Auguri mamma! Coda di rospo e carote aromatizzate

coda di rospo e carote
Commenti: 0 - Stampa

La mamma è sempre la mamma

Oggi prepariamo la coda di rospo e carote aromatizzate. Arriva domenica 10 Maggio 2020 e, come ogni anno, cerchiamo delle buone idee per la festa della mamma. È un giorno importante per noi, perché c’è sempre un buon motivo per festeggiare la donna più importante della nostra vita. È l’occasione per riunire la famiglia attorno ad una ricca tavolata ed aggiornarci sulle novità o semplicemente goderci qualche piacevole ora tutti assieme.

Mettiamo da parte la routine, la fretta, le scadenze e dedichiamoci ai nostri affetti. Non sono forse questi i momenti più preziosi della vita? Il tempo c’insegna a non dare mai nulla per scontato. Ma torniamo a noi ed alla scelta fatta per il menù di quest’anno, ossia un bell’arrosto di coda di rospo con carote ai semi di papavero e salsa di verza. Un’occasione speciale merita assolutamente un piatto speciale e particolare, per questo ci siamo posti l’obbiettivo di preparare un secondo degno di questa giornata.

La salsa di verza per un tocco di cremosità

Il nostro arrosto di coda di rospo non sarebbe lo stesso senza il suo letto cremoso composto dalla salsa di verza. Per comporre questa salsa abbiamo utilizzato una delle ricette base della cucina, il versatile

brodo vegetale che orgogliosamente prepariamo in casa, diffidando delle soluzioni più veloci e preconfezionate.

Questo brodo, potrete crederci, offre il suo contributo di sapore e nutrimento a questo piatto. Solo verdure fresche, pulite a dovere, selezionate per il loro gusto e per un risultato equilibrato assieme alla verza. Intingere i pezzetti di arrosto in questa salsa è un piacere aggiunto, che esalta il sapore stesso della coda di rospo e del prosciutto.

coda di rospo e carote

Coda di rospo e carote aromatizzate: un secondo da grandi occasioni

Per il menù della festa della mamma di quest’anno abbiamo le idee chiare. L’arrosto di coda di rospo con carote ai semi di papavero e salsa di verza è un eccellente piatto dal punto di vista di sapori e nutrimento. Infatti, le proprietà nutrizionali della coda di rospo sono davvero importanti, trattandosi di un pesce magro ma ricco di elementi essenziali.

Per molte nostre ricette, non a caso, scegliamo proprio la coda di rospo, considerata la presenza di vitamine del gruppo B, sali minerali, amminoacidi, acidi grassi e glucidi. In particolare, omega 3, potassio, zinco, iodio e fosforo, sono utilissimi al nostro organismo e presenti in abbondanza in questo pesce. Un piatto ideale, insomma, per augurare buona salute e lunga vita alle nostre care mamme!

Ho pianto tante lacrime mamma e mi sono persa più volte.La cucina e la scrittura sono diventate la mie amiche. Quando cucino o quando scrivo mi apro proprio come se tu fossi qui con me. Con gli altri non sempre riesco ad aprirmi e a sfogarmi come vorrei. Tante persone non capiscono perchè non hanno provato questo dolore e altre giudicano senza sapere nulla del mio passato. La tua assenza si fa sentire spesso. Te ne sei andata che ero molto giovane e una parte di me si è persa e mi chiedo spesso se mai la ritroverò. Un altro pezzo se ne è andato con Elisa e un altro ancora con Mary che mi ha fatto da mamma al posto tuo. Ora sono mamma anche e spero di non procurare lo stesso grande dolore ai miei figli.

Ed ecco la ricetta dell’arrosto di coda di rospo con carote ai semi di papavero e salsa di verza:

Ingredienti per 6 persone: 

  • 900 gr. di coda di rospo
  • 1 rametto di rosmarino
  • 120 gr. di prosciutto crudo
  • 100 ml. di vino bianco
  • 60 gr. di scalogno
  • 1 foglia di alloro
  • 300 gr. di verza
  • q. b. di brodo vegetale
  • 400 gr. di carote
  • ½ cucchiaino di semi di papavero
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q. b. di sale

Preparazione:

Chiedete al vostro fornitore di fiducia di disossare la coda di rospo oppure, se ve la sentite, fatelo voi stessi. Salate e distribuite sulla coda un rametto di rosmarino, tritato finemente. Avvolgete la coda di rospo con del prosciutto crudo e formate la caratteristica forma ad arrosto, legando il tutto con dello spago per alimenti. Riscaldate una padella con un po’ d’olio e rosolate il pesce da entrambi i lati. Sfumate dunque col vino bianco e, una volta evaporato, trasportate il tutto in forno per ultimare la cottura. Saranno sufficienti 15 minuti a 170°.

Nel frattempo, tritate lo scalogno e mettetelo in padella ad appassire con olio ed alloro. Tagliate la verza alla julienne ed unitela allo scalogno con un po’ di sale. Versate un po’ di brodo vegetale e lasciate il tutto in cottura per circa 20 minuti. Ultimata la cottura, frullate finemente il preparato fino a comporre una crema. Grattate le carote e lavatele. Tagliatele dunque a fettine e mettetele in padella a cuocere con un po’ d’olio ed una spolverata di semi di papavero nero. Cominciate l’impiattamento con una cucchiaiata di salsa di verza. Adagiate sulla salsa una fetta di arrosto ed aggiungete le carote aromatizzate al papavero. Buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

madeleine al riso integrale

Madeleine al riso integrale e canihua, variante esotica

Madeleine al riso integrale, dolce perfetto per la Festa della Mamma Le madeleine al riso integrale e semi di canihua sono un’idea perfetta per la Festa della Mamma. Sono infatti dei dolcetti...

drip cake ai lamponi

Drip cake ai lamponi, una torta per la...

Drip cake ai lamponi e pistacchi per una giornata speciale La drip cake ai lamponi e pistacchi è un dolce delizioso e dal grande impatto visivo, equilibrato nel gusto e coloratissimo. E’...

Semifreddo allo Skyr e pere

Semifreddo allo Skyr e pere per la Festa...

Semifreddo allo Skyr e pere caramellate, raffinato Il semifreddo allo Skyr e pere caramellate è un dolce di alta classe, che non vi farà rimpiangere i prodotti da pasticceria. L’impatto visivo...

Ciambella profumata alle fragole

Ciambella profumata alle fragole per la Mamma

Ciambella profumata alle fragole, un tripudio di colori e sapori La ciambella profumata alle fragole con glassa rosa è un “signor” dolce buono da gustare e bello da vedere, ricco di ingredienti...

Torta con fragole e sciroppo

Torta con fragole e sciroppo di agave, per...

Torta con fragole e sciroppo di agave per la Festa della Mamma La torta con fragole e sciroppo di agave in pasta di zucchero è un dolce davvero speciale, che coniuga un gusto pieno con un impatto...

Straccetti di vitello

Straccetti di vitello con salsa alle fragole, piatto...

Straccetti di vitello con salsa alle fragole, un secondo delicato e originale Gli straccetti di vitello con salsa alle fragole sono un secondo molto particolare come potete vedere dalla foto. Un...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


02-05-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti