Lo chef Cedroni Ambasciatore dello Stoccafisso

Ambasciatore dello Stoccafisso
Commenti: 0 - Stampa

Un premio conferito dal Norwegian Seafood Council

Lo chef Cedroni Ambasciatore dello Stoccafisso. Il 27 febbraio ho avuto l’onore di presenziare alla premiazione di Moreno Cedroni, che è stato insignito del titolo di Ambasciatore dello Stoccafisso per il 2018. Il premio, molto prestigioso, è stato conferito dal Norwegian Seafood Council, un ente fondato nell’ormai lontano 1991 dal Ministero della Pesca e avente il compito di vigilare sulla commercializzazione dei prodotti ittici norvegesi nel mondo, con un occhio all’esplorazione di nuovi mercati.

Questo significa dare spazio anche a talenti straordinari come quello di Cedroni, che ha ricevuto il testimone da Anthony Genovese.

Dalle Marche alla fama internazionale

La carriera di Moreno Cedroni è partita dalla sua terra. Le Marche sono una regione meravigliosa, dove la bellezza del territorio incontra la cultura anche gastronomica. Cedroni, fin da giovanissimo, ha recepito e valorizzato questo patrimonio. Appena ventenne, infatti, ha aperto il ristorante La Madonnina del Pescatore a Senigallia. Il successo, però, si è consolidato con l’apertura del celebre Clandestino Susci Bar a Portonovo. Al 2003, invece, risale l’apertura della prima salumeria di pesce al mondo.

Ambasciatore dello Stoccafisso

Moreno Cedroni : Ambasciatore dello Stoccafisso

Non c’è che dire: il genio creativo di Cedroni è davvero un orgoglio per l’Italia! Il premio, secondo le dichiarazioni ufficiali dei rappresentanti del Norwegian Seafood Council, gli è stato conferito come riconoscimento alla sua straordinaria capacità di maneggiare le materie prime. Nel corso dell’evento di premiazione, Moreno Cedroni ha dato l’ennesima prova del suo talento presentando una ricetta, avente ovviamente come base il pesce norvegese. Lo chef marchigiano si è “esibito” nella preparazione di uno Stoccafisso di Norvegia quasi all’anconetana, caratterizzato dalla presenza di patate, olive nere, salsa di cocco e lime e polvere di lampone. La difficoltà della ricetta è media.

La soddisfazione, però, è grandissima! Al centro di questo delizioso secondo c’è un pesce famosissimo e apprezzato da secoli. La Norvegia, nello specifico, è l’unico produttore al mondo di stoccafisso. Le isole Lofoten, che si trovano all’interno del Circolo Polare Artico, nei primi mesi dell’anno diventano il punto di arrivo dei merluzzi che migrano dopo aver abbandonato le gelide acque del Mare di Barents!

Adesso bando alle chiacchiere: è arrivato il momento di apprezzare la ricetta gentilmente donata dallo chef Cedroni e, perché no, di provare a prepararla!

Ingredienti

  • 480 g di Stoccafisso di Norvegia già ammollato
  • 100 g pelli di Stoccafisso di Norvegia già ammollato
  • 450 g patate
  • 300 g pomodori ramati
  • 200 g olio di semi di girasole
  • 100 g brodo di pesce
  • 50 g cipolla bianca
  • 6 g aglio a fette
  • 8 olive nere

Per la salsa cocco lime

  • 200 g brodo di pesce
  • 100 g latte di cocco
  • 22 g lime (a rondelle)
  • 12 g lemongrass
  • 10 g succo di lime
  • 8 g  zenzero (a rondelle)
  • 5 g  colatura di alici di Cetara

Per il trito aromatico

  • 30 g capperi dissalati (trito)
  • 30 g acciughe salate
  • 5 g prezzemolo
  • 1 g aglio

Altri ingredienti

  • 1 g Polvere di lampone
  • olio extravergine d’oliva

Preparazione

In una padella dorare l’aglio tagliato a fette nell’olio di semi di girasole, a fuoco basso.

Appena l’aglio viene a galla, passare delicatamente le pelli e i filetti di Stoccafisso di Norvegia nell’olio a 60°C, fino a quando i filetti al cuore saranno a 55°C.

Iniziare a roteare delicatamente la padella e aggiungere i pomodori ramati tagliati a fette con uno spessore di 2cm, le olive nere tagliate a metà e il brodo di pesce. Il brodo aiuterà la formazione dell’emulsione, aggiungere il trito aromatico tritato al coltello che darà la giusta sapidità alla ricetta.

A parte, cuocere per 4 minuti le patate a fette in acqua bollente salata e raffreddarle. Nella stessa acqua, sbollentare la cipolla bianca tagliata sottile per 2 minuti e raffreddare.

Quando le fette di pomodoro iniziano ad ammorbidirsi (senza perdere la pelle), aggiungere le patate e farle cuocere per 3 minuti a fuoco basso.

Versare il tutto in un contenitore, aggiungere la cipolla e raffreddare.

Frullare l’olio con collagene con i rimanenti 160 g di Stoccafisso di Norvegia.

Ingredienti salsa cocco e lime

Fare un bollore al brodo di pesce con la radice di zenzero e il lime a rondelle, il lemongrass, filtrare e aggiungere la colatura di alici, il latte di cocco e il succo di limone.

Impiattamento

Posizionare al centro del piatto a strati: le patate, il frullato, il filetto di stoccafisso di Norvegia, il pomodoro, l’oliva, la cipolla, intorno la salsa di cocco lime e finire con una spolverata di polvere di lamponi e un giro d’olio.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Giornata mondiale contro il cancro

Cancro, la giornata mondiale contro questa malattia!

L’importanza della giornata mondiale contro il cancro Il 4 febbraio, come ogni anno, ricorre la giornata mondiale contro il cancro. Il tema è molto delicato, apparentemente lontano dai temi che...

Unica

Unica – La Scienza per tutti: un trionfo...

Una giornata UNICA, che merita il bis! Siamo di ritorno da una meravigliosa esperienza della quale desideriamo parlarvi in dettaglio, ancora carichi di entusiasmo per il sostegno ricevuto: Unica –...

NonnaPaperinaalTG

TG1: Nonna Paperina in diretta web, ricordi ed...

Nel 2015 ed anche oggi: sempre in prima fila contro le intolleranze alimentari TG1: Nonna Paperina in diretta web, ricordi ed emozioni. Ogni anno che si conclude è un anno in più in cui attestiamo...

Food blogger

Food blogger: l’importanza di uno scatto

Sempre connessi in un mondo di immagini e sapori Non è sempre facile la vita da food blogger, ci si rende presto conto di quanto siano importanti le parole, le immagini, i contenuti. Ogni elemento...

nutri la tua voglia di riso

Nutri la tua voglia di riso: una campagna...

Un evento…con il riso Cari lettori, questo non sarà un post come gli altri. Non scriverò ricette, non vi proporrò piatti particolari con cui deliziare familiari e amici. Piuttosto, voglio...

Con Exquisa e Tania Cagnotto agli internazionali di tuffi

Con Exquisa e Tania Cagnotto agli internazionali di...

Un tuffo in cucina con Tania Cagnotto Dal 14 al 16 giugno a Bolzano si è tenuto un evento capace di unire la bellezza dello sport e la bontà della buona cucina. Stiamo parlando della...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


03-03-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti