bg header
logo_print

Orzo bio alle verdure con insalata di carote al sesamo

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Orzo bio alle verdure con insalata di carote
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 10 min
cottura
Cottura: 15 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (424 Recensioni)

L’ orzo bio alle verdure  davvero concilia gusto e benessere in maniera a dir poco perfetta. Tanto per cominciare non è fuori luogo affermare che l’orzo cela principi attivi e virtù medicamentose. Cereale più antico e più utilizzato al mondo, con il suo alto contenuto di fibre, è ideale per favorire la regolarità intestinale.

A render ancor più fresco e digeribile l’orzo, che già di per sé, proprio per queste sue virtù, è consigliato per l’alimentazione di anziani e bambini, è la combinazione con verdure e ortaggi quali cavolfiori, porri, carote e funghi, quelli appunto presenti in questa preparazione pratica e veloce da gustare.

Ricetta Orzo bio alle verdure

Preparazione Orzo bio alle verdure

Scaldare, come da istruzioni sulle confezioni, lìOrzo Bio alle verdure Granarolo. Ponete il contenuto della confezione in piccole terrine dentro le quali servirete l’insalata di orzo.

Pulite le carote.Con un pelapatate tagliatele ricavandone dei nastri, lunghi quanto la carota stessa.Tuffate i nastri di carota in una terrina con acqua fredda e ghiaccio.Scolate e asciugate con un panno da cucina.

In una padella saltate, per un paio di minuti, i semi di sesamo, in modo che il sapore diventi più intenso.Condite le carote con l’olio, il succo del lime spremuto, il sale e il sesamo. Distribuite con cura l’insalata di carote vicina a quella di Orzo Bio.

Potete servire delle monoporzioni o un piatto da portata da cui i vostri ospiti potranno servirsi.

Ingredienti Orzo bio alle verdure

  • 4 conf. di Orzo Bio alle verdure Granarolo
  • 300 gr di carote fresche
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale
  • 1 cucchiaio di semi di sesamo
  • 1 lime

L’orzo bio alle verdure con insalata di carote al sesamo rappresenta un piatto ideale per quando fa caldo e non abbiamo moltissimo tempo per cucinare ci buttiamo su molta frutta e verdura

Mettersi ai fornelli e darsi alla preparazione di piatti elaborati e complessi, non è il massimo che ci si possa attendere e se può rappresentare operazione gradevole quando la temperatura scende, non lo è altrettanto quando fa molto caldo. Ecco che questo piatto cade proprio a pennello e non solo per gli amanti dei prodotti biologici.

L’orzo è un cereale molto antico, forse il primo ad essere coltivato dall’uomo, appartenente alla famiglia delle Poaceae, originario dell’Asia. Oggi il suo impiego è finalizzato a molteplici utilizzi, dalla produzione di malto a quella della birra, dal whisky alla bevanda sostitutiva del caffè e infine alla farina.

Può raggiungere l’altezza di un metro e rispetto ad altri cereali matura molto velocemente ed è in grado di adattarsi a qualsiasi tipo di clima tanto che può essere coltivato anche in zone montuose.

In commercio si trovano prevalentemente tre tipi di orzo:

  • mondato o orzo decorticato che va posto in ammollo per una notte e poi va cotto per circa 40/45 minuti;
  • integrale che va invece messo in ammollo per un giorno intero e cotto utilizzando l’acqua dell’ammollo per un’ora e mezza
  • perlato che non necessita di ammollo e va cotto per una mezz’ora abbondante circa.

In Italia e in Europa si coltiva esclusivamente quello perlato che si distingue esteticamente dagli altri perché privo della pellicola che ricopre il chicco, esso inoltre durante la lavorazione perde molte delle proprietà che lo caratterizzano.  Si stima che la produzione annua dell’orzo nella sola Italia si aggiri intorno a 1.4 di milioni di tonnellate.

Orzo bio alle verdure: un mix di sapori e nutrienti tutto salute

Difficile dire cosa sia in assoluto più salutare in questa ricetta. Orzo bio, verdure, carote e sesamo: tutti questi ingredienti, scelti ad arte dalla casa produttrice, proprio in funzione del loro potere nutrizionale, sono portatori di proprietà dall’insospettabile valore per il nostro organismo.

Le carote rappresentano da sempre una delle verdure “simbolo” di benessere. Cibo d’eccellenza per l’infanzia, raffigurato persino nei cartoon, protagonista di fiabe e giornali per bimbi, la carota è eletta in campo nutrizionale a ortaggio numero uno utile a prevenire le malattie cronico degenerative.

Le carote arancioni sono ortaggi preziosi. A prescindere dal gusto, che può piacere o non piacere (ma in genere piace) presentano caratteristiche nutrizionali notevoli. Il riferimento è in particolare all’apporto di vitamine, che è straordinario. Le carote contengono grandi quantità di vitamina C (che rafforza il sistema immunitario), B, E e soprattutto vitamina A. Proprio la presenza abbondantissima della vitamina A ha alimentato la diceria, vera in parte, secondo cui le carote fanno bene alla vista. Questo ortaggio è anche ricchissimo di sali minerali, e in particolare di potassio, fosforo, calcio, magnesio, selenio, ferro, zinco e rame.

Un’altra caratteristica fondamentale delle carote è la presenza del beta-carotene, una sostanza davvero interessante. Il beta-carotene è un precursore della vitamina A a carattere antiossidante, capace di stimolare la crescita cellulare. Insieme alla luteina e alla zeaxantina esercita una funzione di equilibrio dei meccanismi intestinali, produce un’azione depurativa, contribuisce ad abbassare i livelli di colesterolo cattivo, protegge la vista e si rivela utile per prevenire le malattie acute dell’apparato digerente (ad esempio le coliti).

L’ orzo bio contiene una quantità inattesa di antiossidanti, di cui non è solo la carota a farsi portatrice: anche i porri ed il sesamo, sapientemente distribuiti a tocchetti qua e là in questa preparazione, conferiscono queste virtù, oltre a rendere quanto mai policroma e gradevole anche alla vista questo straordinario piatto dagli ingredienti tutti provenienti dall’agricoltura biologica.

Ricette insalate ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (424 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Zuppa di legumi con funghi e castagne

Zuppa di legumi con funghi e castagne, una...

Come scegliere i legumi La ricetta della zuppa di legumi con funghi e castagne è pensata per garantire ampia flessibilità nella scelta degli ingredienti. Di base potete utilizzare i legumi che...

Ravioli con sugo di pesce

Ravioli con sugo di pesce, un primo piatto...

Come preparare il sugo di pesce Il pezzo forte di questo primo piatto di pasta a base di ravioli è il sugo di pesce. Potremmo considerarlo come una sorta di ragù “ittico”, specie se si guarda...

Riso Jasmine con tofu

Riso Jasmine con tofu, un bel primo orientale...

Cosa sapere sui germogli di fagioli mungo Prima di parlare della ricetta del riso Jasmine facciamo un bella panoramica degli ingredienti in gioco, o almeno di quelli che meritano una menzione...