Omini di pan di zenzero senza glutine e lattosio

Omini di pan di zenzero
Commenti: 0 - Stampa

Un dolce che sorride: gli omini di pan di zenzero, senza glutine e senza lattosio

Nei paesi Nord Europei, nel periodo di Natale, è tradizione preparare questo dolce impasto speziato, che prende la forma di un simpatico omino. Anche nelle cucine Italiane, almeno una volta all’anno, gli omini di pan di zenzero fanno capolino dai piatti di portata e aggiungono tanta allegria alle nostre giornate! …Sono così buoni che è un peccato aspettare Natale per assaporarli!

Con le loro faccine simpatiche, decorate con la glassa alimentare, si presentano come dolci saporiti, dall’ottimo aspetto, ma sono anche nutrienti. Sapete da quali ingredienti è composto? Nella nostra ricetta senza glutine e senza lattosio, andremo ad utilizzare il miele, lo zucchero di canna, il burro di cocco, le uova, la farina di grano saraceno, la farina di riso, l’amido di tapioca, l’amido di riso e le tante spezie protagoniste… Un mix perfetto sotto ogni punto di vista!

A tavola con quel gusto tipico e tanti benefici…

In questo caso, potrete contare sull’apporto nutrizionale della farina di grano saraceno, proteica ed energetica, e su quella di riso, leggera e delicata. Le proteine delle uova possono darci una notevole carica insieme allo zucchero di canna, meno raffinato e più genuino di quello bianco, e al delizioso miele, un ottimo ricostituente naturale. Oltre allo zenzero, è la cannella a far parte dei principali profumi e dei sapori di questo speciale biscotto. Insieme ad un gusto unico che rende gli omini di pan di zenzero ancora più saporiti, racchiude anche notevoli proprietà benefiche.

Secondo le ricerche, la cannella è l’ideale per combattere nausea e raffreddore, e si abbina perfettamente con lo zenzero, proprio perché persino quest’ultimo è in grado di prevenire e combattere influenze e raffreddori. Lo zenzero è altresì capace di favorire la digestione e ridurre infiammazioni di diversa natura. Queste caratteristiche, insieme alle notevoli proprietà antiossidanti, rendono entrambi perfetti in inverno ma, come abbiamo detto, la verità è che ogni occasione è quella giusta per gustare gli omini di pan di zenzero!

Tempo libero in famiglia: gli omini di pan di zenzero possiamo prepararli con i bambini!

Questa ricetta può essere preparata persino con l’aiuto dei bambini, proprio perché semplice e divertente. Dalla lavorazione della pasta alla creazione dei biscotti con le apposite formine, fino ad arrivare alla decorazione: ogni fase della preparazione degli omini di pan di zenzero può diventare un buon modo per passare del tempo di qualità con i più piccoli componenti della nostra famiglia… che si divertiranno tantissimo e si sentiranno importanti, soddisfatti e molto apprezzati!

Con le glasse colorate, i bambini potranno liberare la loro creatività e, perché no, anche gli adulti potranno divertirsi molto! In pratica, grazie agli omini di pan di zenzero, può nascere un dolce momento di condivisione per la famiglia, in pieno stile natalizio e non solo. Vale certamente la pena di prepararli in qualunque periodo dell’anno!

Ingredienti per circa 25 biscotti

Per i biscotti:

  • 100 gr di miele di acacia
  • 100 gr di zucchero di canna
  • 80 gr di burro di cocco
  • 2 uova
  • 160 gr di farina di grano saraceno
  • 140 gr di farina di riso
  • 60 gr di amido di tapioca
  • 40 gr di amido di riso
  • 3 cucchiaini di spezie

Per la glassa:

  • 1 albume
  • 250 gr di zucchero a velo
  • 3/4 gocce di succo di limone
  • Colorante alimentare rosso

Preparazione

Per i biscotti:

Mettete il miele e lo zucchero di canna in un tegamino, fate sciogliere a fuoco lieve. Allontanate dal fuoco e aggiungete il burro, mescolate bene per farlo sciogliere e lasciate raffreddare.

Unite le uova, una alla volta, mescolando con una frusta.

Aggiungete le farine e le spezie, iniziate ad amalgamare con una spatola, poi versate il composto su un piano da lavoro e impastate bene.

Avvolgete l’impasto nella pellicola e tenete in frigo per 30 minuti.Preriscaldate il forno a 180 gradi.Rivestite due teglie con la carta forno.

Stendete l’impasto fino ad uno spessore di circa 3-4 mm, tagliate i biscotti e disponeteli nelle teglie.

Infornate per circa 10-12 minuti, sfornate e fate raffreddare.

Per la glassa:

Mettete l’albume in una ciotola, iniziate a montarlo; poi unite gradualmente lo zucchero a velo e le gocce di limone montate finché non otterrete una glassa liscia e omogenea.

Dividete la glassa in due parti: ad una parte unite il colorante rosso, lasciate l’altra bianca.

Preparate due conetti con la carta forno e riempiteli con la glassa.

Decorazione:

Con la glassa bianca disegnate gli occhi, il naso e la bocca degli omini, e se volete disegnate delle righe di glassa sulle braccia e sui piedi.

Con la glassa rossa disegnate 3 bottoncini rossi al centro del corpo.

Lasciate asciugare bene la glassa prima di riporre gli omini in contenitori a chiusura ermetica.

5/5 (354 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pate di pernice rossa con polenta

Patè di pernice rossa con polenta, un ottimo...

Patè di pernice rossa su crostini di polenta, un antipasto gourmet Il patè di pernice rossa su crostini di polenta è una pietanza molto particolare. In primis, perché è realizzata con una carne...

Stella di Natale

Stella di Natale, il dolce perfetto per le...

Perché è così speciale il nostro dolce Stella di Natale? La Stella di Natale non è una torta come le altre. Lo potete notare già dalla foto e dalla sua forma particolare con un impatto visivo...

Cappone ripieno al tartufo

Cappone ripieno al tartufo, un secondo da ristorante

Perché il cappone ripieno al tartufo è così speciale? Il cappone ripieno al tartufo non è un secondo piatto come gli altri. Le ragioni per affermarlo sono numerose, in primis perché prevede...

Torta Albero di Natale

Torta Albero di Natale al profumo di menta

Torta Albero di Natale, un dessert al profumo di menta La nostra mente è sempre propensa alle festività ed eccoci a fantasticare su questa torta albero di Natale. Nessun simbolo potrà essere mai...

Spaghetti con bottarga di pesce

Spaghetti con bottarga di pesce per un cenone...

Spaghetti con bottarga di pesce spada, ingredienti di qualità per una ricetta semplice Gli spaghetti con bottarga di pesce spada rappresentano un primo piatto degno dei cenoni di Natale più...

Carrubine

Carrubine, il tipico dolcetto natalizio

Cosa sono le carrubine? Le carrubine sono dei dolcetti deliziosi, perfetti per ogni occasione ma indicati soprattutto a Natale, quando la voglia di dolci raggiunge il suo apice e ci si può...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


11-10-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti