Minestra di patate, miglio e pancetta per la cena

Minestra di patate, miglio e pancetta
Commenti: 0 - Stampa

Minestra di patate, miglio e pancetta: un piatto alternativo glutenfree. Nella tradizione gastronomica italiana, molto «legata» ai primi piatti, un posto di rilievo è occupato anche dalla buona minestra di verdura, dalle zuppe regionali, dai succulenti brodi di carne e di pollo, da quelle che, insomma, vengono definite « le minestre in brodo» e che fanno da contrappeso alle minestre asciutte (ovvero alla pasta e al riso).

Il brodo. Infinite sono le « varianti» di questo « liquido alimentare» (così viene definito in gergo tecnico) ottenuto mediante bollitura di acqua con una base « fissa», formata da aromi e da ingredienti che possono variare a seconda dei tipi di brodo desiderati: carne, pollo, pesce o verdure.

La preparazione del brodo è un rito

Ottimo stimolante dei succhi gastrici e corroborante per lo stomaco, il brodo va preparato seguendo regole ben precise che n’e determinano la buona riuscita. Mentre per fare un buon lesso occorre mettere la carne o il pollame nell’acqua in ebollizione, per ottenere un buon brodo bisogna seguire il procedimento inverso, cioè mettere carne e verdure nell’acqua fredda e portare lentamente ad ebollizione, in modo che tutti gli ingredienti immersi nell’acqua cedano a questa le loro proprietà e i loro sapori, trasformandola in brodo.

Rispettata questa prima regola, la seconda è quella di schiumare inizialmente il liquido, in modo che le impurità che affiorano in superficie, in prossimità del bollore, vengano asportate (la schiuma che sale in superficie è formata da alcune sostanze albuminoidi contenute nella carne le quali, sotto l’effetto del calore, si coagulano in numerosi fiocchi, che costituiscono appunto la schiuma da asportare). Terza regola: ad ebollizione raggiunta, occorre abbassare il fuoco e mantenere un bollore quasi insensibile, in modo che anche l’evaporazione acquea (che sempre si verifica nel corso dell’ebollizione) sia minima.

Per preparare un buon brodo di carne occorrono naturalmente tagli adatti, che sono in prevalenza il bianco costato, la punta di petto (di manzo) e il garretto (questo fornisce la componente gelatinosa); è inoltre necessario un osso con midollo, che dà al brodo un ottimo sapore .. 11 quantitativo di acqua da usare per un brodo che soddisfi le esigenze di 4-6 persone è di circa due litri e mezzo; il quantitativo di carne 500 g, più un osso con midollo.

Minestra di patate, miglio e pancetta per le serate freddolose

Tutti gli ingredienti vanno messi a freddo nell’acqua; poi si porta lentamente ad ebollizione, schiumando ripetutamente con un mestolo forato. A bollore raggiunto, si abbassa al minimo la fiamma e si continua la cottura per almeno 2 ore, avendo cura di sgrassare ogni tanto il brodo con un mestolino e, volendo, di togliere con carta da cucina il cerchio scuro che in genere si produce intorno alla pentola, nel punto in cui arriva il liquido. E a proposito di liquido, fate sempre molta attenzione che questo copra abbondantemente la carne, durante la cottura. Terminata quest’ultima, il brodo va sempre filtrato attraverso un colino fitto o con un panno bianco bagnato e ben strizzato. Se lo si vuole chiarificare, a cottura ultimata bisogna aggiungere al liquido un albume e seguire il procedimento indicato nella sequenza del brodo di pollo.

Per la preparazione del brodo di pollo il procedimento è pressoché lo stesso. Oltre al pollo, però, si consiglia di aggiungere anche un osso e un pezzo di carne di vitello.

Il brodo di pesce si può preparare con diverse qualità di pesce (che troverete indicate nella ricetta specifica); per dare un certo colore al brodo, si consiglia di aggiungere qualche crostaceo con il guscio (gamberetti o piccole code di scampi).

Per il brodo vegetale si può, in pratica, usare qualunque tipo di verdura; l’assortimento e le dosi sono a gusto.

Ed ecco la ricetta della Minestra di patate, miglio e pancetta

Ingredienti per 4 persone

  • 100 gr miglio
  • 3 patate
  • 100 gr pancetta tesa
  • 1 spicchio aglio
  • 2 cipollotti freschi
  • 1 lt brodo vegetale
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale

Preparazione

Sbucciate le patate e la pancetta a dadini e i cipollotti a rondelle. Scaldate un filo di olio in una padella antiaderente e aggiungete l’aglio,  la pancetta e i cipollotti, fateli rosolare, aggiungete la patata a dadini, versate  un po’ di acqua e cuocete per 5 minuti.

Versare il miglio nella padella aggiungete, sempre mescolando, il brodo e cuocete la minestra a fuoco lento per un quarto d’ora aggiungendo, se necessario altro brodo.

Regolate di sale, e condite con l’olio a crudo.

5/5 (381 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fregola con le vongole

Fregola con le vongole, un primo tra mare...

Fregola con le vongole, un piatto dal sapore rustico La fregola con le vongole è un primo dal sapore particolare, che valorizza le vongole proponendo una soluzione alternativa. In questo caso non...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un delicato mix di ingredienti I maccheroncini con scampi e fiori di zucca sono un primo fuori dall’ordinario. In primo luogo perché sono conditi con...

Calamarata con merluzzo e datterini

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo estivo

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo leggero La calamarata con merluzzo, carciofi e datterini, lascia intendere un piatto a base di calamari, o magari un secondo di pesce. Invece si tratta...

Spaghetti con sarde e bottarga

Spaghetti con sarde e bottarga, un primo che...

Spaghetti con sarde e bottarga, colore e gusto per un ottimo primo di pesce Gli spaghetti con sarde e bottarga sono un piatto che incarna il rapporto tra la cucina italiana e il mare. D’altronde,...

Fettuccine Alfredo

Fettuccine Alfredo, una celebre ricetta italoamericana

La singolare storia delle fettuccine Alfredo Le fettuccine Alfredo sono una delle ricette più famose al mondo. Benché un po’ dappertutto siano considerate “italiane”, in realtà fanno parte...

Riso rosso con zucchine e menta

Riso rosso con zucchine e menta, un primo...

Riso rosso con zucchine e mente, altro che risotto Il riso rosso con zucchine e menta è una suggestiva alternativa al risotto. Anche perché rispetto a quest’ultimo porta spunti differenti. E’...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


18-12-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti