Prepariamo il Kaiserschmarren? Non ve ne pentirete!

Tempo di preparazione:

Kaiserschmarren, un dolce dal sapore inaspettato

Molti di voi si chiederanno di cosa sto parlando, mentre altri non vedranno l’ora di passare alle modalità di preparazione! In entrambi i casi, è utile sapere che il Kaiserschmarren si presenta come uno dei dolci tipici della tradizione Altoatesina, che però non è una specialità del luogo: è una delizia firmata dagli austriaci. Ad ogni modo, soprattutto nel nord della nostra penisola, è molto diffuso. Possiamo trovare questo dessert in tutta la zona del Tirolo e gustarlo apprezzando appieno le sue principali sfumature di sapore.

Il Kaiserschmarren originale viene preparato con grande impegno e portato in tavola al fianco di una bella porzione di prugne brasate. Chiaramente, nel nostro caso, andremo a cambiare qualcosa: la sua preparazione si rivelerà molto semplice e useremo ingredienti privi di lattosio e senza glutine. Nonostante questo, vi assicuro che non sentirete di certo la mancanza degli ingredienti della ricetta tradizionale… Vi conquisterà lo stesso e vi permetterà di soddisfare il palato dei vostri ospiti e familiari, a prescindere dall’età!

Le altre caratteristiche di questo dolce molto speciale

Se conoscete i passaggi della preparazione originale, saprete che l’impasto ricorda un po’ quello per le crêpes. Tuttavia, una volta pronto, il Kaiserschmarren si presenta con tanti pezzi di golosa pasta dolce, accompagnata dalla marmellata. Secondo alcune leggende, la “frittata dolce dell’imperatore” (non è altro che la traduzione del nome di questo dessert!) fu preparata la prima volta per l’imperatore Francesco Giuseppe che, una sera, non potendo partecipare al classico pasto regale, chiese al suo cuoco di preparargli una crêpe e di portarla nelle sue stanze.

Il cuoco non sapeva proprio cosa fare e, tra l’altro, stava già preparando la cena per il resto della famiglia reale. Perciò, la distrazione e le numerose preparazioni in corso lo portarono a dimenticarsi la crêpe sui fornelli… Purtroppo, la pietanza si bruciò un po’ e si ruppe non appena l’uomo si accinse a girarla.  Il tempo per prepararne un’altra mancava e così improvvisò: creò il primo Kaiserschmarren della storia, spezzettando tutta la frittata dolce e accompagnandola con un po’ di marmellata. Indovinate un po’? All’imperatore piacque molto!

Kaiserschmarren

Da un dolce tradizionale nasce un Kaiserschmarren speciale…

Secondo la leggenda, da quel momento questo dessert diventò una delle più amate specialità austriache e, di conseguenza, di tutto il Tirolo. Oggi, ho pensato di proporvi una ricetta un po’ diversa dal solito, ma altrettanto gustosa: un Kaiserschmarren preparato con un uovo, un po’ di farina di grano saraceno e farina di riso, una mela e anche una buona dose di latte di riso, uva sultanina, marmellata di ribes rosso, olio di riso, zucchero di canna e un pizzico di sale.

In pratica, avremo a che fare con un Kaiserschmarren più leggero e adatto persino agli intolleranti. Nonostante alcuni ingredienti siano diversi dalla ricetta originale, potrete contare comunque su un dessert delizioso, saziante e nutriente. Pertanto, non vi resta che provarlo!

Ingredienti

  • 1 uovo
  • 50 gr di farina di grano saraceno
  • 15 gr di farina di riso
  • 65 ml di latte di riso (oppure cocco o mandorla)
  • 50 gr di uva sultanina
  • 2 cucchiai di zucchero di canna
  • Un pizzico di sale
  • 20 gr di olio di riso (oppure olio di semi)
  • 1 mela
  • q.b. Marmellata di ribes rosso

Preparazione

Con l’aiuto di una frusta sbattete l’uovo con lo zucchero, il latte e l’olio. Setacciate la farina ed unitela al composto, poco alla volta, in modo da non formare grumi. In seguito, aggiungete anche un pizzico di sale e metà dell’uva sultanina. Questa pastella dovrà risultare liscia e non troppo liquida.

Pelate la mela, eliminate i semi e tagliatela a pezzettini.

Versate un filo di olio in una padella e fate saltare la mela per 5 minuti. Aggiungete la pastella, l’uva sultanina rimasta e cuocete a fiamma bassa con il coperchio 4-5 minuti, poi girate e fate cuocere ancora per qualche minuto.

Spezzettate grossolanamente la “frittatina dolce” e servitela con la marmellata di ribes rosso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *