bg header
logo_print

Contorno di fagioli zolfini, un contorno proteico

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Contorno di fagioli zolfini
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana, Cucina regionale
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Contorno di fagiolini zolfini, un piatto proteico

Oggi vi propongo un semplice e delizioso contorno di fagioli zolfini. Un contorno che richiede del tempo per essere preparato, come qualsiasi altro piatto a base di legumi, ma che coinvolge solo una manciata di ingredienti. In questa ricetta viene valorizzato l’ingrediente principale, ossia i fagioli zolfini, che possono essere considerati una della varietà di fagioli più particolari in assoluto. Il riferimento è al sapore più intenso rispetto agli altri, ma anche alla buccia molto sottile.

Per quanto concerne il procedimento non vi è nulla di complicato: i fagioli vengono cotti in acqua bollente aromatizzata con l’aglio e con la salvia. Alla fine della cottura, quando l’acqua si sarà riassorbita, vi ritroverete con un contorno di fagioli zolfini adatto ad accompagnare i secondi più disparati e, perché no, a fungere da antipasto.

Ricetta contorno di fagioli zolfini

Preparazione contorno di fagioli zolfini

Per preparare il contorno di fagioli zolfini procedete in questo modo. Lavate con cura i fagioli senza metterli in ammollo, per questo genere di preparazione non serve. Trasferite i fagioli in una pentola molto grande insieme all’acqua.

Mi raccomando, l’acqua deve essere almeno tre volte più abbondante dei fagioli; io sono andata oltre, versando 2 litri e mezzo di acqua per mezzo chilo di fagioli.

Unite anche lo spicchio di aglio e la salvia fresca. Accendete a fiamma alta, poi abbassatela non appena l’acqua andrà in ebollizione. Infine condite con il sale e proseguite la cottura per 2 ore a fiamma molto bassa.

A fine cottura controllate se manca del sale e, se necessario, aggiungetene un po’. Poi impiattate i fagioli e conditeli con un po’ di olio extravergine di olia a crudo e una sventagliata di pepe nero macinato al momento.

Ingredienti contorno di fagioli zolfini

  • 500 gr. di fagioli zolfini del Valdarno secchi
  • 2 lt e mezzo di acqua fredda
  • 1 spicchio di aglio
  • qualche foglia di salvia fresca
  • 4 o 5 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • q. b. di sale integrale grosso e di pepe nero.

Un focus sui fagioli zolfini

Nel contorno di fagioli zolfini vale la pena spendere qualche parola in più su questo tipo di fagioli. Esternamente possono essere confusi con i classici fagioli spagnoli di tipo “Corona”. Sono infatti molto chiari (quasi bianchi) ed hanno una forma leggermente allungata e dimensioni ridotte. Le maggiori differenze si notano però al palato, gli zolfini sono infatti più intensi rispetto agli altri tipi di fagioli, inoltre sono meno corposi e lineari rispetto ai classici borlotti. In linea di massima esprimono un eccellente equilibrio tra delicatezza e gusto deciso.

Un’altra caratteristica peculiare dei fagioli zolfini risiede nella buccia finissima, a tal punto che il legume non richiede una fase di ammollo particolarmente prolungata. Anzi, in questa ricetta non è richiesto nessun ammollo, ma vengono direttamente inseriti in acqua fredda e cotti prima a fiamma alta e poi a fiamma bassa. Gli zolfini eccellono anche dal punto di vista nutrizionale. Il riferimento è in particolare all’apporto di proteine, che non ha nulla da invidiare alle carni più sostanziose. Inoltre non mancano i carboidrati, a tal punto da proporsi come pasto completo, visto anche il buon apporto di vitamine e sali minerali. L’unico vero difetto dei fagioli zolfini è l’apporto calorico, che è pari a 300 kcal per 100 grammi (nella forma secca).

Il ruolo dell’aglio nel contorno di fagioli zolfini

Il contorno di fagioli zolfini è una ricetta semplice che si basa sull’ingrediente principale, tuttavia richiede almeno un alimento di supporto, ovvero l’aglio. Alcuni potrebbero storcere il naso per la sua presenza, giudicata “fastidiosa” per l’alito e comunque pesante. Non a caso, nella maggior parte delle preparazioni che ne richiedono l’uso, l’aglio viene tolto appena ha insaporito la preparazione. In questa ricetta potete decidere se togliere o lasciare l’aglio, sappiate però che questo bulbo perde gran parte delle sue caratteristiche organolettiche negative in fase di bollitura.

Contorno di fagioli zolfini

Le proprietà nutrizionali dell’aglio sono migliori di quanto si possa immaginare. Tanto per cominciare contiene l’allicina, una sostanza rara che funge da antibatterico. In un certo senso l’aglio sostiene il sistema immunitario, inoltre contiene lo zolfo e lo zinco, sostanze che fanno bene all’organismo.

Come aromatizzare questo contorno?

La semplicità della ricetta del contorno di fagioli zolfini viene declinata soprattutto nell’approccio alle spezie. Un approccio molto moderato e sobrio. Di base, oltre all’aglio, si utilizza solo la salvia, un’erba aromatica che dà il meglio di sé soprattutto con i legumi. La salvia contrappone ai sentori corposi e ordinari dei legumi una gradevole nota amarognola, inoltre colora di verde acceso le preparazioni.

La salvia esercita anche alcune funzioni importanti per l’organismo. Come molte spezie, infatti, è un buon antisettico e un leggero antinfiammatorio. Inoltre troviamo un’ottima abbondanza di vitamine, sali minerali e antiossidanti. Questi ultimi sono dei toccasana per la salute in quanto rallentano l’invecchiamento e aiutano a prevenire il cancro. Al momento dell’impiattamento, se lo gradite, potete arricchire il contorno di fagioli zolfini con un bel giro di olio extravergine di oliva a crudo.

Ricette di contorni ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di pane zichi

Insalata di pane zichi, una tipica ricetta sarda...

Cosa sapere sullo zichi Il protagonista di questa insalata è ovviamente il pane zichi, anche noto come “su zichi” (dove per “su” si intende l’articolo “il/lo”). Lo zichi è un...

Carciofi alla giudia

Carciofi alla giudia, un piatto della tradizione romana

Origini e curiosità dei carciofi alla giudia I carciofi alla giudia sono uno dei piatti più famosi e prelibati della cucina romana. La loro origine risale al XVI secolo, quando la comunità...

Insalata di quinoa natalizia

Insalata di quinoa natalizia, un’idea esotica per il...

Melograno e quinoa, un abbinamento che non ti aspetti Lo avrete già capito, i protagonisti di questa ricetta sono il melograno e la quinoa. Due ingredienti che raramente si trovano insieme, eppure...