bg header
logo_print

Tartufi al pandan, dei dolcetti deliziosi e di classe

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

tartufi al pandan
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (8 Recensioni)

Tartufi al pandan per stupire gli ospiti

Oggi vi presento i tartufi al pandan. Sono dei dolcetti molto interessanti. Da un lato sono una specialità di recupero, in quanto si realizzano con gli avanzi del pan di Spagna, mentre dall’altro possono essere considerati dei dolci d’alta classe, che meritano un posto nei menù più prestigiosi. Il motivo si intuisce dalla foto, infatti stupiscono per il colore verde acceso e per la soffice panatura di cocco rapè. Ovviamente sono anche molto buoni, e nemmeno tanto pesanti. Insomma, sono l’ideale per stupire i commensali con un dolcetto inaspettato e capace di farsi apprezzare da chiunque.

Ricetta tartufi al pandan

Preparazione tartufi al pandan

Per i tartufi al pandan iniziate sbriciolando il pan di Spagna. Poi versate in una ciotola le briciole di pan di Spagna, 125 ml. di panna fresca, il pandan e il cioccolato bianco (già sciolto a bagnomaria o al microonde). Mescolate gli ingredienti e impastateli per bene, poi ricavatene delle palline.

Passate queste palline nel cocco rapè in modo da creare una sorta di panatura. Disponete i tartufi così ottenuti in un vassoio e fateli riposare in frigo per 1 ora. Lasciate i tartufi in frigo 30 minuti prima del servizio, in questo modo gli darete la giusta compattezza prima di offrirli ai vostro ospiti. Ora non vi resta che godervi i complimenti, che vi assicuro non mancheranno!

Ingredienti tartufi al pandan

  • 1 pan di Spagna consentito (o ritagli avanzati)
  • 150 ml. di panna fresca consentita
  • q. b. di estratto di pandan in gocce
  • 150 gr. di cocco rapè
  • 100 gr. di cioccolato bianco. 

La ricetta è semplice, d’altronde l’ingrediente principale è il pan di Spagna, una preparazione base della pasticceria italiana. A tal proposito avete ampio margine di discrezione, potete utilizzare il pan di Spagna che più preferite. Se siete celiaci, o soffrite di intolleranze alimentari, potete usare le farine senza glutine. L’unico elemento di difficoltà della ricetta è dato dalla gestione degli ingredienti, o, per meglio dire, dalle proporzioni tra gli ingredienti. Esagerare con un ingrediente potrebbe generare squilibri e compromettere il risultato finale. Ad ogni modo, seguite la ricetta passo passo e andate sul sicuro.

Cos’è il pandan e quali sono le sue proprietà

L’ingrediente più suggestivo dei tartufi è proprio il pandan. E’ grazie a questo alimento che i dolcetti assumono un interessante colore verde, che crea un bel contrasto con la panatura in cocco rapè (che è bianchissima). Ma cos’è il pandan? Di base è una pianta aromatica molto diffusa e coltivata nel sud-est asiatico. Da essa si ottiene un estratto molto gustoso e di consistenza simile allo sciroppo, che inebria per l’aroma e per la capacità di interagire efficacemente con gli ingredienti. Il pandan è anche potente dal punto di vista nutrizionale. Tanto per iniziare, è una meravigliosa fonte di vitamine e sali minerali. Infatti contiene la vitamina C, che rafforza il sistema immunitario e difende dalle infezioni batteriche e virali.

Il pandan è anche molto ricco di potassio, una sostanza che migliora la circolazione del sangue, garantendone la giusta fluidità. Il pandan è anche ricco di sostanze antiossidanti, che aiutano a prevenire l’insorgenza del cancro e le malattie oncologiche in generale. In alcune culture il pandan è considerato una vera e propria medicina in quanto esercita una funzione antidolorifica e aiuta a risolvere le infiammazioni. Un altro pregio risiede nella totale assenza di glutine, non essendo una pianta cerealicola. In occasione di questa ricetta, va utilizzato l’estratto di pandan, in genere disponibile in gocce. Il pandan si integra nell’impasto composto da briciole di pan di Spagna, zucchero e limone.

tartufi al pandan

Cioccolato e lattosio, un legame particolare

La ricetta dei tartufi al pandan vede anche il contributo del cioccolato bianco. Questo ingrediente, particolarmente amato da bambini e adulti, è oggetto di alcuni pregiudizi. Tanto per cominciare non è vero cioccolato, d’altronde è completamente sprovvisto di cacao. Viene chiamato “cioccolato” in quanto è modellato in tavolette e contiene qualche elemento della pianta del cacao, ovvero il burro di cacao. Per il resto è realizzato con il latte, quindi non è adatto agli intolleranti al lattosio.

Si tratta di un altro elemento di diversità rispetto al cioccolato fondente, che è privo di latte e quindi è senza lattosio. Fanno eccezioni le varietà di cioccolato bianco, pensate appositamente per chi soffre di intolleranze. In questo caso il latte viene delattosato integrando l’enzima lattasi, un procedimento del tutto naturale, che non compromette in alcun modo il sapore nella maggior parte dei casi.

Le proprietà del cocco rapè

Un altro protagonista della ricetta dei tartufi al pandan è il cocco rapè. Questo ingrediente viene impiegato in una fase avanzata del procedimento, ossia poco prima di riporre i tartufi in frigo (operazione necessaria per stabilizzarli). Nello specifico, i dolcetti vanno passati nel cocco rapè in modo da creare una suggestiva panatura. Ma cos’è nello specifico il cocco rapè? La domanda è lecita, se si considera che spesso viene confuso con la farina di cocco. In realtà le preparazioni sono simili, infatti entrambi sono frutto della macinazione della polpa di cocco disidratata. Tuttavia, mentre la farina è macinata molto fine, il cocco rapè deriva da una macinazione grossolana. Dunque, il cocco rapè è maggiormente indicato per le panatura a freddo, che funge da guarnizione per dei dolci squisiti come i nostri tartufi.

Non vi sono invece differenze sul piano nutrizionale. Il cocco rapè, così come la farina di cocco, hanno le stesse proprietà del frutto fresco, ad esclusione della quantità di acqua, che risulta minore in questo tipo di prodotti. Il cocco rapè abbonda di vitamina C, che fa bene al sistema immunitario, di potassio e di altri sali minerali importati per il nostro organismo. Non è nemmeno troppo calorico, sebbene sia ricco di zuccheri.

Ricette con il pandan ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (8 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Banane in sfoglia con crema alle nocciole

Banane in sfoglia con crema alle nocciole, un...

La banana, un frutto dalle tante potenzialità Vale la pena parlare della banana, il vero protagonista della ricetta delle banane in sfoglia con crema alle nocciole. La banana è un frutto...

Gulab jamun

Gulab jamun, i dolcetti al latte della tradizione...

Un impasto fuori dal comune L’impasto dei gulab jamun è fuori dal comune per almeno due motivi. In primo luogo perché viene valorizzato dal cardamomo, una spezia che raramente compare negli...

Mousse di granadilla

Mousse di granadilla, un dessert per viaggiare con...

Cosa sapere sulla granadilla Vale la pena parlare della granadilla, che è l’ingrediente principale di questa deliziosa mousse. Inizio col dire che è un frutto raro a tutti gli effetti,...