Zuppa alla senape con porri e speck, primo sostanzioso

zuppa alla senape con porri
Commenti: 0 - Stampa

Un’oculata scelta di ingredienti per la nostra zuppa alla senape con porri e speck

La zuppa alla senape con porri e speck è una delle zuppe più saporite che possiate mai provare. D’altronde per comprenderlo è sufficiente spulciare la lista degli ingredienti: carne, verdure, spezie e molto altro ancora. Insomma, ci sono tutti i presupposti per una zuppa diversa dal solito, gustosa e che possa fungere da piatto completo. Uno degli ingrediente principali, se non il più importante in assoluto, è il porro. Tecnicamente i porri sono dei bulbi, e in quanto tali sono “cugini” dell’aglio e delle cipolle. Il loro gusto però è decisamente più delicato, a tal punto che possono essere utilizzati come ingrediente, piuttosto che come base per i soffritti. Sotto il profilo visivo, poi, potrebbero ricordare il sedano o una variante molto più chiara dello stesso.

Per quanto riguarda le caratteristiche nutrizionali, il porro ha molto da offrire. Innanzitutto ha importanti proprietà diuretiche, lassative e depurative, dunque funge un po’ da elemento riequilibrante per l’organismo. Il porro è soprattutto un eccellente antiossidante naturale, tra gli antiossidanti spiccano i flavonoidi che mantengono intatte le loro proprietà soprattutto a crudo, o in seguito a breve cottura. Importante è anche l’apporto di vitamine, e in particolare la vitamina A, K, E e C. Ottima è anche la concentrazione di sali minerali, così come l’apporto calorico minimo, sebbene sia leggermente superiore rispetto ad alcune specie vegetali. Siamo comunque sulle 60 kcal per 100 grammi.

Un ingrediente molto particolare della zuppa alla senape con porri è la crème fraiche. E’ una crema di origine francese realizzata con panna liquida fresca, un po’ di succo di limone, yogurt e sale. Viene aggiunta quasi sul finire della ricetta, una volta che è stato versato il brodo vegetale. E’ un’aggiunta molto gradevole, in quanto conferisce una nota di sapidità e un sentore leggermente acidulo alla preparazione.

zuppa alla senape con porri

Le caratteristiche organolettiche della senape

La senape gioca un ruolo molto importante in questa ricetta. Per senape, è bene specificarlo, si intende nel nostro caso la salsa (non i semi), che si trova facilmente nei supermercati all’interno dei vasetti o dei tubetti. Ad ogni modo la senape si aggiunge durante una delle fasi finali, praticamente allo stesso momento della crème fraiche. E, proprio come quest’ultima, conferisce un po’ di sapidità al piatto e aggiunge un certo sentore pungente.

Il ruolo della senape non si limita alla sfera del gusto. Può infatti offrire molto anche in termini nutrizionali, sebbene alcuni la considerano un po’ dannosa, o comunque eccessivamente grassa (un po’ come il ketchup). La senape, per esempio, è ricca di vitamine. Il riferimento è in particolare alla vitamina C, E e K, nonché a molte vitamine del gruppo B. Tra le tante proprietà della senape vi è la capacità di ossigenazione del sangue, la stimolazione della circolazione, la funzione digestiva e lassativa e il contrasto al colesterolo cattivo. Secondo alcuni studi, poi, avrebbe anche una funzione disintossicante e depurativa.

Perché abbiamo scelto la farina di riso?

La farina di riso potrebbe essere considerata un ingrediente di supporto nella nostra ricetta della zuppa alla senape. Infatti, viene inserita quasi a inizio preparazione allo scopo di garantire una maggiore corposità; ad ogni modo va “soffritta” quasi in concomitanza al porro. L’utilizzo della farina di riso rende la ricetta compatibile con i regimi dietetici dei celiaci e degli intolleranti al glutine.

La farina di riso, infatti, non contiene naturalmente questa sostanza. Sbaglia, però, chi pensa che questa farina debba essere considerata alla stregua di un banale surrogato della farina di grano classica. Infatti presenta una sua specificità dal punto di vista gustativo ed organolettico. Inoltre, possiede alcune caratteristiche nutrizionali “nobili” ed un apporto calorico medio (quasi identico a quello degli altri cereali). E’ vero, non è ricca di proteine, ma è particolarmente povera di grassi e ricca di sali minerali.

Ecco la ricetta della zuppa alla senape con porri e speck:

Ingredienti per 4 persone:

  • 200 gr. di porri;
  • q. b. di crostini consentiti;
  • 2 cucchiai di farina di riso;
  • 1 lt. di brodo;
  • 2 fette di speck spesse;
  • 2 dl. di latte consentito;
  • 200 gr. di Crème Fraîche al naturale aha! (Migros);
  • 4 cucchiai di senape;
  • 3 cucchiai d’olio extravergine di oliva;
  • q. b. di sale e pepe.

Preparazione:

Per la preparazione della zuppa alla senape iniziate riducendo i porri a rondelle molto sottili e facendoli appassire in una padella con un po’ di olio extravergine d’oliva per un paio di minuti. Aggiungete la farina di riso e soffriggete il tutto per pochissimo tempo. Poi versate il brodo e fate sobbollire per circa 10 minuti, mantenendo la fiamma a media intensità. Aggiungete anche il latte, la crème fraiche e la senape. Utilizzando un frullatore ad immersione, frullate il contenuto della padella. Aggiustate di sale, pepe e servite la zuppa decorando il piatto con i crostini e con pezzetti di speck.

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


09-11-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un delicato mix di ingredienti I maccheroncini con scampi e fiori di zucca sono un primo fuori dall’ordinario. In primo luogo perché sono conditi con...

Calamarata con merluzzo e datterini

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo estivo

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo leggero La calamarata con merluzzo, carciofi e datterini, lascia intendere un piatto a base di calamari, o magari un secondo di pesce. Invece si tratta...

Spaghetti con sarde e bottarga

Spaghetti con sarde e bottarga, un primo che...

Spaghetti con sarde e bottarga, colore e gusto per un ottimo primo di pesce Gli spaghetti con sarde e bottarga sono un piatto che incarna il rapporto tra la cucina italiana e il mare. D’altronde,...

Fettuccine Alfredo

Fettuccine Alfredo, una celebre ricetta italoamericana

La singolare storia delle fettuccine Alfredo Le fettuccine Alfredo sono una delle ricette più famose al mondo. Benché un po’ dappertutto siano considerate “italiane”, in realtà fanno parte...

Riso rosso con zucchine e menta

Riso rosso con zucchine e menta, un primo...

Riso rosso con zucchine e mente, altro che risotto Il riso rosso con zucchine e menta è una suggestiva alternativa al risotto. Anche perché rispetto a quest’ultimo porta spunti differenti. E’...

Formaggi vegetali,

Formaggi vegetali, non solo per i vegani

Cosa sono i formaggi vegetali? Per alcuni non dovrebbero essere nemmeno chiamati formaggi, per altri sono invece un’alternativa addirittura preferibile ai formaggi tradizionali. I formaggi...

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti