commenti: 0 - Stampa

La Pasta di Gragnano è un alimento di semola di grano duro che si produce solo ed esclusivamente nell’omonimo comune conosciuto come “Città della Pasta”. Si tratta di un piccolo comune in cui abitano meno di trentamila abitanti ma che tutti conoscono proprio per la particolare produzione di pasta dalle inimitabili qualità.

La Pasta di Gragnano è tutelata dal Consorzio nato nel 2003 ed è riconosciuta a livello europeo come prodotto ad Indicazione Geografica Protetta.

I numerosi riconoscimenti per la Pasta di Gragnano provengono dalle sue particolari caratteristiche organolettiche e gustative ma anche per la sua speciale porosità che si ottiene con la tradizionale trafilatura in bronzo e con un lungo processo di essiccazione.

Per questo è la pasta ideale da accompagnare a sughi lisci e liquidi oppure a condimenti più densi e succosi. Anche da un punto di vista nutrizionale la Pasta di Gragnano offre il massimo della qualità essendo una fonte genuina di carboidrati e fibre ma anche di vitamine e sali minerali.

Come si produce

La produzione della Pasta di Gragnano non è complessa ma richiede specifiche condizioni climatiche e ambientali per far sì che il risultato sia ruvido e poroso come vuole la tradizione. L’impasto prevede l’impiego di acqua di sorgente locale e farina di semola di grano duro italiano, il Triticum durum, per l’esattezza.

Questi particolari ingredienti sono stabiliti dalla certificazione IGP che impone ai produttori anche l’impiego di macchine per la rigorosa trafilatura in bronzo e un’essiccazione di almeno sessanta ore.

pasta di gragnano

Le origini

La storia della Pasta di Gragnano inizia verso la fine del sedicesimo secolo con la nascita dei primi pastifici. In verità la Pasta di Gragnano ha una vera e propria data di nascita che sarebbe quella del 12 luglio 1845, il giorno in cui Ferdinando II di Borbone, re del Regno di Napoli, concesse ai gragnanesi un alto privilegio. Durante un pranzo regale, infatti, elesse i fabbricanti di pasta di Gragnano fornitori ufficiali di pasta per la corte. È da quel momento che Gragnano divenne a pieno titolo la Città dei Maccheroni anche se la storia si ramifica ulteriormente in una fitta trama di tradizioni e storie popolari.

Difatti sono state rilevate testimonianze che collocano la nascita della pasta di Gragnano addirittura ai tempi dei Romani, quando nella zona dove sorse il ridente paesino si macinava ottimo grano di qualità grazie alle impetuose acque del Vernotico che azionava le pale e dava vita alla farina che nutriva Pompei, Stabiae ed Ercolano.

La pasta di Gragnano oggi

Ma la storia della Pasta di Gragnano è fatta anche di tradizione, ingegno e virtù perché le classi povere del ‘500 “dovettero” inventare la pasta per sopperire a carestie e fame. Con la grave carestia che colpì il Regno durante il diciassettesimo secolo, infatti, la pasta divenne un alimento fondamentale e nutriente per chi non aveva più nulla da mangiare. A quel tempo era chiamata “oro bianco” ed è allora che iniziò a tramandarsi la procedura della trafila con la quale si ottiene la consistenza porosa.

Oggi a Gragnano sono ancora attivi decine e decine di pastifici che sono confluiti nel Consorzio “Gragnano Città della Pasta” nato a difesa e rilancio della tradizione della città dei maccheroni. Sono davvero tanti i brand che producono questa pasta rinomata e ricercata in tutto il mondo, oggi tutte le migliori gastronomie e ristoranti del mondo utilizzano questo prodotto, ed anche molti e-commerce vendono pasta di Gragnano così che da ogni parte del mondo sia possibile rifornirsi di questo straordinario prodotto, simbolo dell’Italia gastronomica.

pasta di gragnano

Ciò che la rende unica al mondo non è solamente la sua particolare storia che, nel corso dei secoli ha consentito a questa comunità di lenire i morsi della fame e poi di creare un vero e proprio business economico locale. Infatti è anche la particolare posizione di Gragnano ad influenzare il risultato finale per via del clima e delle particolari condizioni di umidità, calore e vento.

Gragnano sorge, infatti, alle pendici dei Monti Lattari, su un rilievo affacciato interamente sul Golfo di Napoli. Qui il clima è fresco per via dell’altitudine ma anche salmastro e leggermente umido per via delle brezze provenienti dal vicino mare.

Salutare, dietetica e sempre benefica

La Pasta di Gragnano è un alimento ottimo da un punto di vista nutrizionale per tante ragioni. Innanzitutto è stato dimostrato che sia un vero toccasana per il buon umore. Difatti contiene tiaminae niacina, due vitamine del gruppo B importanti per il sistema nervoso. Inoltre l’alto contenuto di amido (glucosio) aiuta il corpo a produrre maggiori quantità di serotonina, il neurotrasmettitore del benessere e della felicità. C’è anche da considerare che per via del ridotto indice glicemico è una pasta adatta a tutti, anche a chi è a dieta. La semola di grano duro con cui è prodotta, infine, è una incredibile fonte di proteine vegetali per cui si rivela ideale per tutti i palati.

Si sposa bene con sughi liquidi e densi e si accompagna grandiosamente a condimenti a base di carne o pesce. È un prodotto pregiato che merita di allietare le tavole e che, almeno una volta nella vita, andrebbe sicuramente assaggiato.

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

carne di coniglio

La carne di coniglio, un’alternativa a pollo e...

Un approfondimento sulla carne di coniglio La carne di coniglio fa da sempre parte della tradizione culinaria italiana. Se ben trattata, è un' ottima carne squisita, morbida e adatta alle...

camomilla essicata e al naturale

Camomilla essiccata e al naturale, proprietà e usi

Le principali caratteristiche della camomilla Oggi vi voglio parlare della camomilla essiccata e al naturale, una delle piante officinali più apprezzate e conosciute, nonché un alleato preziosa di...

santolina

La santolina, una pianta aromatica dai mille usi

La santolina dal punto di vista botanico La santolina, o crespolina che dir si voglia, è una pianta arbustiva molto diffusa nei paesi che si affacciano sul mediterraneo. Si presenta con un fusto...

fiordaliso

Il fiordaliso, una pianta da utilizzare in cucina

Le principali caratteristiche del fiordaliso Oggi voglio parlarvi di una pianta speciale, che regala alcuni tra i fiori più belli da vedere, ossia il fiordaliso. Il nome, così elegante e soave,...

Datteri Mazafati

I datteri, uno dei frutti più buoni e...

Un po' di storia sul dattero Oggi parliamo dei datteri, uno dei frutti più particolari in assoluto. Sono particolari dal momento che fanno riferimento alla cultura araba e mediorientale, e per...

Formaggi vegetali,

Formaggi vegetali, non solo per i vegani

Cosa sono i formaggi vegetali? Per alcuni non dovrebbero essere nemmeno chiamati formaggi, per altri sono invece un’alternativa addirittura preferibile ai formaggi tradizionali. I formaggi...

18-05-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti