Un’esplosione di dolcezza : Fichi secchi alle mandorle

fichi secchi con mandorle
Commenti: 0 - Stampa

I fichi secchi: una dolcezza dalle origini antiche.

Fichi secchi alle mandorle. Non solo dolcezza ma anche energia con i fichi secchi alle mandorle. I fichi sono un dolcissimo frutto, derivante dall’Asia Minore, da sempre simbolo di buon auspicio e fertilità. Storicamente vicini all’uomo, tanto da essere stato rappresentato come frutto gradito e simbolico per le divinità greche, il fico è un prodotto naturale particolarmente nutriente.

Il contributo in termini di energie del fico è particolarmente significativo, infatti, legato alla presenza di abbondanti carboidrati. Essendo particolarmente dolci e calorici, i fichi non sono consigliabili nel contesto di una dieta dimagrante di tipo ipocalorico.

Vanno segnalati elementi essenziali quali gli Omega 3 e gli Omega 6, particolarmente benefici per il metabolismo lipidico e per la pressione arteriosa. Gli stessi semi dei fichi sono i veri contenitori della componente lipidica, infatti la loro masticazione è essenziale affinché tali nutrimenti vengano correttamente assorbiti e non espulsi dal corpo.

Va da sé che essendo molto dolci e dotati di componente glicemica, i fichi non sono consigliabili nemmeno in caso di diabete o patologie metaboliche affini.

I prodotti della tradizione, buoni come quelli fatti una volta!

Man mano che la globalizzazione e la grande distribuzione prendono piede, sembra sempre più difficile reperire prodotti alimentari d’alta qualità, dotati dei sapori intensi che ricordiamo di aver mangiato in passato.

Sarà sicuramente capitato anche a voi di addentare frutta e verdura e di rimanere delusi dal sapore che sembra non essere a volte particolarmente ricco.

fichi secchi con mandorle

Con i fichi, soprattutto se si ha la fortuna di coglierli direttamente da un albero, possiamo riprovare l’ebrezza di assaporare sapori del nostro passato, legati ai ricordi della nostra infanzia e spesso molto evocativi. Ancor di più si può provare questa sensazione gustando, morso dopo morso, questi dolci e deliziosi fichi secchi dotati di una croccante mandorla al proprio interno. 

Con i fichi secchi, lo spuntino che vale come un dessert!

Ci sono tanti modi di preparare i fichi secchi. In maniera naturale, con l’essiccazione al sole ed evitando qualsivoglia prodotto chimico, riusciamo a disidratare i fichi, rendendoli più compatti, resistenti e gradevoli all’assaggio.

Dopo il passaggio al sole, con alcuni giorni di essiccazione naturale, alcuni completano la procedura bollendo i fichi, noi preferiamo completare il tutto in forno.

Siamo certi che il sapore dei fichi venga ancor più esaltato al forno e che la nota di croccantezza con le mandorle interne, siano il tocco finale ma fondamentale per l’assaggio. Conservando poi questi fichi con l’alloro, all’interno dei vasetti ermetici, ci possiamo concedere una scorta di dolcezza, sempre a portata di dispensa.

Una vera risorsa cui attingere quando abbiamo voglia di un sapore dolce e fruttato ma al tempo stesso resistente e compatto.

Ed ecco la ricetta dei fichi secchi con le mandorle:

Ingredienti:

  • 30 fichi maturi
  • 30 mandorle pelate
  • 2 foglie di alloro

Preparazione:

Lavate accuratamente i fichi e metteteli ad asciugare. Schiacciate i fichi fino ad appiattirli delicatamente con l’ausilio di un mattarello, fate però attenzione a non romperli. Adagiate i fichi su di un ripiano, possibilmente in legno.

Coprite il tutto con un panno in cotone e lasciate i fichi ad asciugare al sole. Abbiate cura di rigirare i fichi, almeno un paio di volte al giorno. Lasciate ad essiccare circa 5-6 giorni. Trascorso il tempo indicato, inserite una mandorla all’interno di ogni fico.

Prendete una teglia da forno e foderatela con la carta oleata. Disponete i fichi sopra la placca, tenendoli a distanza l’uno dall’altro. Infornate il tutto a 180° per circa 15 minuti, attendendo completa doratura.

Trascorso il tempo di cottura indicato, lasciateli raffreddare e metteteli in un barattolo di vetro con chiusura ermetica. Alternate fichi e foglie d’alloro secche. Conservate i vasetti così composti in una dispensa, fresca ed asciutta.

4/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Rotolo alla crema di nocciole

Rotolo alla crema di nocciole, un dolce perfetto

Rotolo alla crema di nocciole per regalarsi un momento di pura dolcezza Il rotolo alla crema di nocciole è un dolce semplice da preparare e squisito. Si base su un impasto tutto sommato classico ma...

Hummus di cioccolato

Hummus al cioccolato, non la solita crema

Hummus al cioccolato per una merenda davvero gustosa L’hummus al cioccolato è una soluzione molto suggestiva per le colazioni, le merende ma anche per arricchire ricette dolciarie. Può essere...

Gelato allo Skyr e camomilla

Gelato allo Skyr e camomilla, una merenda estiva

Gelato allo Skyr e camomilla, un’idea particolare Il gelato allo Skyr e camomilla è un deliziosa merenda estiva, una ricetta che reinterpreta il concetto stesso di gelato e, allo stesso tempo, ne...

Cremini fritti

Cremini fritti, dei dolcetti squisiti e facili da...

Cremini fritti, un’idea deliziosa I cremini fritti o crema fritti sono dei dolci dalle caratteristiche particolari, infatti sono il risultato della frittura di una crema. Questa viene realizzata...

Mini pie alle more e mirtilli

Mini pie alle more e mirtilli, uno spuntino...

Mini pie alle more e mirtilli, una piccola squisitezza Le mini pie alle more e mirtilli, come suggerisce il nome, sono torte di piccole dimensioni e dal sapore fruttato. Il procedimento è molto...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, davvero...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, un dessert molto semplice e gustoso I ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco sono una gradevole alternativa al classico gelato e ovviamente ai ghiaccioli...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


13-11-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti