Mini cakes speziati alle ciliegie candite, per tutti!

Mini cakes speziati alle ciliegie candite
Commenti: 0 - Stampa

Il Natale è gioioso con i mini cakes speziati alle ciliegie candite

Prepariamo i mini cakes speziati alle ciliegie candite nella grande celebrazione del Natale. Dei graziosi tortini arricchiti con molti ingredienti della tradizione natalizia: ciliegie candite, pan di zenzero, zucchero a velo… e non solo, tutti gli elementi presenti nei mini cakes speziati alle ciliegie candite concorrono a rendere questo dessert una vera ghiottoneria! Sapori, profumi, colori divertitevi a stupire tutti i vostri cari con una ricetta da cuochi sopraffini.

La ciliegia è originaria, probabilmente, dell’Asia Minore e comunemente coltivata in tutte le regioni d’Europa e d’America, è una drupa carnosa di forma sferica, con un solco laterale più o meno pronunciato. Il colore varia molto a seconda delle varietà, dal rosso cupo al roseo, come pure varia il sapore. Il nocciolo, ovale, contiene una mandorla amara.

Dalla specie Prunus avium derivano le varietà comunemente coltivate a frutto dolce, che rappresentano circa il 90% della produzione, con diverse caratteristiche di colore e compattezza della polpa. Dal Prunus cerasus derivano invece le varietà a frutto acidulo e aspro, quali le visciole, le marasche, le amarene e le ciliegie agriotte.

Le ciliegie comuni si consumano fresche come frutta da tavola; si mettono inoltre in commercio conservate con sciroppo di zucchero o nello spirito, e se ne fanno marmellate. Con le visciole si preparano sciroppi per bibite (amarena); con le marasche il ben noto liquore maraschino.

La ciliegia comune si trova da maggio ad agosto, con il culmine della stagione di raccolta nel periodo giugno-luglio; le varietà a frutto acidulo maturano leggermente più tardi, dalla fine di giugno a metà agosto.

Scegliete frutti pieni, a pelle liscia e lucida con gambi freschi, e del colore proprio della varietà. Evitate frutti piccoli, duri e immaturi, perché non matureranno più. Esaminate attentamente le ciliegie scure perché il colore può mascherare segni di alterazione,

Eliminate i frutti danneggiati, e refrigerate quelli sani in contenitori sigillati per un giorno o due al massimo. Lavateli prima di mangiarli.L e ciliegie hanno un discreto contenuto di vitamina A e di potassio e contengono inoltre vitamina C, calcio e ferro.

Candite le ciliegie quando sono di stagione per averle a disposizione per l’inverno.

Cremor tartaro, vaniglia bourbon e sciroppo d’agave: che cosa sono?

Nella ricetta dei mini cakes speziati alle ciliegie candite ci sono tre ingredienti su cui desidero soffermarmi. Il cremor tartaro o cremore di tartaro non è nient’altro che un agente lievitante naturale estratto dall’uva o dal tamarindo, utilizzato soprattutto nella cucina vegana. Si tratta di un sale di potassio dell’acido tartarico del tutto naturale usato spesso in associazione al bicarbonato di sodio per aumentarne il potere lievitante. Conferisce morbidezza agli alimenti senza appesantirli.

Da sapere: è un validissimo sostituto anche per chi presenta delle intolleranze alimentari ai lieviti. Passiamo ora alla vaniglia Bourbon che, per chi non lo sapesse, è coltivata con grande cura sull’isola di La Réunion. Molti la ritengono la vaniglia migliore in assoluto. I suoi baccelli scuri e sottili, molto apprezzati dai più illustri Chef, diffondono un aroma davvero dolce.

Infine, il succo o sciroppo d’agave: si ricava dalla linfa dell’agave blu, appartenente alla famiglia delle Agavaceae, una pianta carnosa e gelatinosa del deserto del Messico. Il succo d’agave svolge un’azione remineralizzante, poiché contiene una grande quantità di calcio, magnesio, potassio e ferro; nonostante sia composto per una buona parte da fruttosio, mantiene un indice glicemico più basso di altri zuccheri, e del miele stesso.

Mini cakes speziati alle ciliegie candite

Un regalo inaspettato: i mini cakes speziati alle ciliegie candite

I mini cakes speziati alle ciliegie candite, una volta pronti, si conservano per circa 5-6 giorni in un contenitore ermetico ben chiuso, in luogo fresco ma non umido. Se, però, gradiste regalarli, disponeteli in un sacchettino alimentare o su un vassoietto colorato, confezionato con della carta trasparente alimentare, e decorato con un bel fiocco colorato e vivace.

Di sicuro questi tortini dolci sapranno sorprendere e deliziare il fortunato che li riceverà. Una ricetta così semplice, e bada bene senza glutine e senza lattosio, è il dopo pasto ideale per tutti i palati golosi che vogliono godere di queste festività al meglio, senza rinunce o difficili compromessi alimentari.

Ed ecco la ricetta dei mini cakes speziati alle ciliegie candite

Ingredienti per 6 mini cakes

  • 120 gr farina di riso
  • 60 gr fecola di patate
  • 100 ml olio di riso
  • 3 cucchiai colmi di sciroppo d’agave
  • 3 cucchiai di ciliegie candite senza glutine, più alcune per la decorazione
  • 2 uova
  • 1 yogurt bianco dolce senza lattosio
  • 1 pizzico di sale fino
  • ½ cucchiaino di cremor tartaro
  • 1 cucchiaino di spezie miste per il pan di zenzero (la miscela prevede cannella, chiodo garofano, noce moscata, anice stellato, pepe nero, etc..)
  • ½ cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • ½ cucchiaino di vaniglia bourbon in polvere
  • Zucchero a velo per decorare

Preparazione

Accendete il forno e portatelo ad una temperatura di 180° C.

In una ciotola sbattete le uova insieme allo sciroppo d’agave, all’olio di riso e alle spezie (miscela pan di zenzero e vaniglia); unite lo yogurt, sempre amalgamando.

Aggiungete in seguito la farina di riso miscelata con la fecola, il bicarbonato, il pizzico di sale e il cremor tartaro; mescolate ben bene o sbattete con una frusta a mano, ottenendo un composto morbido.

Unite le ciliegie candite spezzettate grossolanamente e passate in un po’ di farina di riso, continuando ad amalgamare.

Ungete con un po’ d’olio 6 stampini da mini-plumcake e versateci l’impasto riempiendoli per tre quarti; infornate e cuocete per circa 25 minuti, effettuando la prova dello stuzzicadenti per verificarne l’avvenuta cottura (nel caso non fossero completamente cotti, aumentate di qualche minuto la permanenza in forno).

Sfornate e lasciate raffreddare prima di togliere dagli stampini; spolverizzate a questo punto con lo zucchero a velo e decorate con qualche ciliegia candita tenuta da parte.

Buona degustazione!

5/5 (324 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


14-12-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Pate di pernice rossa con polenta

Patè di pernice rossa con polenta, un ottimo...

Patè di pernice rossa su crostini di polenta, un antipasto gourmet Il patè di pernice rossa su crostini di polenta è una pietanza molto particolare. In primis, perché è realizzata con una carne...

Stella di Natale

Stella di Natale, il dolce perfetto per le...

Perché è così speciale il nostro dolce Stella di Natale? La Stella di Natale non è una torta come le altre. Lo potete notare già dalla foto e dalla sua forma particolare con un impatto visivo...

Cappone ripieno al tartufo

Cappone ripieno al tartufo, un secondo da ristorante

Perché il cappone ripieno al tartufo è così speciale? Il cappone ripieno al tartufo non è un secondo piatto come gli altri. Le ragioni per affermarlo sono numerose, in primis perché prevede...

Torta Albero di Natale

Torta Albero di Natale al profumo di menta

Torta Albero di Natale, un dessert al profumo di menta La nostra mente è sempre propensa alle festività ed eccoci a fantasticare su questa torta albero di Natale. Nessun simbolo potrà essere mai...

Spaghetti con bottarga di pesce

Spaghetti con bottarga di pesce per un cenone...

Spaghetti con bottarga di pesce spada, ingredienti di qualità per una ricetta semplice Gli spaghetti con bottarga di pesce spada rappresentano un primo piatto degno dei cenoni di Natale più...

Carrubine

Carrubine, il tipico dolcetto natalizio

Cosa sono le carrubine? Le carrubine sono dei dolcetti deliziosi, perfetti per ogni occasione ma indicati soprattutto a Natale, quando la voglia di dolci raggiunge il suo apice e ci si può...

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti