Conchiglie ai finocchi e speck: salute e gusto

conchiglie ai finocchi e speck
Commenti: 0 - Stampa

Perché preferire le conchiglie ai finocchi e speck

Le conchiglie ai finocchi e speck rappresentano una ricetta veloce e facilissima, che si presta ad essere servita a tavola anche in presenza di soggetti celiaci. La pasta che andremo ad utilizzare ha un gusto che oggi sembra conquistare il palato di un pubblico che va ben oltre quello, più ristretto, che deve optare per necessità per il gluten free. In questo caso è la bontà a trionfare, con tutte le proprietà benefiche di ingredienti sani e genuini.

L’integrale, da alcuni ritenuto una moda, è in realtà una scelta di salute. Preferirlo significa godere di molte proprietà: questo, infatti, è ricco di fibre, acidi grassi benefici per il corpo, antiossidanti, vitamine e sali minerali. È la presenza di questi elementi, benefici per lo stato di salute ottimale del nostro corpo e indispensabili per il corretto funzionamento del nostro organismo, a rendere bene l’idea di come i cibi integrali siano migliori rispetto ai tradizionali raffinati.

Alta digeribilità a ridotto contenuto glicemico

Ma non è solo per via delle importantissime proprietà nutrizionali di cui godono che non dobbiamo fare a meno di provare a dilettarci nella preparazione – per altro molto semplice – delle conchiglie ai finocchi e speck. Il profumo e il sapore che derivano dall’accostamento di questi due ingredienti così diversi tra loro, ma così capaci di completarsi a vicenda, regalano un’esperienza organolettica unica ne suo genere.

conchiglie finocchi speck ver

Le preziosissime proprietà del pesce possono essere apprezzate al massimo in una versione di conchiglie integrali al profumo di mare. Stiamo parlando delle conchiglie con yogurt greco, tonno e pomodorini pendolini. Un piatto semplice, ma alternativo al tempo stesso, a basso indice glicemico proprio per via della scelta “integrale” e ricchissimo dei preziosi acidi grassi Omega 3 delle cui proprietà si sente, a ragione, tanto parlare oggi.

Le mille qualità delle conchiglie ai finocchi e speck

Chi lo dice che il sapore ricco mal si concilia con la linea? L’antica credenza che per godere di buona salute sia necessario eliminare pasta e pane è errata, almeno oggi, per via della presenza in commercio di pasta integrale. Restare in forma con gusto è possibile. Un esempio è rappresentato dalle conchiglie alla crema di tonno, una bontà a cui è impossibile rinunciare.

Anche le nostre conchiglie ai finocchi e speck di cui ci apprestiamo a dare ricetta, sono l’esempio di come la cultura del benessere a tavola sia drasticamente cambiata. L’integrale risponde benissimo alle rinnovate esigenze di chi, senza rinunce, ha però a cuore la propria salute, specie nel caso si soffra di celiachia. Siamo molto lontani dai tempi in cui la celiachia rappresentava un problema che imponeva scelte alimentari ristrette.

Ed ecco la ricette delle Conchiglie ai finocchi e speck

Ingredienti per 4 persone

  • 280 gr. di Conchiglie di Riso Integrali Senza Glutine Rice e Rice
  • 1 finocchio
  • 1/2 cipolla rossa
  • 150 gr. di speck a listarelle
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale e  pepe rosa

Preparazione

Lavate ill finocchio e riducete a piccoli cubettini piccoli. In una padella antiaderente con l’olio caldo fate rosolare lo speck a listarelle, poi, quando è croccante, mettetelo da parte. Nel fondo di cottura mettete la cipolla tritata fine e, quando è appassita, il finocchio.

Regolate di sale e cuocete, mescolando, per altri 10 minuti.

Intanto, mettete a cuocere la pasta in una pentola con acqua in ebollizione poco salata, scolatela al dente e versatela nella padella con i finocchi e unite anche lo speck messo da parte. Fate saltare in padella per 2 minuti, poi servite in tavola spolverizzando con il pepe rosa.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Spaghetti al ragu di fagiano e porcini

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un...

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un primo rustico e insolito Gli spaghetti al ragù di fagiano e porcini sono un primo piatto tra i più “rustici” che possiate mai assaggiare. La lista...

Tagliatelle al sugo di piccione

Tagliatelle al sugo di piccione, un secondo rustico

Tagliatelle al sugo di piccione, un primo diverso dal solito La tagliatelle al sugo di piccione sono un primo dal sapore forte, ma adatto a tutti i palati. Il piatto esula un po’ dalla tradizione...

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


20-02-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti