Sarde speziate al forno, un secondo ricco di sapore

Sarde speziate al forno
Commenti: 0 - Stampa

Sarde speziate al forno, come valorizzare uno dei pesci più gustosi

Le sarde speziate al forno sono un secondo molto gustoso, leggero e facile da preparare. Non prevedono metodi di cottura pesanti, o che in qualche modo coinvolgono grassi aggiunti. Molto banalmente, le sarde vengono marinate e cotte al forno per qualche minuto. Il risultato è un secondo comunque morbido, dalla buona texture e abbastanza saporito.

Le carni delle sarde, gustose di per sé, vengono valorizzate dalla marinatura, che segue metodiche diverse dal solito. Infatti, il liquido di marinatura è realizzato per mezzo di tantissime spezie e viene completato in frigorifero. Un modo, questo, per impedire che il pesce inizi a macerare, un’operazione che non comporta alcun rischio per la salute, ma che pone in essere sentori non esattamente gradevoli. Le sarde, tra l’altro, si prestano a questo procedimento proprio perché le loro carni sono di base abbastanza morbide e capaci di farsi apprezzare da tutti i palati.

Cosa sapere sulle sarde

Le sarde speziate al forno hanno come ingrediente principale un una specie ittica piuttosto abbondante nel mediterraneo. Anche per questo motivo, le sarde sono tra i pesci più reperibili, nonché protagoniste di numerose ricette. Molto spesso, però, si consumano sott’olio in quanto acquistate al supermercato. Ebbene, non è il miglior modo per gustare le sarde, anche il metodo di conservazione sott’olio contribuisce ad aumentare a dismisura l’apporto calorico e, soprattutto, la quantità di grassi. Tanto vale, quindi, valorizzare le sarde in altro modo, magari mediante la cottura al forno come accade in questa ricetta. Al netto di metodi di cottura e di conservazione, le sarde sono apprezzate da tutti per le loro carni sapide e per il gusto spiccato che riescono a sprigionare. Sono apprezzate anche per le proprietà nutrizionali, che sono davvero rilevanti.

Sarde speziate al forno

Il riferimento è alla concentrazione di proteine, che eguaglia quella delle carni rosse. Inoltre, vi è un ottimo apporto di vitamine del gruppo B e vitamina D, rara in natura ma utilissima. La vitamina D, infatti, impatta in modo radicale sul sistema immunitario. Le sardine contengono anche una certa dose di grassi. La maggior parte di questi però sono grassi buoni, ovvero contribuiscono alla salute dell’organismo. Il riferimento è agli acidi grassi omega tre, che esercitano un’influenza positiva sull’apparato cardiovascolare, sulla funzione visiva e sulla funzione cognitiva. Ciononostante, l’apporto calorico non è affatto eccessivo, infatti un etto di sarde apporta circa 110 kcal. Se si utilizzano, invece, le sardine sott’olio l’apporto calorico raddoppia.

Le spezie utilizzate in questa ricetta

Il punto di forza di queste sarde speziate al forno è la marinatura. Essa assolve a due funzioni: prepara alla cottura le sarde, in grado di sopportare l’ampio passaggio al forno, e le insaporiscono in modo efficace, trasferendo aromi e sapori. Le spezie sono scelte con cura e comprendono la curcuma, il coriandolo, il cumino e il curry. La curcuma è una delle spezie più amate in assoluto, in grado di insaporire e migliorare le pietanze dal punto di vista nutrizionale e dell’impatto visivo (conferendo una bella tonalità arancione). La curcuma è soprattutto uno straordinario antiossidante, che agisce prevendo la formazione di radicali liberi in prospettiva anti-cancro.

Il cumino, invece, è una spezia particolare e di nicchia. Si caratterizza per un aroma delicato, che ad alcuni ricorda quello dell’anice. Il cumino spicca per le sue proprietà digestive, a tal punto che viene preparato sotto forma di tisana in caso di disturbi alla digestione. Troviamo poi il coriandolo, una spezia molto utilizzata per i piatti di pesce. Si caratterizza per una forma simile al prezzemolo, per quanto il suo sapore assomiglia moltissimo a quello dei semi di finocchio. Infine, non posso non citare il curry che rappresenta una vera a propria miscela di spezie, come la curcuma (responsabile del sapore), il coriandolo, il pepe nero, la cannella, i chiodi di garofano, lo zenzero, la noce moscata, il fieno greco, il peperoncino e il cardamomo.

Ecco la ricetta delle sarde speziate al forno:

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 gr. di sarde pulite,
  • 1 cucchiaio di curcuma,
  • 1 cucchiaio di cumino in polvere,
  • un cucchiaino di curry,
  • q. b. di semi di coriandolo,
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di origano fresco,
  • q. b. di sale e di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione delle sarde speziate al forno iniziate inserendo in una ciotola il curry, la curcuma, il cumino, un po’ di semi di coriandolo, quattro cucchiai di olio d’oliva, un po’ di pepe, un po’ di sale e l’origano ben sminuzzato. Mescolate con cura il tutto, poi trasferite le sarde già pulite in una pirofila e copritele con il composto di spezie che avete preparato.

Riponete la pirofila nel frigo per un paio d’ore, in modo che le sarde possano marinarsi. Trascorso questo lasso di tempo, accendete il forno a 180 gradi, inserite la pirofila e cuocete per circa 15 minuti. Servite le sarde quando sono ancora calde.

5/5 (536 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Petti di quaglia con uva rosata

Petti di quaglia con uva rosata, un secondo...

Petti di quaglia con uva rosata, un secondo dagli abbinamenti suggestivi I petti di quaglia con uva rosata sono un secondo che rompe gli schemi e stupisce sia per il gusto che per la raffinatezza...

Fritto di animelle di agnello e salvia

Fritto di animelle di agnello e salvia, una...

Fritto di animelle di agnello e salvia, un abbinamento azzeccato per una frittura squisita Il fritto di animelle di agnello e salvia è uno splendido esempio di frittura leggera. A giustificare...

Rosa di Parma

Rosa di Parma, un piatto per scoprire la...

Rosa di Parma, un piatto colorato e gustoso La Rosa di Parma, come suggerisce il nome, è una ricetta simbolo della tradizione emiliana, o meglio parmense. E’ un secondo molto gustoso e non troppo...

Pollo con funghi porcini

Pollo con funghi porcini, un secondo leggero e...

Pollo con funghi porcini, un secondo classico Il pollo con funghi porcini è un secondo piatto classico che rende molto con il minimo impegno. Gli ingredienti, infatti, si contano sulle dita di una...

Testina di vitello con ceci

Testina di vitello con ceci, un secondo speziato

Testina di vitello con ceci e rosmarino, un piatto per valorizzare un taglio di carne poco diffuso La testina di vitello con ceci e rosmarino è un secondo piatto dai sapori forti, che si fregia di...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


21-04-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti