Sale alla curcuma : arricchisci i tuoi piatti

sale alla curcuma
Commenti: 0 - Stampa

L’unione di due spezie nel sale alla curcuma

Il sale alla curcuma è un mix di spezie molto utilizzate in cucina che permette di dare ai vostri piatti un tocco di gusto in più. Questo sale aromatizzato può essere usato in cucina per dare sapore a primi e secondi piatti, in modo da combinare le proprietà di queste spezie usate fin dai tempi antichi. Il sale alla curcuma, inoltre, può essere utilizzato sia su alimenti crudi che cotti.

Provate voi stessi a utilizzare questo mix di spezie nelle vostre ricette. Oltre all’effetto salato, infatti, aggiungerete il gusto un po’ piccante della curcuma, pianta dalle mille proprietà. Utilizzate questa spezia con il latte per creare il famoso Golden Milk o per insaporire verdure e carne. Scoprite i mille usi del sale alla curcuma e i suoi numerosi benefici!

Il sale : oro bianco

Il sale è un ingrediente indispensabile nella nostra alimentazione. La storia di questo minerale va di pari passo con la storia dell’umanità. Grazie al sale, infatti, è stato possibile conservare moltissimi alimenti e creare nuove ricette, con l’opportunità di poter trasportare gli alimenti senza il rischio che andassero a male. Ciò ha permesso anche di diffondere numerosi ingredienti in tutte le parti del mondo. Motivo di apertura di nuove rotte commerciali, il sale è stato per molto tempo un simbolo di potere e di benessere economico.

Il nostro organismo, per mantenersi in vita e in buona salute, ha bisogno giornalmente di una certa quantità di cloruro di sodio (circa 15-20 grammi in media). Tale è la quantità di sale che noi eliminiamo ogni giorno con le urine e col sudore e che dobbiamo perciò rimpiazzare con l’alimentazione.

La funzione principale del sale è quella di trattenere l’acqua nei tessuti: se si considera che siamo fatti di acqua per l’85%, risulta evidente l’importanza del cloruro di sodio per la nostra salute.

Il sale poi ha altri importantissimi compiti, fra cui quello di fornire il cloro per la formazione dell’acido cloridrico del succo gastrico.

La presenza di sale da cucina negli alimenti in giusta quantità stimola inoltre le funzioni digestive, la secrezione della bile e l’assorbimento delle proteine e dei grassi. Un’alimentazione mista fornisce generalmente una quantità superiore al fabbisogno giornaliero di cloruro di sodio; questo però può variare secondo le condizioni ambientali e l’attività dell’organismo.

La grande importanza del sale come alimento e condi mento ha fatto passare in second’ordine le altre numerosissime applicazioni di questa preziosa sostanza. In medicina esso entra a far parte di purganti, di antidoti contro veleni· industriali (nitrato di argento) e delle soluzioni fisiologiche, da iniettare endovena in caso di collasso.

Nell’industria alimentare il sale occupa un posto preminente nella conservazione di carni, pesci e insaccati. La salatura, infatti, impedisce la putrefazione degli alimenti ostacolando lo sviluppo dei batteri e assorbendo l’acqua delle fibre alimentari. Le sostanze da conservare, quindi, rimangono, per così dire,  prosciugate dal sale che le circonda. Gli alimenti conservati sotto sale (prosciutto, lardo, merluzzi, aringhe, acciughe, carni, verdure in salamoia, ecc.) sono molto saporiti e nutrienti, ma vanno usati con molta moderazione per l’effetto irritante che il sale a lungo andare può provocare sull’apparato digerente e renale.

Nonostante l’importanza di questo ingrediente per la conservazione e per il condimento di molti alimenti, bisogna far attenzione al suo consumo a causa del contenuto elevato di sodio. Maggior rischio di ictus o aumento della pressione arteriosa, infatti, possono essere alcuni dei pericoli legati a un uso smodato di questa spezia. Ciò non vuol dire che bisogna farne a meno ma semplicemente far attenzione al suo uso, ad esempio utilizzando altre spezie come la curcuma o scegliendo alimenti con contenuto ridotto di sale.

La curcuma : oro giallo

Denominata anche “zafferano d’India”, la curcuma è una spezia sempre più usata in Italia, grazie anche all’influenza sempre più marcata della cucina orientale. Utilizzata in India come tintura e poi come spezia, questo ingrediente viene utilizzato da secoli, spesso come sostituto del più costoso zafferano. Attualmente, viene usato per dare un tocco di sapore in più sia a piatti salati che dolci.

Può essere considerata un naturale antinfiammatorio specie per le articolazioni. Produce altresì degli effetti diuretici per il nostro organismo. La sua azione, infatti, consente di espellere dal nostro corpo le tossine e favorisce l’aumento della produzione della bile. Le sostanze contenute all’interno della  curcuma, inoltre, fanno sì che queste spezie siano in prima linea anche nella prevenzione di diverse forme tumorali.

La sua azione inoltre, è di forte contrasto agli attacchi di batteri, protegge l’attività cardiovascolare del nostro cuore, tende a restituire equilibrio alla quantità di zuccheri presenti nel sangue. Bisogna stare attenti alla quantità di curcuma che si assume: infatti, delle dosi eccessive possono provocare alcuni effetti indesiderati, quali acidità gastrica e nausea. A questi si aggiungono anche diarreacalcoli e ulcere.

Secondo quanto è stato scoperto di recente dalla comunità scientifica, un tubero di radice di curcuma è in grado di prevenire delle malattie moderne e degenerative, quali i morbi di Parkinson e di Alzheimer. Sono anche importanti le proprietà che contrastano efficacemente la depressione. Grazie alla presenza di un principio attivo contenuto nella  curcuma, vengono anche regolati due importanti neurotrasmettitori del nostro sistema nervoso, come la dopamina e la serotonina.

Il sale alla curcuma unisce le proprietà di entrambe le spezie. La curcuma, infatti, viene considerato un ingrediente dalle proprietà infinite. Oltre a insaporire i cibi, infatti, questa spezia avrebbe anche proprietà antinfiammatorie e antiossidanti, così come prevede la medicina tradizionale indiana. Tuttavia, sono ancora in corso gli studi che confermino questi benefici.

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

carne di coniglio

La carne di coniglio, un’alternativa a pollo e...

Un approfondimento sulla carne di coniglio La carne di coniglio fa da sempre parte della tradizione culinaria italiana. Se ben trattata, è un' ottima carne squisita, morbida e adatta alle...

camomilla essicata e al naturale

Camomilla essiccata e al naturale, proprietà e usi

Le principali caratteristiche della camomilla Oggi vi voglio parlare della camomilla essiccata e al naturale, una delle piante officinali più apprezzate e conosciute, nonché un alleato preziosa di...

santolina

La santolina, una pianta aromatica dai mille usi

La santolina dal punto di vista botanico La santolina, o crespolina che dir si voglia, è una pianta arbustiva molto diffusa nei paesi che si affacciano sul mediterraneo. Si presenta con un fusto...

fiordaliso

Il fiordaliso, una pianta da utilizzare in cucina

Le principali caratteristiche del fiordaliso Oggi voglio parlarvi di una pianta speciale, che regala alcuni tra i fiori più belli da vedere, ossia il fiordaliso. Il nome, così elegante e soave,...

Datteri Mazafati

I datteri, uno dei frutti più buoni e...

Un po' di storia sul dattero Oggi parliamo dei datteri, uno dei frutti più particolari in assoluto. Sono particolari dal momento che fanno riferimento alla cultura araba e mediorientale, e per...

Formaggi vegetali,

Formaggi vegetali, non solo per i vegani

Cosa sono i formaggi vegetali? Per alcuni non dovrebbero essere nemmeno chiamati formaggi, per altri sono invece un’alternativa addirittura preferibile ai formaggi tradizionali. I formaggi...

06-05-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti