Calamarata con mozzarella di bufala, strepitosa

Calamarata con mozzarella di bufala
Commenti: 0 - Stampa

Gli ingredienti per una buona calamarata

Questa calamarata con pomodorini del Piennolo confit e mozzarella di bufala è una vera meraviglia gastronomica. A rendere questo primo eccezionale concorrono col loro contributo diversi ingredienti ma, su tutti, uno è il più determinante a nostro parere. La pasta, soprattutto in un’ottica di intolleranze alimentari, va scelta con estrema attenzione. Grazie a NutriFree possiamo disporre di un’eccellente calamarata gluten free a base di un mix di mais e riso, trafilata al bronzo e lavorata con lenta essiccazione.

La bontà di questa pasta la noterete al primo assaggio, soprattutto in una pietanza come questa, in cui gli ingredienti vengono aggiunti a freddo. Un primo che trasmette abbondanza e sapori d’eccellenza, pur essendo fatto con ingredienti essenziali e semplici come l’ottima mozzarella di bufala. 

Un piatto che è espressione dei sapori campani

Preparando la calamarata con mozzarella di bufala riviviamo con la nostra mente i sapori partenopei e le bellezze del territorio napoletano. Gli ingredienti selezionati, infatti, a partire dallo stesso formato di pasta, sono tipici della Campania. Proprio in questa meravigliosa regione è possibile acquistare le migliori mozzarelle di bufala al mondo e reperire dei deliziosi pomodorini Piennolo. Questa varietà di pomodorini, caratterizzata da un sapore particolarmente dolce ed intenso, gode del riconoscimento D.O.P. ed è uno dei prodotti più antichi e tipici dei territori sorti alle pendici del Vesuvio.

La mozzarella di bufala è un vanto della cucina italiana. Si tratta come ben sapete di un formaggio tipico della Campania e in generale del Sud Italia famoso in tutto il mondo. A tutela di questa specificità, dagli anni Novanta è stato introdotto il marchio Dop a contrassegnare il prodotto realizzato secondo un certo disciplinare. Le imitazioni per esempio all’estero non si contano, è sufficiente però prestare attenzione alla confezione e alla corretta dicitura dell’alimento non evitare di cadere in inganno.

Va sottolineato il fatto che la mozzarella di bufala è un prodotto “vivo”. Nel senso che non contiene conservanti ed è composto solo da ingredienti naturali come latte, sale e caglio. La cosiddetta acqua di filatura nella quale viene immersa, conferisce quel sapore particolare che diventa inconfondibile anche solo dopo i primi assaggi. Si può agevolmente conservare in frigo, meglio se con alcuni accorgimenti. Ma il consiglio è di consumarla il prima possibile, in modo da apprezzarne tutte le potenzialità.

Calamarata con mozzarella di bufala

In questo piatto, i pomodorini Piennolo esprimono al meglio le loro caratteristiche, con il loro aroma dolce esaltato dalla sapidità di olive, capperi ed acciughe. Un mix davvero vincente che si completa col contributo dato dal peculiare sapore della mozzarella di bufala esaltata dal profumo di timo.

Dolce e salato si sposano perfettamente in questa calamarata

La nostra calamarata con pomodorini e mozzarella di bufala è una pietanza in cui si uniscono e convivono ingredienti dai sapori complementari. Da un lato i dolci pomodorini Piennolo confit, dall’altra le alici, olive e capperi che portano il loro contributo di sapidità. Completa il tutto la mozzarella di bufala ed una pasta senza glutine di qualità.

Scegliete di preparare questo primo quando avrete la possibilità di disporre di materie prime fresche ed originali. Non otterreste un piatto altrettanto buono sostituendo gli ingredienti con qualcosa di simile. Un pomodorino qualsiasi non sarebbe dolce come un Piennolo ed una mozzarella qualunque non potrebbe mai sostituire l’aroma di una di bufala. Diffidate dunque dell’improvvisazione e scegliete la qualità, non ve ne pentirete! 

Ed ecco la ricetta della calamarata con pomodorini del Piennolo:

Ingredienti:

  • 400 gr. di calamarata Nutrifree
  • 600 gr. di pomodori del Piennolo
  • 500 gr. di mozzarella di bufala consentita
  • 40 gr. di olive taggiasche denocciolate
  • 6 acciughe
  • 2 cucchiai di capperi
  • 1 rametto di timo
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 3 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
  • q. b. di sale

Preparazione:

Cominciate a preparare la calamarata lavando accuratamente i pomodorini. Tagliate, poi, i pomodorini a metà ed adagiateli su di una teglia con carta forno, infine conditeli con zucchero, sale, timo ed olio. Infornate i pomodorini per 1 ora circa a 130°. Nel frattempo, tritate olive e capperi e tagliate la mozzarella di bufala a dadini. Dopo l’ora di cottura, mettete i pomodorini in una coppa ed uniteli ad acciughe, trito di olive e capperi e pezzetti di bufala.

Insaporite con del timo, un filo d’olio e mescolate gli ingredienti. Mettete la calamarata a cuocere in un abbondante acqua leggermente salata e scolatela al dente, versatela poi nella coppa con i condimenti. Mescolate il tutto, dividete in porzioni e servite a tavola quando la pasta è ancora tiepida. Buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


21-10-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un delicato mix di ingredienti I maccheroncini con scampi e fiori di zucca sono un primo fuori dall’ordinario. In primo luogo perché sono conditi con...

Calamarata con merluzzo e datterini

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo estivo

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo leggero La calamarata con merluzzo, carciofi e datterini, lascia intendere un piatto a base di calamari, o magari un secondo di pesce. Invece si tratta...

Spaghetti con sarde e bottarga

Spaghetti con sarde e bottarga, un primo che...

Spaghetti con sarde e bottarga, colore e gusto per un ottimo primo di pesce Gli spaghetti con sarde e bottarga sono un piatto che incarna il rapporto tra la cucina italiana e il mare. D’altronde,...

Fettuccine Alfredo

Fettuccine Alfredo, una celebre ricetta italoamericana

La singolare storia delle fettuccine Alfredo Le fettuccine Alfredo sono una delle ricette più famose al mondo. Benché un po’ dappertutto siano considerate “italiane”, in realtà fanno parte...

Riso rosso con zucchine e menta

Riso rosso con zucchine e menta, un primo...

Riso rosso con zucchine e mente, altro che risotto Il riso rosso con zucchine e menta è una suggestiva alternativa al risotto. Anche perché rispetto a quest’ultimo porta spunti differenti. E’...

Formaggi vegetali,

Formaggi vegetali, non solo per i vegani

Cosa sono i formaggi vegetali? Per alcuni non dovrebbero essere nemmeno chiamati formaggi, per altri sono invece un’alternativa addirittura preferibile ai formaggi tradizionali. I formaggi...

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti