Tartellette di ricotta con peperoni e capperi

Tempo di preparazione:

L’utilizzo dei capperi in cucina è piuttosto semplice: è sufficiente lavarli con acqua corrente e togliere il sale di conserva, oppure, se si desiderano un po’ meno salati, basta lasciarli in una ciotola con acqua per circa un’ora. Per conservare i capperi, qualora siano stati acquistati in una confezione a sacchetto, basta travasarli con il sale di conserva in un barattolo di vetro e richiuderli con la capsula a vite, in modo che non perdano l’umidità, essiccandosi.

Ingredienti
Per la pasta brisée:

vedi ricetta base pasta briseè

Per il ripieno:

  • 1 peperone rosso
  • 1 peperone giallo
  • 250 g di ricotta romana di pecora
  • 50 g di parmigiano reggiano 36 mesi
  • 1 uovo intero
  • 20 g di olive nere denocciolate
  • 2 cucchiaini di capperi
  • sale

Preparazione
Preparate la pasta briseè seguendo le istruzioni riportate sulla ricetta base e  tenetela in frigo fino al momento dell’utilizzo . Dopo questo tempo riprendete la vostra palla e stendetela col mattarello sul piano infarinato, nello spessore che vi serve e ritagliate dei dischi del diametro di 10 centimetri circa. I ritagli li potete rimpastare e formare altri dischi.

Accendete il forno a 200°.Lavate i peperoni, adagiateli su una piastra da forno a 200° e cuocete per circa 20 minuti, rigirandoli sui vari lati fino a che non saranno arrostiti completamente.

Una volta raffreddati i peperoni, eliminate loro la pelle e togliete i semini interni, quindi tagliateli a strisce larghe 2 cm circa e salateli.

Frullate i peperoni, tenendone da parte qualche strisciolina per la decorazione, mescolate il composto ottenuto con la ricotta, il parmigiano, l’uovo, le olive, capperi, il sale e lavoratelo fino a renderlo cremoso.

Quando tutto è pronto si passa alla realizzazione delle tartellette, foderando gli stampi ricoperti di carta forno,  con la pasta brisée e bucherellando tutta la superficie. Riempite ogni tartelletta con la crema ottenuta e infornate di nuovo per 10/12 minuti.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *