Spaghetti con bietola e pesto di scarola gluten free

Spaghetti con bietola e pesto di scarola
Stampa

Tutta la bontà di un piatto di spaghetti con bietola e pesto di scarola

Gli spaghetti con bietola e pesto di scarola gluten free si presentano come un pasto gustoso, digeribile ed estremamente genuino. Infatti, oltre a offrire diverse sfumature di sapore e un retrogusto inconfondibile, vengono preparati con ingredienti leggeri e sicuri anche per gli intolleranti al glutine. In più, dobbiamo considerare che i due ingredienti principali sono ricchi di nutrienti e capaci di donare interessanti benefici per la salute che non possiamo di certo sottovalutare!

A questo proposito, andiamo a scoprire tutte le buone ragioni per portare in tavola questo piatto. In seguito, troverete la lista completa degli ingredienti e le modalità di preparazione di questa gustosa pietanza. Continuate a leggere e non ve ne pentirete!

Spaghetti con bietola e pesto di scarola: ecco le caratteristiche del primo ingrediente principale

Se siete alla ricerca di un primo piatto gluten free che sia comunque gustoso e salutare, questa ricetta è la risposta che stavate cercando e gran parte del merito di tutto questo va alla bietola, ovvero l’alimento che ci consentirà di preparare degli spaghetti verdi e deliziosi. La Beta Vulgaris è una pianta erbacea molto conosciuta e usata in cucina. Le sue grandi foglie e suoi gambi sono composti prevalentemente da acqua e da piccole quantità di fibre, zuccheri e proteine vegetali.

Questo ingrediente regala ad ogni piatto di spaghetti con bietola e pesto di scarola gluten free un buon apporto di magnesio, calcio, potassio, ferro, fosforo, selenio e zinco, ma anche di vitamina A, B1, B2, B3, B5, B6, C, E, K e J. Grazie a tutte queste sostanze, questo ortaggio si presenta come un toccasana per la salute, in particolare per la capacità di regolare i livelli glicemici del sangue e la pressione sanguigna, di potenziare le funzioni del cervello e di favorire il benessere degli occhi, della pelle e delle ossa.

La bietola è un ottimo antistress, ma anche un valido antiossidante e può aiutarci a ridurre i livelli di colesterolo cattivo nel sangue, a perdere peso e a rallentare il naturale processo di invecchiamento delle cellule. Grazie al suo buon contenuto di ferro e di vitamina C (fondamentale per l’assorbimento di questo minerale), si presenta inoltre come un alimento perfetto per coloro che soffrono di anemia. Contenendo elevati livelli di acido folico, è l’ideale anche per donne in gravidanza.

Pesto di scarola

Ecco cos’altro dovreste sapere sulla ricetta degli spaghetti con bietola e pesto di scarola

Oltre alla bietola, anche la scarola è un ingrediente molto importante per questa ricetta. Infatti, ci serve per preparare il pesto che, in questo caso, si rivelerà un condimento poco calorico, tanto genuino e molto salutare. Grazie a quest’altro ortaggio, questo piatto offrirà un’ulteriore dose di minerali, fibre, vitamina A, C, K e vitamine del gruppo B.

Pertanto, portando in tavola gli spaghetti con bietola e pesto di scarola gluten free, avrete a disposizione un pasto ricchissimo di nutrienti e in grado di regalare numerosi benefici per la salute del vostro organismo. Prepararlo sarà divertente e assaporarlo vi darà una soddisfazione unica!

Ingredienti per 4 persone:

per la pasta:

  • 100 g. farina di quinoa
  • 50 g. farina di riso
  • 50 g. farina di mais
  • 2 uova
  • 75 g. di bietole
  • q.b. olio extravergine d’oliva
  • 100 gr di pesto di scarola

Preparazione

Lavate e lessate le bietole. Setacciate le farine. In una terrina unite le bietole sminuzzate, le farine, aggiungete le uova ed impastate fino ad ottenere un impasto elastico e piuttosto solido.

Stendete la pasta con il mattarello fino ad uno spessore  di mezzo centimetro circa.Tagliate i bordi in modo da ottenere un rettangolo. Infarinate bene la superficie della pasta e ripiegate su se stessa fino ad ottenere un cilindro.

Tagliare gli spaghetti/tagliatelle della dimensione voluta e lasciate riposare ben infarinate sulla spianatoia di legno.

Lessate la pasta in abbondante acqua salata per pochi minuti e condite con il pesto di scarola e un filo d’olio

CONDIVIDI SU

Nota per l’intolleranza al nichel

Basso contenuto di nichel. Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


09-04-2016
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti