Taglio di cappone alla anziana, secondo sostanzioso

Taglio di cappone alla anziana
Commenti: 0 - Stampa

I principi nutrizionali del taglio di cappone alla anziana.

Il taglio di cappone alla anziana è un secondo piatto in grado di valorizzare le particolari carni del cappone, che spesso a torto vengono considerate difficili da cucinare. Il cappone, per chi non lo sapesse, è un gallo che ha superato i sei mesi di vita ma che è stato castrato prima del sopraggiungere della maturità. Una pratica, questa, che getta le sue radici nell’antichità e che ha uno scopo ben preciso: inibire la produzione di testosterone nell’animale e rendere più morbide ed edibili le sue carni. Il gusto del cappone è leggermente meno delicato di quello del pollo, ma è molto saporito. A differenza dello stesso pollo, va sottoposto ad una cottura molto prolungata.

Il cappone è un alimento che viene impiegato soprattutto durante le festività natalizie, e che appartiene alla tradizione di molte regioni italiane. E’ anche un alimento completo, almeno se si considera l’offerta organolettica delle altre carni. L’apporto calorico è non trascurabile ma comunque non esagerato (234 kcal per 100 grammi), anche perché l’apporto di grassi è abbastanza contenuto. Più che discreto è l’apporto in termini di proteine, che quasi si pone allo stesso livello delle carni rosse. Lodevole è la concentrazione di sostanze benefiche per l’organismo come la vitamina A, la vitamina B1, B2, PP e i folati.

La panna è il segreto del taglio di cappone alla anziana

Il vero segreto del taglio di cappone alla Anziana è la panna. Come tutte le panne da cucina, si aggiunge quasi al termine della preparazione. Questo ingrediente aggiunge morbidezza al piatto, nonché una certa delicatezza, senza per questo coprire il sapore delle carni. La panna delattosata è una panna speciale, in primis perché è priva di lattosio (dunque può essere consumata anche da chi è intollerante a questa sostanza), secondariamente perché è davvero gustosa. Il sapore eccezionale di questa panna è anche dovuto all’eliminazione del lattosio, che avviene attraverso un metodo particolare.

Taglio di cappone alla anziana

La differenza tra burro chiarificato e burro non chiarificato

Se avete già dato un’occhiata agli ingredienti non vi sarà sfuggita la presenza del burro chiarificato. L’attributo “chiarificato” potrebbe non dirvi molto. Si tratta però di una caratteristica fondamentale, che identifica una specifica tipologia di prodotto. Il burro che in genere si acquista al supermercato, e che viene utilizzato in genere per le preparazioni dolciarie, per ungere tegami o per condire le fette biscottate e la marmellata, è il cosiddetto burro “normale” o non chiarificato. La sua caratteristica principale risiede in un contenuto acquoso pari al 10-15%.

Questo non è un vantaggio, anzi lo rende inadatto alla frittura, in quanto poco capace di sopportare le alte temperature. Da qui la necessità di chiarificare il burro, ovvero di garantire al prodotto una più alta percentuale di grassi e una minore presenza di acqua. Il burro chiarificato, non molto diffuso in Italia, è l’ideale per cucinare, e trasforma il burro in un prodotto assimilabile all’olio. Per la ricetta del taglio di cappone alla anziana io consiglio burro chiarificato proprio per questo motivo.

Ecco la ricetta del taglio di cappone alla anziana

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 cappone;
  • 2 scalogni rossi;
  • 200 gr. di champignon;
  • 100 gr. di bacon a bastoncini;
  • q. b. di brodo di cappone;
  • 1 bicchiere di vino bianco secco;
  • 100 gr. di panna delattosata;
  • 4 patate medio grosse;
  • erbe aromatiche (salvia, rosmarino, una foglia di alloro);
  • 60 gr. di burro chiarificato;
  • q. b. di sale e pepe;
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva.

Preparazione:

Dopo averlo tagliato il cappone, rosolatelo in un tegame antiaderente. Sbucciate lo scalogno, tagliatelo e rosolatelo insieme agli aromi e al bacon coprendo il tegame con un coperchio. Dopo circa 7-8 minuti aggiungete il cappone e sfumate con il vino bianco. Versate il brodo vegetale, abbassate la fiamma e rosolate il cappone a fiamma molto bassa. Continuate a versare il brodo se notate che il contenuto del tegame si sta asciugando troppo.

Nel frattempo lavate gli champignon e tagliateli in due, aggiungeteli al cappone una volta che la cottura ha raggiunto circa il 75% del tempo totale ed unite la panna. Adesso sbucciate le patate, tagliatele e mettetele in acqua calda salata per circa 5 minuti (in questo modo riuscirete a sbiancarle per bene). Scolate le patate e cuocetele in un tegame a fiamma bassa con poco burro, olio, sale e pepe.

Aggiungete un po’ di brodo e proseguite la cottura fino a quando non saranno pronte. Adesso è ora di impiattare: adagiate una fetta di patata sul piatto e, sopra questa, un pezzo di cappone bianco e un pezzo di cappone scuro, condite con un po’ di salsa e servite.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Spezzatino di cervo

Spezzatino di cervo, un secondo tradizionale e rustico

Spezzatino di cervo, un piatto tradizionale e rustico Lo spezzatino di cervo è un secondo piatto che appartiene alla tradizione più rustica della cucina italiana. D’altronde si base su una carne...

Triglie al cartoccio

Triglie al cartoccio, un classico secondo a base...

Triglie al cartoccio, una ricetta semplice e gustosa Le triglie al cartoccio sono un secondo piatto di pesce molto semplice e tutto sommato classico, che punta ad offrire sapori suggestivi. A fare...

Coquilles St. Jacques

Coquilles Saint Jacques ai funghi, un piatto ai...

Coquilles Saint Jacques, una preparazione di alta cucina Le Coquilles Saint Jacques ai funghi sono una ricetta della cucina francese. Possono essere considerati come un secondo di pesce o un...

Pernice rossa con uva e polenta

Pernice rossa con uva e polenta, un secondo...

Pernice rossa con uva e polenta bianca, una lista di ingredienti diversa dal solito La pernice rossa con uva e polenta è una di quelle ricette ascrivibili alla categoria “gourmet”, ma allo...

Petto di piccione con gamberi

Petto di piccione con gamberi, un secondo agrodolce

Petto di piccione con gamberi e salsa di frutti di bosco, un piatto gourmet adatto a tutti Il petto di piccione con gamberi e salsa di frutti di bosco è un secondo che vi lascerà stupefatti....

Polpettone con pioppini e porri

Polpettone in crosta con pioppini e porri, singolare

Polpettone in crosta con pioppini e porri, connubio tra carne e frutta secca. Il polpettone in crosta con pioppini e porri è un secondo piatto molto particolare, sia per l’impatto visivo che per...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


23-03-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti