Alla scoperta del Katsuobushi e dei suoi possibili usi

Katsuobushi
Commenti: 0 - Stampa

Che cos’è il Katsuobushi

Il katsuobushi è un ingrediente tradizionale e ricorrente della cucina Giapponese.  Questo prodotto deriva dalla lavorazione del katsuo, un pesce che in italiano viene chiamato tonno palamita. La polpa di questo pesce, dal caratteristico colore rossastro, viene essiccata e ridotta in scaglie finissime e sono proprio queste scaglie a prendere il nome di katsuobushi. Volendo definire il sapore di questo tipo prodotto, i giapponesi utilizzano il termine umami che non ha un corrispettivo diretto in italiano.

Questo gusto particolarmente “saporito” costituisce una sorta di quinto gusto – che non ha traduzioni nella nostra lingua- oltre all’amaro, al salato, al dolce ed all’aspro. Come vedremo, parlando in seguito delle sue modalità di preparazione, il katsuobushi si ottiene essiccando in maniera particolare il pesce e per questo offre un sapore particolarmente concentrato. In sostanza, il katsuobushi è preparato ed utilizzato proprio come insaporitore naturale, in aggiunta a varie pietanze.

Come si prepara ?

La preparazione di questo ingrediente richiede numerosi passaggi. Anzitutto, il pesce katsuo viene sfilettato e bollito. Segue alla bollitura un’affumicatura, necessaria per conferire un sapore particolare. A questo punto, sulla superficie del pesce viene intenzionalmente fatta sviluppare una muffa che – in maniera controllata – elimina i grassi e riduce il caratteristico odore del pesce.

Katsuobushi

Proprio a seguito di questo trattamento, il brodo che poi si ottiene con il katsuobushi è particolarmente limpido e di colore chiaro. Infine, come ultima fase della preparazione, il pesce viene posto ad essiccare al sole, a lungo, fino a che la polpa non diventa dura come il legno. A questo punto, proprio come un pezzo di legno, il pesce viene ridotto a scaglie simili alla segatura.

Possibili usi del Katsuobushi

E’ molto nutriente e calorico ma in ogni caso viene saggiamente utilizzato con parsimonia. Ricchissimo di ottimi Omega3, contiene anche sali minerali come fosforo, potassio e ferro, oltre che l’utilissima vitamina D. Una delle possibili applicazioni del katsuobushi è in accompagnamento a del riso bianco giapponese, mischiato con della salsa di soia. In alternativa, sempre col riso, sono ricavabili degli Onighiri, insaporiti all’interno con un cuore di katsuobushi.

L’uso tuttavia più frequente è proprio come aggiunta alle pietanze, da insaporitore, magari nelle zuppe, sulle frittate, sul polpo. In particolare, alla stessa maniera dell’occidentale dado aromatico, viene usato come base per il brodo. Predisponendo il katsuobushi in un pasto caldo, si assiste alla cosiddetta “danza del katsuobushi” ossia il naturale arricciamento delle sottili scaglie essiccate a contatto con del liquido.

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

carne di coniglio

La carne di coniglio, un’alternativa a pollo e...

Un approfondimento sulla carne di coniglio La carne di coniglio fa da sempre parte della tradizione culinaria italiana. Se ben trattata, è un' ottima carne squisita, morbida e adatta alle...

camomilla essicata e al naturale

Camomilla essiccata e al naturale, proprietà e usi

Le principali caratteristiche della camomilla Oggi vi voglio parlare della camomilla essiccata e al naturale, una delle piante officinali più apprezzate e conosciute, nonché un alleato preziosa di...

santolina

La santolina, una pianta aromatica dai mille usi

La santolina dal punto di vista botanico La santolina, o crespolina che dir si voglia, è una pianta arbustiva molto diffusa nei paesi che si affacciano sul mediterraneo. Si presenta con un fusto...

Datteri Mazafati

I datteri, uno dei frutti più buoni e...

Un po' di storia sul dattero Oggi parliamo dei datteri, uno dei frutti più particolari in assoluto. Sono particolari dal momento che fanno riferimento alla cultura araba e mediorientale, e per...

Formaggi vegetali,

Formaggi vegetali, non solo per i vegani

Cosa sono i formaggi vegetali? Per alcuni non dovrebbero essere nemmeno chiamati formaggi, per altri sono invece un’alternativa addirittura preferibile ai formaggi tradizionali. I formaggi...

sambuco

Sambuco, tante ricette facili con questa pianta

I principali utilizzi del sambuco Il sambuco è una pianta tra le  più conosciute e utilizzate non solo dall’industria alcolica, che ne ricava un famoso liquore, ma anche in erboristeria, nella...

28-05-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti