Insalata di pollo e gamberi, asparagi e salsa di yogurt

Insalata di pollo e gamberi
Commenti: 0 - Stampa

Prepariamo una golosa insalata di pollo e gamberi con asparagi e salsa di yogurt?

Ogni tanto, dobbiamo provare nuove ricette, non credete? Perciò, se avete voglia di una sferzata di gusto e novità, lasciatevi dire che l’insalata di pollo e gamberi con asparagi e salsa di yogurt fa proprio al caso vostro. Si tratta di un piatto semplice da preparare, che vi consentirà di sfruttare la cottura sottovuoto a bassa temperatura. Quest’ultima è ottima per chi ama cucinare in modo sano e portare in tavola sapori intensi e tante sostanze nutritive.

Usufruire di questa modalità di cottura non è difficile: basta munirsi dei giusti elementi, tenere a mente qualche trucco e il gioco è fatto! Ad ogni modo, ne parlo in maniera più dettagliata in una particolare sezione della scuola di cucina di NonnaPaperina.it. Pertanto, non perdetevi i miei suggerimenti… Grazie ai consigli che troverete su questo blog, potrete preparare una deliziosa insalata di pollo e gamberi, e conferire alle vostre pietanze quel valore aggiunto che stavate cercando da tempo. Ve lo assicuro!

Quali nutrienti porteremo in tavola con questa ricetta?

Al fianco delle numerose sfumature di sapore proposte dalla golosa insalata di pollo e gamberi con asparagi e salsa di yogurt, non mancheranno di certo le proteine… Sapete quante ne contengono il pollo e i gamberi? In 100 grammi di carne di pollo ne troviamo circa 20 grammi e nella stessa quantità di gamberi ce ne sono ben 20,10 grammi. Un ottimo inizio, non è vero? Tra l’altro, si parla anche di un notevole apporto di potassio, fosforo, calcio, magnesio, zinco, selenio e vitamine del gruppo B.

Chiaramente, in questa combinazione di alimenti non mancano i lipidi. Tuttavia, nel caso dell’insalata di pollo e gamberi, e soprattutto per quanto riguarda questi ultimi, abbiamo a che fare con una buona quantità di grassi “buoni”, a favore dell’apparato cardiovascolare. D’altra parte, possiamo inoltre dire che il pollo è una delle carni più magre presenti all’interno della nostra alimentazione. Perciò, con le giuste porzioni possiamo nutrirci come si deve e saziarci a dovere, senza influenzare negativamente i livelli di colesterolo nel sangue.

Due notizie sugli asparagi

L’ Asparagus officinalis è una pianta indigena dell’Europa e dell’Asia in zone dal clima temperato; in Italia viene comunemente coltivato negli orti. Gli asparagi erano molto apprezzati dai Romani, tra i quali sono da ricordare Giulio Cesare e il poeta satirico Giovenale. Gli asparagi possono essere coltivati dal seme oppure darizomi (detti zampe) da cui si originano i polloni carnosi e muniti di squamette alla estremità, che si usano come ortaggi di primavera.

A seconda del modo di coltivazione si hanno asparagi verdi o asparagi bianchi (cresciuti interrati), che sono tanto più apprezzati quanto più estesa è la parte tenera e commestibile. Si hanno numerose varietà di asparagi, da raggruppare nel modo seguente: asparago verde o asparago comune; asparago violetto o rosato, fra cui il bianco d’Olanda, che ha per prototipo assai pregiato l’ Argenteuil; l’asparago d’Alemagna o di Milano.

Negli Stati Uniti sono state ottenute delle varietà giganti quale la colossale di Connovers, ancora poco diffusa in Italia. Le varietà precoci si trovano già a febbraio, ma la massima produzione si ha in maggio/giugno.

La varietà più comune di asparagi è di colore verde chiaro. Scegliete cime diritte, di dimensioni uniformi, con punte compatte. Le cime rotonde e piene sono generalmente più tenere di quelle piatte. Dopo avere avvolto le basi in un panno umido, si conserva in frigorifero in una busta di plastica.

Gli asparagi sono una buona fonte delle vitamine A e C, sono inoltre ricchi di calcio, fosforo, potassio, ferro e tianina.

Insalata di pollo e gamberi

Prepariamo l’insalata di pollo e gamberi, asparagi e salsa di yogurt

Ricchi di vitamine e minerali, gli asparagi vantano di un sapore particolare, ma anche di interessanti proprietà diuretiche, depurative, disintossicanti e antiossidanti. Secondo le ricerche, abbiamo a disposizione un ortaggio perfetto per chi necessita di tenere sotto controllo il peso e per coloro che hanno bisogno di regolarizzare le proprie funzioni intestinali. Questi gustosi ingredienti dell’insalata di pollo e gamberi aiutano a contrastare i danni dei radicali liberi e a prevenire malattie come il diabete. Sono altresì dei validi antinfiammatori naturali. (Al posto degli asparagi potrete anche usare i broccoletti!)

E cosa possiamo dire della salsa di yogurt? In questo caso, useremo quello greco. Questo prodotto alimentare viene filtrato in maniera diversa rispetto allo yogurt tradizionale, regalandoci una consistenza diversa e una sostanziale riduzione della percentuale di lattosio. Nonostante questo, si tratta comunque di un cibo carico di macro e micronutrienti.

Essendo poco dolce e molto cremoso, si adatta bene alla realizzazione di alcune pietanze salate, proprio come accade nel caso dell’insalata di pollo e gamberi con asparagi e salsa di yogurt. A questo punto, non vi resta che provare questa ricetta e farmi sapere cosa ne pensate!

Ed ecco la ricetta dell’insalata di pollo e gamberi, asparagi e salsa di yogurt

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 gr. di petto di pollo
  • 300 gr. di code di gamberi
  • 1 limone
  • 1 mazzetto di basilico
  • 400 gr. di asparagi
  • 100 gr. di cetrioli
  • 200 gr. di yogurt greco consentito
  • qualche fetta di pane carasau consentito
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Salate e pepate il petto di pollo; inseritelo in un sacchetto da cottura con la scorza del limone e metà basilico. Condizionate sottovuoto, cuocete nel bagno termostatato a 62°C per due ore e lasciate raffreddare.

Sgusciate i gamberi, privateli del filo intestinale e conditeli con sale, pepe e olio. Inseriteli in un sacchetto, condizionate sottovuoto e cuocete nel bagno termostatato a 56°C per 15 minuti. Lasciate raffreddare.

Pulite gli asparagi, inseriteli in un sacchetto da cottura con l’acqua frizzante, condizionate sottovuoto e cuocete nel bagno termostatato a 82°C per 30 minuti.

Sbucciate il cetriolo, tagliatelo a cubetti piccoli. Unite lo yogurt, il basilico tritato rimasto, il sale, il pepe e poco olio.

Disponete gli asparagi o i broccoletti sui piatti di portata, adagiatevi il pollo tagliato a fette e i gamberi. Completate con il pane carasau e la salsa di yogurt.

piatto: Royale Porcellane

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di puntarelle con avocado

Insalata di puntarelle con avocado, un piatto leggero

I tanti colori dell’insalata di puntarelle con avocado e gamberi L’insalata di puntarelle con avocado e gamberi è un'ottima idea per un piatto leggero, che riesca a soddisfare la vista e il...

Coscia di oca al bergamotto

Coscia di oca al bergamotto, un secondo agrodolce

Coscia di oca al bergamotto, un secondo gourmet per tutti i palati La coscia di oca a bassa temperatura profumata al bergamotto è un secondo elegante e dal sapore particolare, in grado di...

Coscia di carre di agnello aromatizzato al rosmarino con mirepoix di fagiolin

Coscia di agnello al rosmarino alla provenzale 

La Coscia di agnello è un piatto da leccarsi i baffi. Un taglio di carne davvero prelibato è la coscia di agnello. Quando la trovo dal macellaio non riesco a resistere alla tentazione di comprarla....

petto di anatra leggermente affumicato

Stupire con il petto di anatra leggermente affumicato!

Un menu speciale con il petto di anatra leggermente affumicato Noi italiani siamo abituati per lo più a consumare pollo, tacchino, carne di manzo o di maiale. Ogni tanto, però, dobbiamo...

Stinco di maiale laccato al miele

Stinco di maiale laccato al miele… una vera...

Avete mai assaggiato lo stinco di maiale laccato al miele? Se ancora non avete assaporato un buon piatto di stinco di maiale laccato al miele e senape, con indivia, uvetta e pinoli, oggi vi dirò...

coniglio farcito con le verdure

Il coniglio farcito con le verdure: una vera...

Per la preparazione della ricetta del coniglio farcito alle verdure , ho utilizzato alcuni macchinari ed accessori che non dovrebbero mai mancare in una cucina che si rispetti. Su tutti, si è...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


29-04-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti