logo_print

Natale non è Natale senza il sofficissimo Pandoro…

sofficissimo pandoro
Stampa

A casa mia Natale non è Natale senza il sofficissimo Pandoro. Ebbene si è una tradizione che non puo’ mancare.. Ma mi sono accorta che sul mercato un buon pandoro senza glutine e senza lattosio non si trova facilmente.

Nonostante le ultime tendenze, non c’è alcun bisogno di seguire una dieta senza glutine se non soffrite di celiachia.È indubbio però che, per chi ha questa patologia, mangiare in modo corretto comporta solo dei benefici.Oltre alla celiachia comunque, anche chi ha la sindrome dell’intestino irritabile o un’intolleranza alimentare al glutine può trarre vantaggio da un’alimentazione del genere.

Quali sono i benefici di questa dieta per chi ha determinate condizioni? Innanzitutto, se avete la celiachia, dovete per forza evitare il glutine per far guarire le pareti dell’intestino danneggiate e di conseguenza anche gli altri sintomi intestinali si allevieranno.In secondo luogo, il corpo riuscirà ad assorbire meglio ciò che mangiate. Un altro dettaglio da non sottovalutare è che la celiachia può causare perdita o aumento di peso a seconda della persona.Eliminare il glutine vi farà tornare al peso forma. Per di più, riduce flatulenza e gonfiore, entrambi molto fastidiosi.

Per molte persone che soffrono di questa condizione, la dieta senza glutine riduce l’infiammazione gastro-intestinale.

Puo’ mancare il Pandoro per Natale?

Su un altro piano, una dieta di questo tipo vi permette di essere più concentrati perché l’organismo non è più così impegnato a combattere gli effetti del glutine.Inoltre, se la pasta vi fa venire sonno e vi sentite gonfi, provare un’alternativa senza glutine forse farà sparire i sintomi e aumentare l’energia. Una volta eliminata la fonte del problema, il metabolismo migliora di sicuro.Comunque, prima di apportare dei cambiamenti alla vostra routine, se sospettate di essere celiaci andate dal medico e fatevi prescrivere dei controlli appositi.

In breve, mangiare senza glutine oggi non è più un problema perché in commercio ci sono tanti prodotti pensati apposta per voi.Se vi piace cucinare invece, provate questo pandoro senza glutine da fare a casa: è sicuramente più buono e più sano di qualunque cosa possiate trovare in giro.Se avete scoperto di non poter più mangiare glutine non disperate: oggi ci sono tante alternative per voi al supermercato normale e al biologico. Però potete anche sbizzarrirvi un po’ a casa con questa ricetta!

Menù natalizio: arrivano i dolci della tradizione, ecco il pandoro!

Il Pandoro : un’ottima ricetta per un pandoro senza glutine. Arrivano anche quest’anno le festività natalizie e si cercano sempre ricette tradizionali e rivisitate per celebrare il Natale con amici e parenti ed una parte fondamentale del menù natalizio è quella dei dolci.Panettoni, biscotti tradizionali e torroni sono solo alcuni dei dessert più consumati durante questo periodo ma sono in molti a preferire sempre il tradizionale pandoro. Originario del veronese, è un dessert soffice e dolce, grazie anche all’uso dello zucchero a velo. Rispetto al panettone, infatti, non prevede l’uso di uvetta e canditi.

Forse non tutti sanno che la sua forma tradizionale, una stella a otto punte, è stata brevettata nel 1894 da Domenico Melegatti, proprietario dell’omonima impresa dolciaria veronese.Tuttavia, un dolce molto simile al pandoro esisteva già precedentemente: l’antenato del pandoro era il cosiddetto nadalin.

Liscio o farcito?

Il classico non prevede nessun tipo di farcitura. Uova, burro e lievito, infatti, sono gli ingredienti principali.Nonostante ciò, moltissime marche industriali propongono panettoni e pandori farciti con tantissimi ingredienti diversi. Se si decide di elaborare in casa il pandoro, potrete scegliere di prepararlo già farcito o di creare diverse ricette che prevedano l’uso di diverse creme.

pandoro

Fra le farciture più usate troviamo la crema al cioccolato o quella pasticcera, quella a base di pistacchi o al mascarpone.In più, si può bagnare il pandoro con diversi tipi di liquore per dargli un gusto forte e deciso. Non dimenticate inoltre che potete creare altri dessert a partire dal pandoro, aggiungendo altri ingredienti come frutta, cannella, noci e tanto altro.

Un sofficissimo pandoro adatto anche ai celiaci

Sul web esistono tantissime ricette per elaborare questo dolce, da quelle più classiche a quelle più innovative. Nonostante ciò, la difficoltà maggiore può essere quella di trovare una ricetta gluten free che abbia un gusto inimitabile. Potete leggere e provare a fare La nostra ricetta del pandoro oppure quella che trovate sul blog Monica’s Kitchen che ha presentato un’ottima versione senza glutine e che ho provato a rifare con ottimi risultati

Farina di riso e amido di mais sono alcuni degli ingredienti principali che permettono di ottenere un prodotto adatto anche agli intolleranti al glutine.L’importante è seguire passo a passo la ricetta per poter celebrare il Natale con tutta la famiglia, senza rischi e senza glutine. Buone Feste!

Ed ecco la ricetta del sofficissimo Pandoro

Dosi per un pandoro di kg 1

Ingredienti per la preparazione della Biga:

  • 35 gr di farina di riso
  • 35 gr di maizena
  • 50 ml di panna fresca liquida consentita
  • 25 gr di lievito fresco di birra.

In una terrina sciogliete il lievito di birra nella panna tiepida; aggiungete le 2 farine, impastate e fate lievitare fino a che la biga raddoppia il volume.

Preparazione del 1° IMPASTO:

  • 60 gr di farina di riso
  • 60 gr maizena
  • 40 gr di latte intero consentito
  • 60 gr zucchero semolato
  • 2 uova intere
  • 40 gr di burro chiarificato fuso.

In un’altra terrina montare le uova con lo zucchero e aggiungete tutti gli altri ingredienti e impastate bene. Quando è tutto bene amalgamato aggiungete all’impasto la biga lievitata, lavorate bene, e fate lievitare ancora, l’impasto in una terrina avvolta nella pellicola, messa nel forno acceso a 40° per mezz’ora.

Nel frattempo preparate il 2° IMPASTO:

  • 300 gr. di mix in ugual quantità di farina di riso,  maizena e fecola di patate
  • 180 gr di zucchero semolato
  • 280 gr di burro chiarificato fuso
  • 3 uova intere
  • 3 tuorli
  • una bustina di vanillina
  • 25 gr di lievito di birra
  • 60 ml di panna fresca consentita tiepida
  • 15 ml di amaretto

Preparazione

Fate sciogliere il lievito nella panna. Riunite in una terrina gli ingredienti del secondo impasto e aggiungete il la panna in cui avete sciolto il lievito e mescolate bene. Lavoratelo bene e riempite fino a poco più della metà lo stampo da pandoro.

Fate lievitare, di nuovo e quando l’impasto sarà aumentato di volume quasi fino a raggiungere il bordo dello stampo, cuocetelo in forno già caldo a 180° per circa 30 minuti, poi abbassate la temperatura del forno a 160° per altri 30 minuti.

Trascorso il tempo di cottura sfornate il pandoro, aspettate 5 minuti e togliete dallo stampo il pandoro cotto.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


06-12-2015
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti