Gratin di cavolfiore : da leccarsi i baffi

Tempo di preparazione:

Disporre di una buona attrezzatura in cucina può facilitare i vostri compiti. Usate per esempio recipienti di cottura con rivestimento antiaderente, in questo modo il cibo non attacca e si possono usare quantità minime di grassi. Basta un’unica precauzione: lavateli con spugnette non abrasive e non usate posate metalliche, per non intaccare il rivestimento in teflon. Quando il rivestimento è rovinato, provvedete a sostituire il recipiente. Per il forno utilizzate pirofile in porcellana e finemente decorata con richiami armoniosi ed eleganti.

Cuori, stelle e riccioli decorano il fondo della pirofile Brandani, la impreziosiscono e ne esaltano la qualità. Ideale per cuocere le tue pietanze in forno. E’ anche un complemento perfetto per servirle appena pronte direttamente in tavola!

Cercate sempre di avere a disposizione parecchie superfici orizzontali prima di iniziare i lavori: saranno preziosi piani d’appoggio, meglio ancora se si trovano vicino ai fornelli.

Prima di iniziare a preparare una ricetta radunate tutti gli ingredienti che vi servono e recuperate gli attrezzi, specialmente se sono sparsi qua e là o su scaffali in alto. Tenete sempre a portata di mano le posate che vi servono per mescolare i cibi che state cucinando, magari appoggiandoli su un piatto vicino ai fornelli.

Non dimenticate di avere sempre vicino ai fornelli anche un paio di presine o un guantone da forno.

Se dovete mescolare a lungo una preparazione calda su un fornello, usate un cucchiaio di legno, eviterete di scottarvi e non graffierete i recipienti.

Non usate pentole e contenitori troppo piccoli, eviterete che i cibi trabocchino e sporchino i piani di lavoro. Anche i taglieri è meglio che siano grandi.Se non volete sporcare teglie o tortiere usate carta da forno o foderatele con fogli di carta forno.

Non si può parlare di gratin di cavolfiore senza... soffermarsi sulle proprietà della verdura protagonista di questo piatto, perfetto per gli intolleranti al lattosio e glutine

Scopriamo assieme le proprietà dei cavolfiori

Non si può parlare di gratin di cavolfiore senza… soffermarsi sulle proprietà della verdura protagonista di questo piatto, perfetto per gli intolleranti al lattosio e glutine: i cavolfiori sono verdure che non dovrebbero mai mancare sulla tavola di chi vuole prendersi cura della propria salute.

Per quale motivo? Prima di tutto perché contengono numerosi principi nutritivi, che vanno dalla vitamina C, al ferro, al fosforo, al potassio, minerale che fa la differenza quando si parla di efficienza della circolazione ematica.

I cavolfiori, inoltre, sono depurativi e rimineralizzanti. Assieme ai broccoli, secondo quanto sottolineato da recenti studi, sono efficaci dal punto di vista della prevenzione del cancro alla prostata.

Ed ecco la ricetta del Gratin di cavolfiore

Ingredienti per 4 persone

  • 750 gr. di cimette di cavolfiore
  • 2 cucchiai di pinoli;
  • 100 gr. di parmigiano reggiano  36 mesi grattugiato;
  • 2 cucchiai di pangrattato consentito;
  • qualche filo di erba cipollina;
  • 2 cucchiaio di olio extravergine d’oliva;ù
  • sale e pepe nero q.b.

Preparazione

Mondate i cavolfiori, dividetelo a cimette e cuocetele al vapore. In una teglia ricoperta con carta forno disponete le cimette di cavolfiore cotte al vapore, regolate di sale e pepe, spolverizzate con il pangrattato mescolato al grana grattugiato e cuocete nel forno già caldo a 180°C per circa 15 minuti (o fino a doratura). Servite in tavola guarnendo con i pinoli e con l’erba cipollina tritata.

in collaborazione con Brandani

in collaborazione con Brandani Gift Group

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *