bg header
logo_print

Drip cake ai frutti di bosco, una torta scenografica

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Drip cake ai frutti di bosco
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (2 Recensioni)

Drip cake ai frutti di bosco, una torta pensata per sorprendere

La drip cake ai frutti di bosco è una variante della tradizionale drip cake inglese. Con questa espressione si intende un tipo di torta decisamente scenografica, che vanta una copertura molto colorata lungo la superficie della torta. L’effetto è sorprendente in quanto suggerisce abbondanza ed eleganza allo stesso tempo. Le varie drip cake si differenziano per il “drip”, ovvero per la glassa utilizzata per la copertura. In questo caso la glassa è composta da cioccolato bianco, panna, glucosio, colla di pesce e ovviamente colorante alimentare. Il tutto è coronato da una manciata di frutti di bosco, tra cui fragole e more.

Un’altra peculiarità della drip cake che vi presento oggi riguarda l’impasto. Di base la drip cake non è altro che pan di spagna farcito da crema pasticceria. Tuttavia, in questo caso il pan di spagna è realizzato con farine alternative, che regalano sentori unici e rendono il dolce accessibile anche ai celiaci, mi riferisco in particolare alla farina di riso e alla fecola di patate.

Ricetta drip cake ai frutti di bosco

Preparazione drip cake ai frutti di bosco

Per preparare la drip cake ai frutti di bosco dovrete iniziare ovviamente dalla base. Versate in una planetaria lo zucchero, le uova e attivate il macchinario per montare gli ingredienti. Dopo aver ottenuto un composto spumoso, integrate una soluzione di acqua, sale e olio. A questo punto versate con estrema gradualità anche le farine miscelate con il lievito e con l’amido di mais, mescolando il tutto con una spatola. In questa fase fate attenzione a non smontare il composto. Dopo aver ottenuto un impasto dalla consistenza adeguata, versatelo in uno stampo unto con il burro e cosparso di farina. Cuocete al forno già caldo per 30 minuti a 180 gradi. Infine sfornate e lasciate raffreddare.

Ora occupatevi della crema pasticcera. In un pentolino versate il latte, la scorza di limone e la bacca di vaniglia incisa per lungo. Accendete la fiamma e fate bollire. Intanto versate le uova, lo zucchero e gli amidi in una bacinella, sbattendo il tutto con una frusta. Versate su questa soluzione quella al latte e rimettete tutto sul fuoco. Scaldate mescolando in continuazione, quando vedete le prime bolle spegnete il fuoco. Mescolate ancora, poi versate la crema su una teglia e copritela con la carta forno in modo che si raffreddi. Nel frattempo occupatevi della copertura. Versate la colla di pesce in acqua fredda, poi prelevatela e strizzatela per bene.

Ricavate un trito dal cioccolato. Poi versate in un pentolino la panna e il glucosio, infine accendete il fuoco e portate ad ebollizione. A questo punto spegnete la fiamma e unite la colla di pesce ben asciutta. Mescolate con cura fino a quando la colla di pesce non si è sciolta completamente, poi unite il cioccolato e continuate a mescolare. Infine aggiungete il colorante un po’ per volta e frullate il tutto evitando la formazione di bollicine di aria. Ora non rimane che comporre il dolce. Ricavate tre grandi fette dal pan di spagna, tagliando per lungo. Trasferite il primo strato su uno stampo a cerniera foderato con pellicola. Bagnate il pan di spagna nello sciroppo alla vaniglia. Poi montate la panna e integratela nella crema.

Distribuite un terzo della crema sul primo strato di pan di Spagna, livellando con cura. Applicate il secondo strato e distribuite su di esso un altro terzo di crema, sempre livellando. Infine applicate il terzo disco e ponete tutto in frigo per tre ore. Trascorso questo lasso di tempo, coprite con la crema rimanente. Ora scaldate la glassa portandola a 30 gradi, poi fatela colare dalla sommità del dolce lungo le pareti. Decorate con fragole e more prima di servire.

Per la base:

  • 4 uova,
  • 250 gr. di zucchero,
  • 150 gr. di farina di riso,
  • 100 gr. di fecola di patate,
  • 50 gr. di amido di mais,
  • 30 gr. di farina di pistacchi,
  • 160 ml. di acqua,
  • 120 ml. di olio di mais,
  • 1 pizzico di sale,
  • 10 gr. di lievito.

Per la crema pasticcera:

  • 250 gr. di latte intero consentito,
  • 250 gr. di panna fresca consentita,
  • 50 gr. di uova,
  • 100 gr. di zucchero semolato,
  • 17 gr. di maizena,
  • 17 gr. di amido di riso,
  • 1 stecca di vaniglia,
  • 1 limone.

Per la copertura:

  • 200 gr. di cioccolato bianco consentito,
  • 120 g di panna fresca consentita,
  • 25 gr. di glucosio,
  • 4 gr. di colla di pesce,
  • q. b. di colorante alimentare rosso (in polvere o in gel),
  • q. b. di fragole e more.

Una crema pasticcera davvero speciale

Anche questa drip cake ai frutti di bosco, come tutte le altre del resto, è farcita con la crema pasticcera. Una crema pasticcera tutto sommato classica, realizzata con latte, uova, zucchero, amidi, vaniglia e limone. Anche il procedimento non desta sorprese, in quanto impone di mescolare tra di loro una soluzione di latte aromatizzato e una soluzione di uova. Fondamentale è la gestione della temperatura e soprattutto la fase di mescolamento, che deve essere continua per evitare la formazione di grumi.

La crema di pasticceria, poi, viene arricchita con la panna. Anche la crema pasticcera può essere a prova di intolleranza al lattosio, basta sostituire il latte e i suoi derivati – ovvero la panna – con varianti delattosate. I prodotti delattosati sono buoni come quelli originali, anche perché l’eliminazione del lattosio è un procedimento naturale, che non incide sul gusto e sulle proprietà nutrizionali.

Una copertura colorata per la drip cake ai frutti di bosco

Come ogni drip cake che si rispetti, anche questa variante ai frutti di bosco fa grande affidamento sulla copertura. Una copertura davvero “particolare” in quanto è pensata per gocciolare lungo la torta. In questo caso la copertura è formata dalla glassa, a cui si aggiunge il cioccolato bianco. Una scelta che aumenta il grado di dolcezza della torta e la rende anche aromatica.

Drip cake ai frutti di bosco

E’ di dominio comune che il cioccolato bianco non sia un vero cioccolato, e in effetti non contiene cacao ma burro di cacao, latte, aromi e altri elementi di contorno. Ciò non toglie che sia non solo buono, ma anche nutriente e meno calorico rispetto al cioccolato fondente.

Nella preparazione della copertura va posta grande attenzione su due aspetti: la gestione della colla di pesce (tenete presenti anche le alternative vegetariane alla colla di pesce) e la gestione della temperatura. Prima di farla colare sulla torta, è infatti necessario portarla a 30 gradi.

Come preparare l’impasto?

La ricetta della drip cake ai frutti di bosco è solo all’apparenza difficile. In realtà è solo un po’ laboriosa, in quanto consta di numerosi passaggi. La base, per esempio, altro non è che pan di Spagna, uno degli impasti più semplici in pasticceria. Questo tipo di pan di Spagna è composto da ingredienti alternativi, come la farina di riso e la farina di pistacchi, ma il procedimento rimane lo stesso.

Vi consiglio comunque di utilizzare una buona planetaria, che dimezza il lavoro e lo rende più agevole. Con la planetaria, infatti, basta versare le uova e lo zucchero al suo interno, e montare fino ad ottenere un composto spumoso. A parte si mescola l’acqua con sale e olio, e si integra questa soluzione all’interno della planetaria. Infine si completa con le farine mescolate con gli amidi e il lievito. Le varie integrazioni vanno effettuate con estrema gradualità, mescolando con una spatola per evitare che il composto si smonti. Una volta ottenuto l’impasto, va posto in uno stampo imburrato e infarinato per poi essere cotto a 180 gradi per 30 minuti.

Ricette di torte ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...