Sedani alla napoletana, il segreto nella maionese

sedani alla napoletana
Commenti: 0 - Stampa

Una particolarità per la preparazione dei sedani alla napoletana è la preparazione della maionese. Per la preparazione della maionese (che può sembrare facile, ma non sempre lo è, perché la salsa può facilmente «impazzire» se, durante la lavorazione, gli ingredienti si raggrumano), si possono usare tre metodi: quello a mano, quello con lo sbattitore elettrico, quello con il frullatore.

Nei primi due casi bisogna impiegare solo il tuorlo, aggiungendo l’olio a filo; nel terzo caso, invece, si potrà usare l’uovo intero, il che contribuisce a rendere la maionese più soffice e leggera.

Tra le centinaia di ricette che esistono sul web troverete quella classica della maionese fatta a mano; qui di seguito vi indico il modo per prepararla con il frullatore.

Dovete mettere, nel bicchiere del frullino, un uovo intero ed un tuorlo, una presa di sale, qualche goccia di limone e tre cucchiai di olio; quindi chiudete con il coperchio e fate partire l’apparecchio sulla prima velocità; poi, attraverso il foro del coperchio, versate un filo lento e continuo di olio, lasciando frullare fino a quando si sente che il motorino dell’ apparecchio gira quasi a vuoto. A questo punto, la maionese è pronta da servire.

Sedani alla napoletana, il segreto sta nella maionese

Qualche piccolo consiglio per la buona riuscita della salsa: le uova devono essere freschissime e possibilmente non appena estratte dal frigorifero; l’olio, di ottima qualità, può essere di oliva oppure di semi (in questo secondo caso la maionese risulta più leggera); il limone va usato con molta parsimonia altrimenti la salsa risulta troppo aspra; il cucchiaio per mescolare (operazione che deve avvenire sempre in senso orario e con lo stesso ritmo) deve essere di legno; la scodella usata per montare la salsa deve avere preferibilmente i bordi alti.

Ricordiamo che, per la preparazione di molte altre salse, la maionese si «sposa» benissimo con la panna, lo yogurt, i sottaceti, la senape, le erbe aromatiche, le spezie, la salsa Worcester, la tomato ketchup, ecc.

sedani alla napoletana

Non c’è niente di più gustoso della maionese fatta in casa con le nostre mani!  La maionese è una salsa fantastica, di cui ancora non si conoscono perfettamente le origini. Ci sono alcune teorie a riguardo e sono in molti a pensare che nacque a Mahón, ovvero la capitale di Minorca, una delle Isole Baleari. In questo luogo paradisiaco, sarebbe stato un cuoco ad inventarla nel 1756, per volere di un duca. Ci sono anche tante altre idee a riguardo, ma quello che è certo è che questa salsa è arrivata fino ad oggi, conquistando i buongustai di tutto il mondo.

Al supermercato, ne troviamo di diverse marche, in barattolo e in tubetto, ma naturalmente non c’è niente di meglio che prepararsela in casa, con ingredienti freschi e genuini. Non credete? Tuttavia, come si sente dire spesso, questa particolare pietanza tende ad “impazzire”! Allora, quali sono i segreti per prepararla al meglio?

Dagli ingredienti alla preparazione…

Preparare questa salsa è spesso una sfida, ma lasciatevi dire che ce la possiamo fare! Ci vuole solo un po’ di pazienza, gli alimenti giusti e degli alleati che non dovremo mai sottovalutare in cucina. Partendo dagli ingredienti, è utile sapere che sono pochi. Tuttavia è doveroso sceglierli con attenzione. Infatti, per prepararla, servono sempre dei tuorli di uova, che però devono essere fresche e, ovviamente, se riuscite a prenderle da un allevatore, potrete certamente godere di un alimento molto più genuino.

Oltre alle uova, per preparare la maionese è necessario l’olio di semi (quello di oliva l’appesantisce e sovrasta gli altri sapori), un po’ di succo di limone oppure l’aceto bianco, e un pizzico di sale. La ricetta può variare in base alle vostre esigenze, ma se opterete per uova fresche e limone biologico, potrete assicurarvi non solo un sapore unico, ma anche tantissime altre proprietà organolettiche e nutrizionali che i prodotti industriali non potranno mai regalarci.

Perciò, il primo segreto consiste nella scelta dei migliori ingredienti, ma il secondo ha a che fare con la preparazione… Come possiamo evitare di farla impazzire? Il trucco è usare alimenti a temperatura ambiente e lavorarli costantemente fino a quando la pietanza non sarà pronta per essere gustata. Se si lavora a mano, è necessario cercare di mantenere sempre la stessa velocità e non cambiare la direzione mentre la si mescola. Potrà essere faticoso, ma alla fine ne varrà la pena!

Ecco altri consigli per preparare una perfetta maionese

Sappiate che se la salsa “impazzisce”, vuol dire che le uova erano troppo fredde oppure che è stato utilizzato troppo olio. In alternativa, il problema potrebbe essersi presentato durante la lavorazione. Infatti, come avrete compreso, mescolare gli ingredienti non è facile: richiede attenzione, nonché una certa pazienza e una velocità costante. Se invece si presentano dei grumi che non riuscite ad eliminare, potrebbe aiutare aggiungere qualche goccia di aceto, limone o acqua e, nei casi più estremi, un altro tuorlo d’uovo.

Tuttavia, siccome “prevenire è meglio che curare”, il consiglio finale consiste nell’usare gli ingredienti sempre nella giusta quantità e di avvalervi di un valido sbattitore elettrico, che possa garantire buone performance e proporre una velocità costante e risultati eccellenti. Questo è ciò che mi consente di preparare una maionese fatta in casa sempre deliziosa che, una volta pronta, posso conservare in un barattolo in frigo per un massimo di quattro giorni.

Provate anche voi: potrete ottenere una salsa perfetta, genuina e dal sapore molto delicato e inebriante!

Ed ecco la ricetta della perfetta maionese

Ingredienti per 4 persone

  • 2 tuorli temperatura ambiente
  • 100 gr olio extravergine oliva
  • 100 gr olio semi
  • il succo di un  limone
  • 1 pizzico sale

Preparazione

Spremete il limone. Separate i tuorli dagli albumi e versateli in una terrina, insaporiteli con un pizzico di sale.

Cominciate lavorando i tuorli con lo sbattitore e aggiungete a filo prima l’olio di oliva e poi l’olio di semi senza mai smettere di sbattere fino a che la salsa avrà preso volume.

Appena il composto si addensa diluitelo con il succo di limone e proseguite fino ad ottenere una salsa ben montata e morbida

Ingredienti per 4 persone

  • 320 gr. di sedani consentiti
  • 400 gr. di vongole
  • 400 gr. di cozze
  • 8 cucchiai di maionese consentita
  • 1 limone
  • 1 bicchiere di vino bianco secco
  • un cucchiaio di timo
  • q.b. sale

Preparazione

Fate cuocere la pasta in abbon­dante acqua salata, poi scolatela, passatela sotto l’acqua corrente fredda, scolatela di nuovo e mettetela da parte a raffreddare.

Fate aprire separata­mente le cozze e le vongole, dopo averle accuratamente lavate e spazzolate, metten­dole un due capaci pentole con un po’ di vino bianco e un piz­zico di timo. Si apriranno da sole, lascian­do sul fondo una pre­ziosa acqua che con­serverete, filtrandola con cura.

Togliete i molluschi dai gusci e metteteli a macerare per circa un’ora nel proprio sugo, più il succo di un limone. Alla fine mescolate la pasta con i molluschi e conditela con la maionese resa più fluida dall’aggiunta di quattro cucchiai del sugo lasciato dai mol­luschì.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tagliatelle al sugo di piccione

Tagliatelle al sugo di piccione, un secondo rustico

Tagliatelle al sugo di piccione, un primo diverso dal solito La tagliatelle al sugo di piccione sono un primo dal sapore forte, ma adatto a tutti i palati. Il piatto esula un po’ dalla tradizione...

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


30-04-2013
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti