Biscottini di frolla al cacao: tra genuinità e golosità

Biscottini di frolla al cacao
Commenti: 0 - Stampa

Bontà sì, ma anche benessere con i biscottini di frolla al cacao

Se di biscottini di frolla al cacao ne preparassimo pur dozzine e dozzine una cosa è certa: finirebbero subito! Questi fragranti dolcetti sono infatti non solo buoni ma anche sani, realizzati con ingredienti genuini, a basso contenuto calorico, sono privi di burro e questo ne fa una realizzazione casalinga consigliata per tutti, ovviamente non solo per coloro che devono seguire una dieta ipocalorica, ma anche per i bambini.

L’educazione alimentare ci suggerisce di preferire ingredienti sani. Questi non pregiudicano il gusto, assolutamente. Mangiare in modo genuino è fondamentale, infatti, per mantenersi in salute. Preferire farine senza glutine significa prendersi cura del proprio benessere, e questo vale per i celiaci, per i quali una dieta senza glutine, condotta con rigore, è l’unica terapia che garantisce un perfetto stato di salute, ma non solo per loro, trattandosi di ingredienti molto più digeribili.

La versione bianca ed esotica dei nostri frollini

Prima o dopo un’intensa giornata di lavoro è giusto coccolarsi un po’. Per farlo con gusto abbiamo la possibilità, per chi non ama particolarmente il cioccolato, di realizzare una versione dei biscottini di frolla al cacao “in bianco” sempre senza glutine: stiamo parlando dei biscottini al cocco, frutto esotico che abbiamo impiegato poco tempo a desiderare anche da noi in Europa, vista la sua versatilità in cucina e il suo sapore ricco, corposo e delicato.

Ideale per chi soffre di reflusso e di altri problemi gastrici, il cocco, utilizzato con risultati eccezionali anche in campo cosmetico, vanta una capacità unica: quella di proteggere le pareti dello stomaco concorrendo a ridurre le infiammazioni e le acidità che lo colpiscono. Il cocco aiuta il nostro sistema immunitario e il nostro cervello…insomma, questi biscottini sono un pretesto davvero goloso per consumarlo in una versione gluten free adatta a tutti.

Biscottini di frolla al cacao

La versione da inzuppo dei biscottini di frolla al cacao

I nostalgici nonché amanti della tradizione a merenda potrebbero preferire i biscotti da inzuppo…come biasimarli, questi non stancano mai! Anche in questo caso, niente paura: le farine utilizzate sono senza glutine.  Manca il burro, come ben noto ingrediente da evitare se possibile, e manca anche il lievito, che non a tutti è permesso o gradito. La semplicità la fa da assoluta padrona in questi frollini preparati sin dai tempi delle nostre nonne.

Torniamo ora però ai nostri biscottini di frolla al cacao. Molti di voi si staranno chiedendo come realizzarli. I più diffidenti nell’uso di ingredienti sani dovranno sicuramente ricredersi e, dopo averli provati, difficilmente torneranno ad acquistare biscotti già pronti sicuramente gustosi e fragranti, ma dagli ingredienti, che, spesso, mal si conciliano con la nostra voglia di benessere. La ricetta è dello chef Marco Scaglione

Ed ecco la ricetta dei Biscottini di frolla al cacao

 Ingredienti per 6 persone

  • 100 gr. amido di mais
  • 100 gr. amido di tapioca
  • 300 gr. farina di riso Finissima
  • 15 gr. cacao
  • 180 gr. olio di semi di girasole
  • 200 gr. zucchero semolato
  • 4 uova intere
  • Buccia grattugiata di un arancio
  • 1 gr. bicarbonato
  • 0,5 gr. ammoniaca

Procedimento

Miscelate le farine in un’unica terrina insieme al cacao con una frusta per qualche minuto.

Montate le uova e lo zucchero in planetaria con la frusta, oppure in una ciotola con uno sbattitore elettrico, per almeno 5 minuti

Aggiungete le farine precedentemente miscelate fino a che verranno assorbite completamente nel composto.

Prendete una sac à poche in tela e una bocchetta rigate, scegliete bocchette rigate con fantasie differenti. Mettete poco impasto alla volta nella sac à poche, altrimenti si farà fatica a premere.

Create i biscotti di varie forme, avendo cura di non farli eccessivamente grandi e di proporzione uguali, per far sì che abbiano tutti lo stesso tempo di cottura.

Lasciate i biscotti leggermente distanziati tra loro, perché in cottura gonfieranno un pochino.

Adagiate su alcuni biscotti le ciliegine candite, lo spuntone di confettura, la frutta secca… e lasciatene una parte neutri per decorarli successivamente con cioccolato fuso e zucchero a velo.

Lasciate riposare possibilmente i biscotti in frigo per 20-30 minuti prima di infornare.

Cuocete una teglia alla volta in forno statico ventilato a 180° per circa 15 minuti o poco più.

Il tempo di cottura potrebbe aumentare o diminuire di qualche minuto a seconda del vostro forno e della grandezza dei biscotti. Sfornate e lasciate raffreddare.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Parrozzo

Il parrozzo, uno splendido dolce abruzzese

Il parrozzo, un dolce al cioccolato fuori dall’ordinario Il parrozzo, detto anche pane rozzo, è un dolce tipico della cucina abruzzese che vanta una lunga tradizione. E’ stato inventato agli...

Torta al pandan

Torta al pandan, un magnifico dessert colorato

Torta al pandan, un’idea per una merenda fuori dal comune La torta al pandan, o pandan cake, è un dolce che rende molto sul piano estetico. Lo potete notare dalla foto, infatti si distingue per...

plumcake con fichi e Skyr 

Plumcake con fichi e Skyr, una merenda perfetta

Un dolce gustoso e nutriente per la merenda. Il plumcake con fichi e Skyr è un’idea gustosa e genuina per una merenda che possa allietare i pomeriggi e consentire di recuperare le energie, o...

Rotolo alla crema di nocciole

Rotolo alla crema di nocciole, un dolce perfetto

Rotolo alla crema di nocciole per regalarsi un momento di pura dolcezza Il rotolo alla crema di nocciole è un dolce semplice da preparare e squisito. Si base su un impasto tutto sommato classico ma...

Hummus di cioccolato

Hummus al cioccolato, non la solita crema

Hummus al cioccolato per una merenda davvero gustosa L’hummus al cioccolato è una soluzione molto suggestiva per le colazioni, le merende ma anche per arricchire ricette dolciarie. Può essere...

Gelato allo Skyr e camomilla

Gelato allo Skyr e camomilla, una merenda estiva

Gelato allo Skyr e camomilla, un’idea particolare Il gelato allo Skyr e camomilla è un deliziosa merenda estiva, una ricetta che reinterpreta il concetto stesso di gelato e, allo stesso tempo, ne...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


21-03-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti