Natale non è Natale senza il sofficissimo Pandoro…

A casa mia Natale non è Natale senza il sofficissimo Pandoro. Ebbene si è una tradizione che non puo’ mancare.. Ma mi sono accorta che sul mercato un buon pandoro senza glutine e senza lattosio non si trova facilmente.

Nonostante le ultime tendenze, non c’è alcun bisogno di seguire una dieta senza glutine se non soffrite di celiachia.È indubbio però che, per chi ha questa patologia, mangiare in modo corretto comporta solo dei benefici.

Oltre alla celiachia comunque, anche chi ha la sindrome dell’intestino irritabile o un’intolleranza alimentare al glutine può trarre vantaggio da un’alimentazione del genere.

Quali sono i benefici di questa dieta per chi ha determinate condizioni? Innanzitutto, se avete la celiachia, dovete per forza evitare il glutine per far guarire le pareti dell’intestino danneggiate e di conseguenza anche gli altri sintomi intestinali si allevieranno.

In secondo luogo, il corpo riuscirà ad assorbire meglio ciò che mangiate. Un altro dettaglio da non sottovalutare è che la celiachia può causare perdita o aumento di peso a seconda della persona.

Eliminare il glutine vi farà tornare al peso forma. Per di più, riduce flatulenza e gonfiore, entrambi molto fastidiosi.

Per molte persone che soffrono di questa condizione, la dieta senza glutine riduce l’infiammazione gastro-intestinale.

Puo’ mancare il Pandoro per Natale?

Su un altro piano, una dieta di questo tipo vi permette di essere più concentrati perché l’organismo non è più così impegnato a combattere gli effetti del glutine.

Inoltre, se la pasta vi fa venire sonno e vi sentite gonfi, provare un’alternativa senza glutine forse farà sparire i sintomi e aumentare l’energia. Una volta eliminata la fonte del problema, il metabolismo migliora di sicuro.

Comunque, prima di apportare dei cambiamenti alla vostra routine, se sospettate di essere celiaci andate dal medico e fatevi prescrivere dei controlli appositi.

In breve, mangiare senza glutine oggi non è più un problema perché in commercio ci sono tanti prodotti pensati apposta per voi.

Se vi piace cucinare invece, provate questo pandoro senza glutine da fare a casa: è sicuramente più buono e più sano di qualunque cosa possiate trovare in giro.

Se avete scoperto di non poter più mangiare glutine non disperate: oggi ci sono tante alternative per voi al supermercato normale e al biologico. Però potete anche sbizzarrirvi un po’ a casa con questa ricetta!

Ed ecco la ricetta del sofficissimo Pandoro

Dosi per un pandoro di kg 1

Ingredienti per la preparazione della Biga:

  • 35 gr di farina di riso
  • 35 gr di maizena
  • 50 ml di panna fresca liquida Accadi
  • 25 gr di lievito fresco di birra.
  • In una terrina sciogliete il lievito di birra nella panna tiepida; aggiungete le 2 farine, impastate e fate lievitare fino a che la biga raddoppia il volume.

    Preparazione del 1° IMPASTO:

  • 60 gr di farina di riso
  • 60 gr maizena
  • 40 gr di latte delattosato Accadi
  • 60 gr zucchero semolato
  • 2 uova intere
  • 40 gr di burro chiarificato fuso.
  • In un’altra terrina montare le uova con lo zucchero e aggiungete tutti gli altri ingredienti e impastate bene. Quando è tutto bene amalgamato aggiungete all’impasto la biga lievitata, lavorate bene, e fate lievitare ancora, l’impasto in una terrina avvolta nella pellicola, messa nel forno acceso a 40° per mezz’ora.

    Nel frattempo preparate il 2° IMPASTO:

  • 100 gr di farina di riso
  • 100 gr di maizena
  • 100 gr di fecola di patate
  • 180 gr di zucchero semolato
  • 280 gr di burro chiarificato fuso
  • 3 uova intere
  • 3 tuorli
  • una bustina di vanillina
  • 25 gr di lievito di birra
  • 60 ml di panna vegetale fresca Accadi tiepida
  • 15 ml di amaretto
  • Preparazione

    Fate sciogliere il lievito nella panna. Riunite in una terrina gli ingredienti del secondo impasto e aggiungete il la panna in cui avete sciolto il lievito e mescolate bene. Lavoratelo bene e riempite fino a poco più della metà lo stampo da pandoro.

    Fate lievitare, di nuovo e quando l’impasto sarà aumentato di volume quasi fino a raggiungere il bordo dello stampo, cuocetelo in forno già caldo a 180° per circa 30 minuti, poi abbassate la temperatura del forno a 160° per altri 30 minuti.

    Trascorso il tempo di cottura sfornate il pandoro, aspettate 5 minuti e togliete dallo stampo il pandoro cotto.

    Nota per celiaci o sensibili al glutine

    Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

    Nota per gli intolleranti al lattosio

    Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *