bg header

Gratin di cavolfiore : da leccarsi i baffi

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

gratin di cavolfiore

Un gratin di cavolfiore da leccarsi i baffi

Disporre di una buona attrezzatura in cucina può facilitare i vostri compiti. Usate per esempio recipienti di cottura con rivestimento antiaderente, in questo modo il cibo non attacca e si possono usare quantità minime di grassi. Basta un’unica precauzione: lavateli con spugnette non abrasive e non usate posate metalliche, per non intaccare il rivestimento in teflon. Quando il rivestimento è rovinato, provvedete a sostituire il recipiente. Per il forno utilizzate pirofile in porcellana e finemente decorata con richiami armoniosi ed eleganti.

Cuori, stelle e riccioli decorano il fondo della pirofile Brandani, la impreziosiscono e ne esaltano la qualità. Ideale per cuocere le tue pietanze in forno. E’ anche un complemento perfetto per servirle appena pronte direttamente in tavola!

Cercate sempre di avere a disposizione parecchie superfici orizzontali prima di iniziare i lavori: saranno preziosi piani d’appoggio, meglio ancora se si trovano vicino ai fornelli.

L’attrezzatura giusta in cucina è importante

Prima di iniziare a preparare una ricetta radunate tutti gli ingredienti che vi servono e recuperate gli attrezzi, specialmente se sono sparsi qua e là o su scaffali in alto. Tenete sempre a portata di mano le posate che vi servono per mescolare i cibi che state cucinando, magari appoggiandoli su un piatto vicino ai fornelli.

Non dimenticate di avere sempre vicino ai fornelli anche un paio di presine o un guantone da forno. Se dovete mescolare a lungo una preparazione calda su un fornello, usate un cucchiaio di legno, eviterete di scottarvi e non graffierete i recipienti.

Non usate pentole e contenitori troppo piccoli, eviterete che i cibi trabocchino e sporchino i piani di lavoro. Anche i taglieri è meglio che siano grandi. Se non volete sporcare teglie o tortiere usate carta da forno o foderatele con fogli di carta forno.

Gratin di cavolfiore

Scopriamo assieme le proprietà dei cavolfiori

Non si può parlare di gratin di cavolfiore, o di cavolfiore gratinato, senza soffermarsi sulle proprietà della verdura protagonista di questo piatto, perfetto per gli intolleranti al lattosio e glutine: i cavolfiori sono verdure che non dovrebbero mai mancare sulla tavola di chi vuole prendersi cura della propria salute.

Per quale motivo? Prima di tutto perché contengono numerosi principi nutritivi, che vanno dalla vitamina C, al ferro, al fosforo, al potassio, minerale che fa la differenza quando si parla di efficienza della circolazione ematica.

Le varietà di cavolfiore più conosciute

Esistono numerose varietà di cavolfiore, le quali si distinguono principalmente per il periodo in cui vengono raccolte. Dunque presentano gradi di maturazione differenti. Ecco un’esaustiva panoramica delle varietà di cavolfiore.

  • Autunnale. Si caratterizza per una infiorescenza piuttosto croccante e per un sapore corposo; è il classico cavolfiore da insalata.
  • Invernale. Come croccantezza e sapore è simile a quello autunnale, per quanto risulti al palato un po’ più dolce e morbido.
  • Primaverile. Questa varietà si caratterizza per un sapore nettamente più dolce delle altre e una morbidezza spiccata. Viene impiegata principalmente come condimento per i primi piatti.
  • Cavolfiore arancione. E’ una delle varietà che si fa notare non solo per il colore accesso, ma anche per la sua dolcezza e per un gusto decisamente più pieno. E’ il cavolfiore ideale per le zuppe, le puree, ma anche per ricette particolari come le crocchette al cavolfiore arancione. Il suo colore accesso è dovuto all’abbondanza di beta carotene, con un apporto superiore di circa il 25% rispetto alla variante bianca.
  • Cavolfiore bianco. E’ un cavolfiore che si fa apprezzare per un sapore a metà strada tra il dolce e l’aromatico. Viene spesso lessato, pur essendo sostanzialmente morbido. In questa forma, può essere utilizzato come ingrediente da insalata, magari arricchito con olio, sale e aceto. Può essere utilizzato anche per preparare risotti, sughi per la pasta e ripieni.
  • Cavolfiore verde. E’ la variante colorata del cavolfiore. Si caratterizza per la presenza del betacarotene, una sostanza che funge da precursore per la vitamina A. Per quanto concerne il sapore è sostanzialmente identico alla controparte bianca, sebbene sia un po’ più delicato.
  • Cavolfiore viola. Presenta una delle tante tonalità cromatiche del cavolfiore. In questo caso il sapore non differisce dalle altre varianti, tuttavia si rivela prezioso dal punto di vista nutrizionale. Il viola è dato dalle antocianine, dei formidabili antiossidanti in grado di contrastare i radicali liberi e agire in funzione anticancro.

I cavolfiori, inoltre, sono depurativi e rimineralizzanti. Assieme ai broccoli, secondo quanto sottolineato da recenti studi, sono efficaci dal punto di vista della prevenzione del cancro alla prostata.

Ed ecco la ricetta del Gratin di cavolfiore al forno

Ingredienti per 4 persone

  • 750 gr. di cimette di cavolfiore
  • 20 gr. di pinoli
  • 100 gr. di parmigiano reggiano  36 mesi grattugiato
  • 2 cucchiai di pangrattato consentito
  • qualche filo di erba cipollina
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • un pizzico di sale e pepe nero

Preparazione

Per preparare i cavolfiori gratinati al forno partire preriscaldando il forno a 180 gradi. Mondate e lavate i cavolfiori, eliminate le foglie esterne più dure che potete utilizzare per preparare un brodo vegetale. Dividete a cimette e cuocete al vapore per circa 15 minuti.

In una pirofila da forno ricoperta con l’apposita carta disponete le cimette di cavolfiore cotte al vapore, regolate di sale e pepe, spolverizzate con il pangrattato mescolato al formaggio grattugiato e cuocete nel forno preriscaldato a 180°C per circa 15 minuti (o fino a quando non vedete la crosticina dorata).

Servite in tavola guarnendo con i pinoli e con l’erba cipollina tritata. Il gratin di cavolfiore può accompagnare secondi piatti sia di carne che di pesce ma puo’ essere considerato anche un piatto unico.

5/5 (48 Recensioni)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Brandani Gift Group

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di ceci ed elicriso

Insalata di ceci ed elicriso, un piatto raffinato...

I ceci, dei legumi perfetti Vale la pena parlare dei ceci, che insieme all’elicriso sono i protagonisti di questa deliziosa insalata. Potremmo definire i ceci come dei legumi perfetti, infatti...

Insalata esotica con granadilla

Insalata esotica con granadilla, un contorno colorato

Le utili proprietà della granadilla L’insalata esotica che stiamo preparando ci da modo di spendere qualche parola sulla granadilla, un frutto poco comune dalle nostre parti ma molto consumato in...

Insalata di fiori di banano con fagiolini

Insalata di fiori di banano con fagiolini, un...

Parliamo dei fiori di banano Vale la pena parlare dei fiori di banano, che sono i veri protagonisti di questa insalata con fagiolini. Il nome non è creativo, ma molto descrittivo. Stiamo parlando...

logo_print