Cookies di Teff: tutti i benefici di un antico cereale

cookies di teff
Commenti: 0 - Stampa

I cookies di Teff rappresentano una scelta congeniale se si ha intenzione di alimentarsi in modo sano. Per quale motivo? Perché hanno come ingrediente base un cereale davvero speciale.

Teff: un cereale antichissimo 

Il Teff è un cereale molto antico: si hanno notizie relative alla sua coltivazione fin dagli albori delle civiltà africane, con particolare diffusione in Etiopia attorno al 4.000 a.C. Il Teff – esistono due varietà, bianca e rossa, che si distinguono sulla base del colore del seme – è generalmente poco conosciuto e questo è un peccato, dal momento che è caratterizzato da importanti proprietà nutritive.

Le più notevoli riguardano la presenza di un alto contenuto di carboidrati complessi e soprattutto di fibre, ottime per favorire la regolarità intestinale. Le proprietà benefiche del Teff consistono anche anche in un alto contenuto proteico e nella presenza degli otto amminoacidi essenziali – fenilalanina, isoleucina, istidina, leucina, lisina, metionina, treonina, triptofano, valina – che non vengono sintetizzati dall’organismo ma che devono essere assunti attraverso gli alimenti.

La farina ottenuta dai semi di Teff, integrale per l’impossibilità di separare le varie parti del seme, è inoltre priva di glutine e quindi adatta a chi soffre di celiachia.

Teff: qualche curiosità etnica e consigli su dove trovarlo

Il Teff, come già ricordato, è particolarmente diffuso in Africa. La sua coltivazione è poco diffusa e vede il maggior numero di aree ad essa adibite presso l’altopiano etiope. In Etiopia il Teff viene utilizzato per preparare un pane speciale che è conosciuto con il nome di enjera, la cui cottura viene portata avanti sul mafade, un disco di terracotta chiuso da un coperchio e che viene sistemato su un fornello realizzato con fango o argilla.

Dove trovare il Teff o la sua farina? In qualsiasi erboristeria o nei negozi dedicati ai prodotti per celiaci. Un consiglio utile consiste nell’evitare di acquistarla online, a meno che non si abbiano garanzie più che sicure relativamente alla qualità del prodotto.

Con il Teff non si prepara non solo l’enjera, ma anche tanti dolci succulenti, ideali per chi soffre di celiachia, o anche per i vegetariani e i vegani alla ricerca di alternative alla carne per assumere le proteine animali.

Ecco la ricetta dei Cookies di Teff

Ingredienti per 4 persone

  • 200 gr uova intere
  • 50 gr tuorlo
  • 250 gr zucchero di canna
  • 175 gr olio di semi d’uva
  • 200 gr amido di riso
  • 150 gr farina di teff marrone
  • 150 gr farina di teff avorio
  • 2 gr bicarbonato
  • 1 bacca vaniglia

Preparazione

Versate le uova, i tuorli e lo zucchero di canna in una bacinella capiente e iniziate a lavorarli con una frusta fino a quando lo zucchero si scioglie.

Quindi versate a filo l’ olio, continuando a lavorare fino a quando il composto sarà lucido. A questo punto versate l’ amido, le farine, il bicarbonato e la vaniglia, amalgamando il tutto con una spatola.

Con l’ aiuto di una sac-a-poche formate dei bottoncini su una teglia antiaderente leggermente unta con l’ olio. Infornate a 170° per 20 minuti circa.

5/5 (396 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Creme caramel

Crème caramel, un classico della cucina francese

Crème caramel, un dolce delizioso e apprezzato da tutti Oggi vi parlo della crème caramel, uno dei dolci al cucchiaio più conosciuti d’Europa associato alla cucina francese, d’altronde il...

Cupcakes per Halloween

Cupcake per Halloween, idee per una festa perfetta

Cupcake per Halloween, un impasto anti intolleranze Oggi vi presento due varianti di cupcake per Halloween, due modi per vivacizzare una festa che pone al primo posto la “presenza scenica”, come...

Fantabudino di zucca

Fantabudino di zucca, il dessert perfetto per Halloween

Fantabudino di zucca, un dessert facile da preparare Ve ne sarete già accorti spulciando la foto, il fantabudino di zucca è un dolce, o per meglio dire un dessert, non solo buono ma anche...

Cioccolata calda con marshmallow

Cioccolata calda con marshmallow, una pausa golosa

Cioccolata calda con marshmallow, un abbinamento perfetto La cioccolata calda con marshmallow è una bevanda ottima per i pomeriggi invernali, o per una pausa all’insegna della dolcezza e del...

Charlotte con crema di castagne

Charlotte con crema di castagne, una deliziosa scoperta

Charlotte con crema di castagne, sapori d’autunno Oggi vi presento la charlotte di castagne (o meglio con crema di castagne), una torta davvero speciale e in grado di conquistare occhi e palato....

budino sbagliato

Il budino sbagliato di Carlo Cracco per stupire...

Il budino sbagliato, quando la creatività incontra la tradizione Il budino sbagliato è una ricetta di Carlo Cracco, il famoso chef stellato ha deciso di interpretare liberamente la ricetta del...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


04-11-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti