Radice di Maca : le eccellenti proprietà

radice di maca
Stampa

Radice di Maca : le sue eccellenti proprietà. La Maca è una pianta che sta diventando sempre più diffusa e apprezzata in tutto il mondo.

Infatti, ultimamente se ne sente parlare molto frequentemente, soprattutto per quanto riguarda il trattamento della disfunzione erettile.

Cresce in Perù, in particolare sugli altipiani delle Ande, e ha una storia lunga circa 3000 anni: fin dall’antichità, la sua radice viene sfruttata per il suo potere terapeutico e, tutt’oggi, sempre più persone si stanno avvicinando a questo rimedio naturale.

Si usa in cucina e può essere portato nella nostra quotidianità sotto forma di integratore. In entrambi i casi, è possibile usufruire di molte sostanze nutritive essenziali per la nostra salute, tra cui acidi grassi e aminoacidi, e godere di interessanti effetti positivi per la salute.

La radice di Maca e i benefici per la salute

Grazie a numerose e recenti ricerche, sappiamo che questo vegetale si presenta come un’ottima soluzione naturale per l’anemia, la stanchezza cronica, gli squilibri ormonali, i problemi mestruali e quelli relativi alla menopausa, la disfunzione erettile e l’infertilità maschile, il calo della libido, la leucemia.

Pertanto, questa radice ha sicuramente delle proprietà da non sottovalutare.

La radice di Maca si rivela perfetta persino per coloro che desiderano rafforzare il sistema immunitario e migliorare i propri livelli di energia e resistenza, le prestazioni atletiche e la memoria.

A questo proposito, la ricerca suggerisce che l’assunzione di questo vegetale sotto forma di integratore può aiutare a riscontrare dei miglioramenti eccellenti e può rivelarsi ovviamente un trattamento molto più sicuro rispetto a quelli tradizionali.

Tuttavia, per riuscire ad ottenere dei risultati davvero notevoli è necessario usufruire delle potenzialità di questa radice ogni giorno per 6-12 settimane.

Dopo un mese e mezzo, sarà possibile notare dei cospicui cambiamenti positivi che, con il tempo, continueranno ad aumentare.

Gli studiosi stanno ancora studiando questa radice e, pertanto, per ora sono a conoscenza solamente degli effetti positivi, ma ancora non sanno esattamente come agisce questo vegetale una volta nel corpo.

L’utilizzo degli integratori a base di Maca

La maggior parte delle volte, questo rimedio naturale viene proposto in forma essiccata e in polvere.

Secondo numerosi studi, si tratta di un’integrazione sicura per la maggior parte delle persone, soprattutto se la polvere viene assunta insieme a qualche alimento e senza superare i 3 grammi al giorno.

Il suggerimento è quello di continuare con il trattamento per un massimo di 4 mesi, per poi sospendere il ciclo per qualche tempo, riprendendo in seguito se necessario.

Ad ogni modo, possiamo utilizzare la Maca con molta tranquillità, in quanto sembra essere ben tollerata dalla maggior parte delle persone.

Tuttavia, è utile considerare che molti esperti affermano che questi integratori non si dovrebbero assumere in gravidanza o durante allattamento (non ci sono ancora abbastanza prove per etichettarla come una scelta sicura in tali periodi).

Richiedere una consulenza personalizzata per poi seguire le indicazioni dei produttori e i dosaggi raccomandati è sempre la soluzione più giusta.

Nel corso degli ultimi anni gli scienziati si sono fortemente interessati alle proprietà della maca iniziando a studiarne i fitonutrienti dato che veniva utilizzata dall’impero inca come un rimedio in grado di risolvere qualsiasi problema.

Storicamente parlando è alla maca che viene attribuito gran parte del successo dell’impero inca, poiché fu responsabile nel dare ai combattenti energia e resistenza per affrontare le battaglie.

La Maca veniva utilizzata in Perù da queste popolazioni già 3000 anni fa e dall’altopiano delle Ande peruviane era  in grado di crescere anche in condizioni climatiche difficili.

Nell’alimentazione quotidiana era principalmente consumata sotto forma di porrige o di bevanda fermentata.

Polvere di maca

La Maca e le sue straordinarie proprietà nutrizionali

Le proprietà della maca sono attribuite all’importante valore nutrizionale della radice, poiché possiede un profilo nutrizionale unico composto dal 60% di carboidrati, 10,2% di proteine, 8,5% di fibra alimentare e solo il 2,2% di grassi, ed è in grado di fornire all’organismo i nutrienti di cui ha bisogno tra cui vitamine, minerali e tutti gli amminoacidi essenziali.

Infatti, tutti i benefici per la salute sono dovuti alla presenza di vitamine del gruppo B tra cui la B1, la B2 e la vitamina C e importanti minerali tra cui ferro, rame, magnesio, calcio e fosforo. Un’alimentazione povera di vitamine e minerali può modificare le funzioni corporee, quindi inserire la maca all’interno della nostra dieta ci consentirà di conservare la forma, la resistenza e la vitalità.

Qualità e benefici della radice di maca sono supportati da validi studi scientifici oltre che dal suo frequente utilizzo nella medicina peruviana, dimostrando che:

  • Migliora le prestazioni fisiche ed intellettuali come memoria e apprendimento.
  • Ristabilisce la forma fisica grazie alle sue proprietà tonificanti.
  • Stimola il desiderio sessuale e migliora la fertilità sia di uomini che donne.
  • Agisce sulla stanchezza funzionando da antistress.
  • Aiuta a controllare i livelli di glucosio nel sangue.
  • Previene l’osteoporosi.
  • Allevia i sintomi della menopausa.

Non ci sono effetti collaterali gravi sulla maca, ma soltanto alcune precauzioni che riguardano principalmente le persone allergiche, nelle donne in stato di gravidanza o allattamento, in persone che soffrono di ipertensione e in soggetti che hanno problemi di tipo tiroideo in quanto i glucosinolati della maca (zuccheri che contengono zolfo) rallentano la funzionalità tiroidea rendendo lo iodio incapace di essere incorporato, rischiando così di causare il gozzo.

La maca si può trovare in commercio sia in capsule come integratore che in polvere come alimento vero e proprio.

La dose raccomandata consigliata va da 1,5 g a 3 g al giorno. Sarebbe preferibile prenderla prima di un pasto, ad esempio a colazione aggiungendola allo yogurt , al latte vegetale o ad un frullato di frutta e verdura, ma non sarebbe male anche come ingrediente per dolci.

 

 

CONDIVIDI SU
24-10-2016
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti