Granita di melone e olivello spinoso per rinfrescarsi

Granita di melone e olivello spinoso
Commenti: 0 - Stampa

Rinfrescante e golosa: granita di melone e olivello spinoso

La Granita di melone e olivello spinoso ha proprio tutto quello che occorre per farci tornare in forma: mettiamo al bando le granite preconfezionate ricche di coloranti e conservanti e dedichiamoci piuttosto alla preparazione di qualcosa di genuino, naturale, che può arrecare grande beneficio alla nostra salute e a quella dei nostri figli.

La preparazione di questa granita, poi, è del tutto semplice: non occorrono tanti ingredienti e non è richiesto neppure che vi si dedichi troppo tempo. Eppure il risultato è meraviglioso, non solo all’aspetto ma anche al sapore. Non resta che provare e verificare il giudizio espresso dai nostri ospiti.

Il melone è uno dei frutti tipici dell’estate, almeno in Italia. Questo frutto si caratterizza per la presenza di numerosissime varietà, di cui parlerò nel prossimo paragrafo. In questo vorrei soffermarmi sulle ottime proprietà nutrizionali del frutto. Infatti il melone abbonda di vitamina C e di vitamina K, ma anche di potassio (in buone quantità), calcio e fosforo. Il melone apporta solo 33 kcal per 100 grammi, nonostante possa essere estremamente zuccherino.

La pianta è in realtà un rampicante che necessita di un terreno umido e di un clima caldo. Le foglie sono chiare, dalla forma irregolare e molto grandi. La stagionalità del melone può cambiare da varietà a varietà, ma in genere la maturazione inizia a maggio e finisce a settembre. E’diffuso in Europa da più di due millenni, originario dell’Asia centrale e importato successivamente prima dagli egiziani e poi dai greci.

L’insospettabile aiuto che fornisce energia al nostro organismo

A parte il melone, protagonista indiscusso di questa golosa preparazione, per la realizzazione di questa granita è utilizzato un ingrediente davvero insolito, ma, di recente, molto apprezzato: si tratta del succo dell’olivello spinoso. Questa pianta, originaria dei paesi aridi e sabbiosi, come ad esempio i deserti dell’Asia Centrale, desta l’ammirazione dell’uomo, oltre che per la sua tenacia, altresì per le proprietà curative del suo frutto.

L’olivello spinoso è una di quelle specie vegetali particolarmente abbondanti nel nostro territorio, ma alla quale non si presta molta attenzione. Infatti, non è certamente tra gli ingredienti più utilizzati per una confettura, per quanto sia in grado di regalare più di qualche soddisfazione in cucina. Dall’esterno, l’olivello spinoso sembra un agrume particolarmente piccolo e dalla buccia liscia e regolare. Tuttavia si tratta di un’impressione, causata dal colore del frutto (un arancione particolarmente brillante). Dal punto di vista botanico, infatti, l’olivello spinoso è semplicemente una bacca. Il sapore è leggermente amarognolo, ma in alcuni casi molto gradevole e comunque mai acre.

L’olivello spinoso, in genere, non è oggetto di coltura, infatti cresce rigoglioso e selvatico in gran parte della macchia mediterranea (dalla Spagna alla Grecia), soprattutto nelle zone collinari. Tra le sue caratteristiche principali spicca la versatilità, una proprietà rara per una bacca che può essere impiegato anche per preparare delle particolarissime confetture. L’elemento più bizzarro di questa confettura è la consistenza, che è più solida della media. Ciononostante, la confettura di olivello spinoso può essere impiegata come qualsiasi altra confettura, ossia può essere spalmata sul pane, magari insieme al burro, e può essere integrata all’interno di creme, piuttosto che costituire la farcitura di una crostata.

Dal punto di vista nutrizionale l’olivello spinoso non lascia affatto a desiderare, infatti contiene molte vitamine, tra cui la B1 la B2, la B6 e la vitamina C. Stesso discorso per i sali minerali, con esplicito riferimento al potassio, al fosforo e al magnesio. All’olivello spinoso, poi, sono attribuite alcune importanti proprietà, infatti contribuisce a prevenire le malattie cardiovascolari e le infezioni, inoltre migliora le difese immunitarie e agisce in funzione equilibrante nei confronti della pressione sanguigna.

Granita di melone e olivello spinoso rid web

La granita di melone e olivello spinoso è un vero toccasana e non solo per il nostro corpo, ma anche per il nostro spirito: il succo dell’olivello spinoso, infatti, è ricco di Omega 3 e di Omega 6 e questo rende questo “dessert” utile per eliminare l’affaticamento mentale e favorire al tempo stesso la concentrazione.

Questa granita, oltre che aiutare a regolarizzare il tono dell’umore, è altresì stimolante e tonica per il fisico: il melone, infatti, è considerato uno dei frutti energetici per eccellenza, forse non del tutto indicato nelle diete ipocaloriche, ma ricco di nutrienti e vitamine decisamente utili in qualsiasi eventuale periodo di stanchezza e spossatezza.

Via le tossine dal nostro organismo con la granita di melone e olivello spinoso

Cosa dire del melone, uno dei frutti più amati dai bambini, che lo preferiscono tra tanti quale miglior “gusto di gelato”. L’alta percentuale di vitamina A e C e di sali minerali in esso contenuta ne fa un eccellente aiuto per il nostro corpo soprattutto per l’eliminazione delle tossine. Il melone fa bene alla pelle e ai nostri capelli, perché garantisce loro idratazione e la lucentezza.

La granita di melone e olivello spinoso può essere preparata in ogni stagione visto che, grazie all’ottimizzazione della coltivazione dei meloni, essi sono presenti nei nostri banchi alimentari un po’ tutto l’anno. C’è chi, dopo averlo pulito e ripulito dai semi, lo congela a pezzetti per averlo sempre pronto. Ottima idea … il risultato è quello di poter preparare questa gustosa granita tutto l’anno!

Ed ecco la ricetta della Granita di melone e olivello spinoso

Ingredienti per 4 persone

  • 1 melone Cantalupo
  • 2 lime
  • 1 limone
  • 3 cucchiai di succo di olivello spinoso
  • 1/2 cucchiaino pepe Sichuan
  • q.b. yacon sciroppo

Preparazione

Mondate il melone da buccia e semi. Tagliatelo a pezzi e inseritelo nella centrifuga. Azionate e raccogliete il succo in un contenitore.

Versate tutti gli ingredienti nel contenitore con chiusura ermetica e mescolate con cura prima di mettere in congelatore. Di tanto in tanto rompere i cristalli di ghiaccio con una frusta, fino a quando la granita sarà completamente solida.

Servire in bicchieri o coppette. Decorate con fettine di melone tagliate alla mandolina, foglioline di menta fresca e buccia grattugiata di lime.

5/5 (444 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Rotolo alla crema di nocciole

Rotolo alla crema di nocciole, un dolce perfetto

Rotolo alla crema di nocciole per regalarsi un momento di pura dolcezza Il rotolo alla crema di nocciole è un dolce semplice da preparare e squisito. Si base su un impasto tutto sommato classico ma...

Hummus di cioccolato

Hummus al cioccolato, non la solita crema

Hummus al cioccolato per una merenda davvero gustosa L’hummus al cioccolato è una soluzione molto suggestiva per le colazioni, le merende ma anche per arricchire ricette dolciarie. Può essere...

Gelato allo Skyr e camomilla

Gelato allo Skyr e camomilla, una merenda estiva

Gelato allo Skyr e camomilla, un’idea particolare Il gelato allo Skyr e camomilla è un deliziosa merenda estiva, una ricetta che reinterpreta il concetto stesso di gelato e, allo stesso tempo, ne...

Cremini fritti

Cremini fritti, dei dolcetti squisiti e facili da...

Cremini fritti, un’idea deliziosa I cremini fritti o crema fritti sono dei dolci dalle caratteristiche particolari, infatti sono il risultato della frittura di una crema. Questa viene realizzata...

Mini pie alle more e mirtilli

Mini pie alle more e mirtilli, uno spuntino...

Mini pie alle more e mirtilli, una piccola squisitezza Le mini pie alle more e mirtilli, come suggerisce il nome, sono torte di piccole dimensioni e dal sapore fruttato. Il procedimento è molto...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, davvero...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, un dessert molto semplice e gustoso I ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco sono una gradevole alternativa al classico gelato e ovviamente ai ghiaccioli...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


04-06-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti