Una ricetta della mia infanzia: le gustose Offelle di Parona

Le Offelle: un biscotto pieno di dolci ricordi

Le Offelle di Parona sono una ricetta davvero unica che fa sempre scaturire in me un emozione fortissima legata a sapori e ricordi che trovano radici in tempi molto lontani da oggi .E a te quale biscotto ti ricorda la tua infanzia?

Esistono dei dei cibi particolari che per ognuno di noi rappresentano qualcosa di speciale e ci riportano indietro nel tempo a ricordare giorni ormai passati.

Per me il biscotto cha lasciato di più di tutti il segno nella mia infanzia sono proprio le Offelle di Parona che mi ricordano i momenti felici di quando ero una bimba ed il mondo era molto diverso da quello che è oggi.

Allora non c’era la tecnologia e tutto era più semplice,  più naturale e questo mi fa pensare che forse oggi abbiamo troppo a cui pensare per poter riuscire ad apprezzare come un tempo le cose semplici.

L’ Offella, è un delicato e gustoso biscotto di pasta frolla dal sapore unico,  dall’inconfondibile forma ovale con le estremità appuntite, nato da un indovinatissimo incontro tra ingredienti semplici e nutrienti.

Un classico della pasticceria Italiana che nasce proprio a Parona, un comune rurale della Lomellina in provincia di Pavia. Le Offelle sono fatte principalmente con farina di grano tenero, burro, zucchero, uova, olio d’oliva, lievito e un sapiente dosaggio capace di creare così un prodotto unico nel suo genere e sempre molto apprezzato.

offelle

Le origini delle Offelle di Parona, il dolce dei contadini

Le sue origini risalgono alla fine dell’800 quando le massaie e i ‘prestinai’ della zona producevano questo tipico dolce soprattutto nei periodi di festa.

All’inizio del ‘900, a Parona, un paese della Lomellina in provincia di Pavia, in occasione della festa della Madonna del Rosario e della sagra del paese che si svolge la prima domenica di ottobre,  le massaie amavano preparare le “Offelle”, il biscotto inventato da due sorelle paronesi, per offrirle ai loro ospiti in visita per l’occasione.

In un primo tempo le Offelle venivano prodotte in quantità limitate e vendute a numero, anziché a peso, tanto erano preziose, ma il grande lancio commerciale arrivò a partire dal 1969, quando venne organizzata la prima sagra di questo prodotto tipico.

Il segreto di tanto successo è stato determinato dagli ingredienti genuini, dal loro perfetto dosaggio e dall’indovinata cottura. Le “Offelle” sono ottime al naturale ma possono diventare un dessert unico se intinte in uno spumante di buona qualità o accompagnate da una deliziosa crema inglese.

Le Offelle esistono in molte varianti, lisce, ripiene, con cioccolato, con zucchero a veo e molto altro ancora, è una ricetta talmente buona che potrete sbizzarrirvi a creare le vostre varianti preferite.

Quella che vi propongo oggi è una versione delle Offelle di Parona preparate senza lattosio, quindi adatta agli intolleranti che oggi possono senza indugi gustarsi il sapore di queste delizie del palato.

Ingredienti per 30 biscotti

  • 250 gr. di farina 00
  • 50 gr. di amido di mais
  • 150 gr. di zucchero di canna bianco
  • 150 gr. di burro chiarificato
  • 1 uovo
  • la scorza di un limone non trattato
  • un pizzico di sale
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva

Preparazione

In una terrina lavorare lo zucchero e l’uovo con il burro, aggiungere la farina, l’amido, la scorza grattugiata del limone, l’olio e il sale.

Mettere l’impasto sulla spianatoia ben infarinata e lavorare con le mani piuttosto rapidamente, quanto basta per amalgamare gli ingredienti.

Formare una palla, avvolgerla in un canovaccio e lasciatela riposare, nella parte più bassa del frigorifero, per circa trenta minuti.

Stendere l’impasto su una spianatoia cosparsa di un poco di farina, e tagliare i biscotti utilizzando una dima di cartoncino a forma di losanga arrotondata delle dimensioni di circa 3×8 cm e tagliare i biscotti di questa forma.

Disporre i biscotti sulla placca del forno ricoperta con l’apposita carta e cuocere in forno già caldo a 180° per circa 10 minuti.

in collaborazione con Brandani

in collaborazione con Brandani Gift Group

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

Print Friendly, PDF & Email

Condividi!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *