Timballo di quadrotti, un primo pieno e squisito

timballo di quadrotti
Commenti: 0 - Stampa

Timballo di quadrotti, pochi ingredienti per un piatto speciale

Il timballo di quadrotti è un primo davvero particolare. E’ un timballo che segue solo parzialmente le regole degli altri timballi di pasta. A costituire un motivo di differenziazione, per esempio, è la forma. Per questa ricetta, infatti, propongo lo stampo per plumcake. Ad alcuni potrà suonare strano, ma in realtà risulta perfetto per questo tipo di timballo, che gioca sulla presenza di pochi ma ben selezionati ingredienti. E’ un timballo all’apparenza semplice, ma in grado di produrre un impatto in termini di gusto davvero eccezionale.

Pasta, pomodori, formaggio, cipolla, olio, sale e pepe. Basta semplicemente questo per un timballo di quadrotti con i fiocchi. Gli ingredienti, ovviamente, sono di qualità. Per questa ricetta, per esempio, suggerisco i quadrotti La Molisana, che hanno pochi eguali nel mercato e la passata di pomodoro Sfera. Per quanto riguarda il formaggio grattugiato, optate ovviamente per il parmigiano, e in particolar modo per la variante stagionata 36 mesi.

Quel tocco in più nel timballo di quadrotti, il sugo di pomodoro Sfera

Tra i punti di forza di questo timballo di quadrotti spicca la passata di pomodoro Sfera. Non è una passata di pomodoro qualunque. In primis, perché Sfera è tra le aziende più apprezzate del settore agroalimentare in grado di portare avanti un approccio che premia la qualità e la tradizione, pur in una prospettiva imprenditoriale fuori dal comune. Secondariamente, perché questa passata è realizzata veramente con la migliore materia prima in circolazione, ed è dunque capace di esprimere una qualità eccezionale. La passata di pomodoro Sfera, nello specifico, è realizzata con un mix di datterini e pomodoro Superiore, un abbinamento che trova le sue radici nella tradizione gastronomica toscana, ma che è apprezzato anche nel resto d’Italia.

timballo di quadrotti

Per questa ricetta ho scelto la passata di pomodoro Sfera per due motivi. Uno, perché è semplicemente buonissima (e genuina). Due, perché non si può prendere sottogamba la scelta del sugo quando si realizza un timballo, soprattutto se si intende basare la preparazione non tanto sulla quantità degli ingredienti, quanto sulla qualità. Dunque, vi consiglio di utilizzare anche voi la passata di pomodoro Sfera per questo timballo di quadrotti!

I pregi del parmigiano reggiano stagionato 36 mesi

Il parmigiano reggiano è uno delle eccellenze del made in Italy nel mondo, la dimostrazione della competenza degli italiani per quanto riguarda l’agroalimentare. Non a caso, è uno dei prodotti italiani più conosciuti al mondo, molto spesso imitato (persino con approccio fraudolento) ma in fondo inarrivabile. Del parmigiano, oltre che la bontà e la genuinità, stupisce la versatilità. Le sue varianti, le quali si differenziano per il tempo di stagionatura, possono essere associate infatti a usi diversi. Per questa ricetta suggerisco il parmigiano reggiano stravecchio, ovvero stagionato per 36 mesi. Il motivo? Semplice, la stagionatura prolungata migliora la resa del grattugiato, che a sua volta incide sulla qualità della gratinatura. In breve, la “crosticina” sopra il timballo è molto più buona se utilizzate il parmigiano stagionato 36 mesi!

Per il resto, il parmigiano 36 mesi offre gli stessi pregi degli “altri parmigiani”. E’ un formaggio che spicca per l’importanza dal punto di vista nutrizionale, testimoniata in particolare dalla percentuale di proteine, le quali rappresentano addirittura il 33% (più della carne per intenderci). E’ ricco inoltre di aminoacidi essenziali, sostanze importanti ma che il corpo non può produrre da solo. Il parmigiano, poi, è un’ottima fonte di calcio, ferro, zinco, vitamine del gruppo B.

Ecco la ricetta del timballo di quadrotti:

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 gr. di quadrotti La Molisana;
  • 270 gr. di formaggio pasta molle (fontina, scamorza, etc);
  • 125 gr. di mozzarella;
  • 400 ml. di sugo di pomodoro Sfera;
  • 50 gr. di parmigiano reggiano 36 mesi grattugiato;
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • q. b. di sale

Per il sugo di pomodoro:

  • 400 ml. di passata di pomodoro Sfera;
  • 1 scalogno;
  • 2-3 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • q. b. di sale;
  • 1 pizzico di zucchero;
  • qualche foglia di basilico.

Preparazione:

Per la preparazione del timballo di quadrotti iniziate sbucciando e tritando finemente lo scalogno, poi rosolatelo in una pentola con due cucchiai di olio, aggiungete infine la passata di pomodoro ed aggiustate di sale e zucchero (ne occorre pochissimo). Applicate il coperchio e fate andare per 20-25 minuti. Quando il sugo è pronto, aggiungete qualche fogliolina di basilico spezzettata per insaporire. Cuocete in abbondante acqua salata i quadrotti scolandoli solo dopo quattro minuti, al massimo cinque, in quanto dovrete completare la cottura al forno.

Condite la pasta con il sugo e tagliate a dadi molto piccoli sia il formaggio che la mozzarella. Cospargete di olio l’interno di uno stampo per plumcake, e versateci dentro gli ingredienti. Nello specifico, alternate uno strato di pasta con uno stato di mozzarella, formaggio (sia a dadini sia grattugiato). L’ultimo strato, invece, copritelo esclusivamente di parmigiano. Cuocete in un forno preriscaldato a 180 gradi per mezz’ora. Una volta pronto il timballo, fatelo intiepidire, estraetelo dallo stampo e servite.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Spaghetti al ragu di fagiano e porcini

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un...

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un primo rustico e insolito Gli spaghetti al ragù di fagiano e porcini sono un primo piatto tra i più “rustici” che possiate mai assaggiare. La lista...

Tagliatelle al sugo di piccione

Tagliatelle al sugo di piccione, un secondo rustico

Tagliatelle al sugo di piccione, un primo diverso dal solito La tagliatelle al sugo di piccione sono un primo dal sapore forte, ma adatto a tutti i palati. Il piatto esula un po’ dalla tradizione...

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


18-01-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti