Malassorbimento del fruttosio, sintomi e cura

malassorbimento del fruttosio
Commenti: 0 - Stampa

Per alcune persone il consumo di fruttosio (in quantità differenti) può essere causa di diversi problemi, mal di stomaco, diarrea o altri sintomi digestivi, queste persone soffrono di malassorbimento del fruttosio, da non confondere con l’intolleranza ereditaria al fruttosio, molto più rara e seria che si riscontra già nel neonato al momento dello svezzamento.

Il fruttosio è conosciuto come lo “zucchero della frutta” perché in natura, si trova principalmente nella frutta. Si tratta di un carboidrato semplice che durante il processo digestivo è assorbito da speciali cellule nell’intestino tenue.

Nelle persone con malassorbimento di fruttosio, queste cellule, che normalmente sono in grado di assorbire circa 50 grammi di fruttosio alla volta, non funzionano correttamente con il risultato che la quantità di fruttosio che possono assorbire è molto più bassa. Il limite dipende da persona a persona, potrebbero bastarne 5 grammi per stare male, oppure l’organismo potrebbe tollerare fino a 25 grammi senza che appaiano i sintomi del disturbo.

Il fruttosio non assorbito si concentra nell’intestino e diventa “cibo” per la flora intestinale, questo crea gli spiacevoli disturbi digestivo-intestinale: diarrea, gas, dolori addominale, flatulenza, gonfiore.

Il malassorbimento del fruttosio è difficile da diagnosticare

Il malassorbimento del fruttosio è difficile da diagnosticare perché può essere confuso con molti altri disturbi legati all’alimentazione che provocano gli stessi sintomi. Tuttavia, l’allarme dovrebbe scattare se dopo 2, massimo 24 ore dal consumo di frutta o altri alimenti contenenti fruttosio si avvertono i sintomi sopra riportati, allora si può iniziare a sospettare di soffrire di malassorbimento di fruttosio.

La diagnosi spetta come sempre al medico che valuterà i sintomi e nel caso prescriverà degli esami. Esiste un esame specifico in grado di fornire una chiara diagnosi, si tratta di un esame respiratorio con il quale si analizza la capacità di assorbimento del fruttosio.

Una cura a questo disturbo purtroppo non esiste, quello che si può fare è intervenire sui sintomi attraverso, chiaramente, l’eliminazione completa o quasi del fruttosio dalla dieta. Gli studi hanno dimostrato che una dieta senza fruttosio, o con dosi limitate, fornisce un notevole sollievo.

In generale, il modo migliore per convivere con il disturbo è capire la quantità di fruttosio che l’organismo riesce a gestire e di conseguenza cosa e in quale quantità poter mangiare determinati cibi per tenere sotto controllo i sintomi.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Torta Raffaello

Le migliori ricette senza glutine, ottimi piatti glutenfree

Un approfondimento sulla cucina gluten-free Le ricette senza glutine sono un mondo tutto da scoprire, adatte a chi ha ricevuto una diagnosi di celiachia da poco, e deve modificare in modo permanente...

Intolleranza al riso

Intolleranza al riso, un disturbo raro ma invalidante

Le cause dell’intolleranza al riso L’intolleranza al riso esiste, sebbene non sia tra le più diffuse. D’altronde, quando si parla di intolleranza alimentare, il pensiero corre a ben altre...

Intolleranza alle solanacee

Intolleranza alle solanacee, come combatterla al meglio

Cosa sono le solanacee? Per comprendere i rischi e i meccanismi che stanno dietro all’intolleranza alle solanacee è necessario capire cosa si intenda per solanacee. Il termine è, infatti,...

Rotolo di focaccia con salame

Gli insaccati e i salumi sono sempre gluten-free?

Alimenti gluten-free, una questione delicata Tra gli insaccati, i salami sono davvero privi di glutine? Il dubbio emerge sempre quando si scopre di essere celiaci. D’altronde la paura più grande...

utensili da cucina

Utensili da cucina: attenzione alla contaminazione

Organizzarsi con gli utensili da cucina per evitare la contaminazione dei cibi? Come evitare la contaminazione degli utensili da cucina? Come organizzarsi al meglio per evitare che il glutine possa...

News su Celiachia e intolleranza al glutine

News su Celiachia e intolleranza al glutine

Un'intolleranza sempre più diffusa tra adulti e bambini. News su Celiachia e intolleranza al glutine. La celiachia rappresenta un’intolleranza sempre più diffusa, motivo questo per essere al...


Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


17-07-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti