Semifreddo al melone: una ventata d’estate

Semifreddo al melone
Commenti: 0 - Stampa

Un dessert fresco, estivo e speciale: il semifreddo al melone

Avete voglia di preparare un dessert diverso dal solito, che abbia il sapore dell’estate e la freschezza tipica della frutta? In questo caso, potete provare il semifreddo al melone, un dolce perfetto per ogni occasione e apprezzato sia dagli adulti che dai bambini.

Ovviamente, per prepararlo dovrete assicurarvi che sia il periodo ideale per trovare l’ingrediente principale, ovvero il melone. Per il resto, non avrete limiti e alla fine potrete anche liberare la vostra creatività decorando il vostro dessert. Tuttavia, oltre al sapore, ci sono tante altre ragioni per la quale dovreste provare questa gustosa ricetta.

A questo proposito, ecco tutto quello che dovreste sapere: dalle caratteristiche degli ingredienti fino ad arrivare alle specifiche modalità di preparazione.

Il melone, un frutto pieno di dolcezza e potenzialità

Tutti lo conosciamo come “melone”, ma il suo vero nome è Cucumis Melo ed è il frutto di un fusto rampicante appartenente alla famiglia delle Cucurbitacee. Anche se non ci sono ancora certezze riguardo il Paese di origine di questa pianta, attualmente viene coltivata nelle zone dal clima mite e i suoi frutti sono apprezzati in tutto il mondo.

Oltre ad avere la capacità di dissetare e saziare grazie all’elevato contenuto di acqua, questo frutto è ottimo per fornire al corpo una corretta idratazione, una migliore digestione e anche gli effetti delle sue proprietà rinfrescanti, depurative, diuretiche e lassative. Alcune ricerche affermano inoltre che il consumo di melone può comportare una riduzione dei livelli di colesterolo.

Il melone presenta anche elevati livelli di ferro e questo lo rende un frutto perfetto per coloro che soffrono di anemia, ma anche per le donne che stanno affrontando una gravidanza.  Questo frutto contiene anche una buona quantità di vitamine A e C, rivelandosi così utile per proteggere il corpo dall’invecchiamento delle cellule. Il melone offre anche un ottimo apporto di vitamina B che è capace di rinforzare i denti e le ossa, migliorare l’umore e le capacità visive.

D’altra parte, i livelli di minerali come fosforo, calcio, potassio e magnesio, trasformano il melone in un vero e proprio integratore naturale ricco di un’ampia varietà di sostanze nutritive. Perciò, queste sono solo alcune delle proprietà e dei benefici di questo frutto, ma certamente sono abbastanza per convincervi a provare questo gustoso dessert.

Lo sciroppo di yacon e la ricotta: ecco le loro principali qualità

Per preparare la ricetta del semifreddo al melone, dovrete usare lo sciroppo di yacon e la ricotta. Entrambi questi due alimenti hanno delle caratteristiche da non sottovalutare.

Lo sciroppo di yacon è infatti un potente dolcificante privo di calorie, in grado di dolcificare bevande e dolci proprio come fa lo zucchero, ma la differenza è che ne servirà una dose molto più limitata. Inoltre, si rivela un dolcificante ovviamente molto più salutare dello zucchero raffinato.

Per quanto riguarda la ricotta, invece, è utile sapere che essendo un latticino, offre una buona quantità di proteine del latte, ma anche di vitamine e di minerali essenziali per il nostro organismo. Naturalmente, contiene anche una buona dose di grassi, ma tuttavia non è necessario preoccuparsi più di tanto, in quanto si tratta comunque di uno dei formaggi molli più magri.

Ad ogni modo, per restare ancor più leggeri, è possibile avvalersi della ricotta Accadi, perfetta anche per coloro che soffrono di intolleranza al lattosio. Ma come possiamo unire questi due alimenti con il melone e preparare un fresco semifreddo? Ecco tutto quello di cui avrete bisogno e le modalità di preparazione.

Ecco la ricetta del Semifreddo al melone

Ingredienti per 3/4 persone

  • 1nmelone da 1 kg circa
  • 3 uova
  • 2 cucchiai di sciroppo di Yacon
  • 300 gr di ricotta Accadi
  • una vaschetta di lamponi e mirtilli

Preparazione

Anche se l’aspetto del semifreddo al melone è molto particolare e sofisticato, prepararlo non sarà difficile. Il primo passaggio è ricavare la polpa del melone, eliminando completamente la buccia e i semi. La polpa andrà riposta in un contenitore e lasciata in freezer per almeno un’ora. In seguito, potrete lavorare i tuorli con lo sciroppo utilizzando un cucchiaio di legno, per poi incorporare la ricotta e continuare a lavorare il composto.

Poi, avrete bisogno di montare a neve ben ferma gli albumi e unirli all’altro mix. Quando la crema ottenuta sarà soffice e omogenea, potrete aggiungerci la polpa del melone frullata accuratamente. Il vostro semifreddo sarà pronto con poca fatica: lo potrete suddividere in 4 coppette, decorare con lamponi e mirtilli, servire e gustare. Freschezza e bontà si uniranno per soddisfare un piccolo ma salutare “peccato di gola”.

5/5 (453 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Rotolo alla crema di nocciole

Rotolo alla crema di nocciole, un dolce perfetto

Rotolo alla crema di nocciole per regalarsi un momento di pura dolcezza Il rotolo alla crema di nocciole è un dolce semplice da preparare e squisito. Si base su un impasto tutto sommato classico ma...

Hummus di cioccolato

Hummus al cioccolato, non la solita crema

Hummus al cioccolato per una merenda davvero gustosa L’hummus al cioccolato è una soluzione molto suggestiva per le colazioni, le merende ma anche per arricchire ricette dolciarie. Può essere...

Gelato allo Skyr e camomilla

Gelato allo Skyr e camomilla, una merenda estiva

Gelato allo Skyr e camomilla, un’idea particolare Il gelato allo Skyr e camomilla è un deliziosa merenda estiva, una ricetta che reinterpreta il concetto stesso di gelato e, allo stesso tempo, ne...

Cremini fritti

Cremini fritti, dei dolcetti squisiti e facili da...

Cremini fritti, un’idea deliziosa I cremini fritti o crema fritti sono dei dolci dalle caratteristiche particolari, infatti sono il risultato della frittura di una crema. Questa viene realizzata...

Mini pie alle more e mirtilli

Mini pie alle more e mirtilli, uno spuntino...

Mini pie alle more e mirtilli, una piccola squisitezza Le mini pie alle more e mirtilli, come suggerisce il nome, sono torte di piccole dimensioni e dal sapore fruttato. Il procedimento è molto...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, davvero...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, un dessert molto semplice e gustoso I ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco sono una gradevole alternativa al classico gelato e ovviamente ai ghiaccioli...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


29-06-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti